Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il lungo covid è psicologico? Conclusioni chiave dello studio controverso che mette in dubbio il legame tra sintomi e infezione

Sono più di 250, e i sintomi del Covid sono molti lunghi: estrema stanchezza, mancanza di respiro, dolore toracico, perdita del gusto e dell’olfatto, difficoltà di concentrazione… Ma questa forma prolungata di malattia deriva davvero da molle psichiche? È quanto suggerisce uno studio pubblicato lunedì 8 novembre. In una prestigiosa rivista scientifica, il rivista Associazione medica americana (gamma). Da allora, le critiche di scienziati e pazienti si sono moltiplicate. Franceinfo sta valutando cosa ricordare da questo sondaggio.

>>> Testimonianze. Da mesi combattono contro i sintomi della malattia Covid a lungo termine “che detta le loro vite”.

Cosa dice lo studio?

quasi 27.000 adulti, Da diversi mesi è monitorato dalle autorità sanitarie pubbliche francesi per valutare i molteplici effetti del Covid, Sono stati intervistati nell’ambito di questo studio. appartengono a Il più grande gruppo epidemico francese si chiama Constance Riunisce 200.000 volontari francesi di età compresa tra 18 e 69 anni.

Lo studio indica che per il paziente il fatto di contrarre il Covid-19 è più strettamente correlato ai sintomi lunghi dopo diversi mesi di esposizione alla malattia, che al fatto che il test sierologico risulti positivo. In altre parole: indagine Conclude che la maggior parte dei sintomi associati al Covid-19 prolungato riguarda più l’affermazione di essere un ex paziente che l’essere infetto, anche se nella maggior parte dei casi queste due condizioni si sovrappongono.

Lo studio indica un’eccezione: la perdita dell’olfatto, unico sintomo permanente associabile a una vera infezione, comprovata da un test sierologico positivo.

READ  Questi sono i primi segnali di cui dovresti essere consapevole

Risultati ‘che non mettono in discussione la lunga esistenza del Covid’

“I nostri risultati non indicano in alcun modo che i disturbi riportati dai pazienti siano fittizi o psicosomatici”., spiega a franceinfo Cédric Lemogne, capo del dipartimento di psichiatria degli adulti all’Hôtel-Dieu, a Parigi, e coordinatore dello studio. “La nostra analisi indica che la presenza di sintomi per periodi prolungati non è specificamente associata all’infezione da Covid-19. Questo studio non indica l’assenza di questi sintomi. Se i pazienti li hanno, significa che sono presenti”., insiste.

Secondo lo psichiatra, lo scopo di questo lavoro scientifico è soprattutto dimostrare che “Deve rimanere molto aperto a tutti i meccanismi che potrebbero spiegare il lungo-CoVid”. Con questo studio, Cédric Lemogne mira a prevenire i caregiver: “Vedono pazienti che pensano di avere il Covid ma che in realtà hanno avuto un altro episodio virale.Il coordinatore dello studio conclude: “Questi sintomi possono essere correlati a un’altra malattia e bisogna stare attenti ad attribuirli a una malattia Covid di vecchia data, perché si tratta di sintomi molto generali”.

Lo studio è stato criticato per essere basato su test sierologici

Questa pubblicazione è stata criticata, in particolare perché si basa su test sierologici per certificare l’esposizione al virus. “Il test sierologico (…) non può essere considerato un marker di precedente infezione”e giudice, il virologo britannico Jeremy Rosman, Citato da Science Media Center (in inglese).

“La sierologia è un modo molto imperfetto per scoprire se le persone hanno contratto il virus e sono d’accordo. Anche questo è discusso nell’articolo”, Cedric Lemony ammette. Ma secondo lo psichiatra, “La probabilità di esposizione è venti volte maggiore in caso di sieri positivi rispetto a sieri negativi”. Ha inoltre stabilito che i test sierologici positivi Copiato con diagnostica, pareri medici, test PCR o scanner.

Secondo il coordinatore dello studio, ha identificato la perdita dell’olfatto come un sintomo eccezionale “Prova che il metodo utilizzato è in grado di distinguere tra le presunte manifestazioni di Covid prolungato realmente associate all’infezione”.

I medici hanno paura di usare lo studio come strumento

Molti medici hanno paura di utilizzare i risultati pubblicati nell’articolo in gammae “Per confermarlo [le Covid long] Non è affatto un problema”Il medico americano F. Perry Wilson, professore alla Yale University, teme, Sul sito web specializzato Medscape (in inglese).

Anche questo Il caso di Jerome Larchere internista, rianimatore e specialista in malattie infettive di riferimento per il gruppo indipendente Oc Santé (che comprende una ventina di istituzioni nella regione dell’Occitania). denuncia Franceinfo a “La psicologia è dannosa per il paziente e per le dinamiche che alcuni caregiver stanno cercando di instaurare per una migliore cura” Du covid lungo.

“I sintomi sono stati confusi con le credenze. Il termine è stato citato 44 volte nello studio, e quando il termine viene menzionato con tale frequenza in un articolo è perché c’è un bias di conferma, che è molto inquietante in uno studio medico e scientifico. “

Jerome Laarchi, specialista in malattie infettive specializzato nella malattia Covid a lungo termine

a franceinfo

Il pregiudizio è stato denunciato anche da AprèsJ20, l’Associazione francese dei pazienti affetti da malattia da lungo tempo di Covid. in un Tweet pubblicato giovedì, si consideri che le conclusioni dello studio “Lo stigma prolungato e la gravità e nocività del Covid(s), tanto più che è contestato e non riconosciuto dall’intera comunità scientifica e dalle società internazionali”.