Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il declassamento del rating del credito avrà un impatto minimo sul prezzo dei titoli sovrani

Il declassamento del rating del credito avrà un impatto minimo sul prezzo dei titoli sovrani

Per quanto riguarda i mercati, non c'è dubbio che Moody's dovrebbe farlo minimo Si prevede che la possibilità che il rating sovrano della Francia venga ridotto a negativo, o più probabilmente ad Aa2, dovrebbe diminuire questo venerdì. L'ultima volta che Moody's ha cambiato il suo outlook da stabile a negativo… febbraio 2020, prima della pandemia. Da allora si è verificato un “fai tutto il necessario” e, più recentemente, un inaspettato ampliamento del deficit pubblico. Tuttavia, questo scenario lascia inalterati gli investitori.

Sicuramente un certo nervosismo sui mercati è apparso evidente alla fine di marzo con la realizzazione dello scostamento di bilancio. Ma le cose si sistemarono rapidamente. Lo spread (spread) tra il tasso di interesse in Francia e il tasso di interesse in Germania, che funge da riferimento per il tasso di interesse privo di rischio “a 10 anni”, è tornato a circa 50 punti base.

“L'impatto del declassamento del rating creditizio della Francia dovrebbe essere marginale sullo spread OAT/Bund tedesco, nell'ordine di pochi punti base. Non si tratta affatto di un cambiamento nel regime OAT, anche se Moody's, e forse S&P a maggio, lo hanno fatto. raggiunge il rating… Fitch, che rimane un buon rating.” Lo ritiene Adam Corbel, responsabile della strategia sui tassi d'interesse della Société Générale CIB.

Indulgenza del mercato

“Non è un evento dal punto di vista del mercato.” Matteo Bailly, Vice Direttore Generale di Octo Asset Management, conferma: “E se, Da un punto di vista politico, il degrado è sempre un argomento forte per gli oppositori della politica.. Dobbiamo tornare al gennaio 2012, e alla perdita da parte della Francia del prezioso rating AAA di Standard & Poor’s, il rating migliore, per notare un significativo impatto negativo sull’economia francese. Diffusione di 14 punti base, e nel luglio 2013, quando anche Fitch ha abbassato il suo rating creditizio a AAA (+11 punti base), secondo uno studio di Société Générale. Da allora, cali di un livello hanno portato a rialzi di 3-4 punti base dell'OAT rispetto al Bund. Questo non significa quasi nulla.

READ  La Francia e altri sette paesi europei si oppongono a Euro 7

Sono diverse le ragioni che potrebbero spiegare questa clemenza dei mercati riguardo ai giudizi negativi delle agenzie di rating sulla Francia. In primo luogo, i mercati anticipano possibili declassamenti del rating mentre le decisioni delle agenzie di rating sono sempre incoerenti con i dati.

Pertanto, gli investitori rimangono affezionati al debito francese. Nel settore dei tassi di interesse a lungo termine (più di cinque anni), la domanda e l’offerta determinano i tassi più della politica monetaria delle banche centrali. Se il tasso di interesse a 10 anni sull’avena si aggira intorno al 3% mentre i tassi di interesse della BCE oscillano tra il 4 e il 4,75%, è positivo che gli investitori stiano ancora acquistando debito francese.

“La domanda di avena rimane forte, non solo da parte degli investitori nazionali, ma anche da parte degli investitori internazionali. Notiamo anche che, in termini di flussi, gli investitori internazionali stanno in gran parte riempiendo il vuoto creato dalla BCE che non reinveste i titoli in circolazione.notato da Adam Corbel.

Bene sicuro

La Francia ha anche caratteristiche specifiche apprezzate dagli investitori, come la liquidità e la diversità del suo debito, una buona connettività finanziaria, un sistema bancario forte e un’economia diversificata. “La Francia è un paese altamente indebitato in una zona monetaria sovra-indebitata. Ma l’Europa offre due enormi vantaggi agli investitori: l’ombrello della BCE impedisce ai tassi di interesse, soprattutto nei paesi periferici, di andare in rovina e l’Europa rimane una delle poche zone sicure; nel mondo, con gli Stati Uniti, per collocare fondi per gli investitori internazionali, soprattutto in caso di pressioni geopolitiche.ha osservato Matthew Bailly.

READ  Une nouvelle liaison entre Toulouse et une destination ensoleillée lancée par Volotea

Inoltre, con l’aumento dei tassi di interesse, alcuni importanti investitori istituzionali, come le compagnie assicurative, stanno immagazzinando obbligazioni sovrane con un buon rating per ricostruire i loro rapporti di solvibilità, soprattutto dopo anni trascorsi ad acquistare titoli senza rendimento. Infine, il mercato Pericolo per il Nel mercato obbligazionario, dove molti investitori continuano a scommettere su tassi di interesse più bassi (che aumentano il valore dell’obbligazione).

Pertanto, l’ottimismo del mercato attualmente ha la precedenza sullo slittamento delle finanze pubbliche. In caso di crisi, il debito francese resta tra i più quotati dell’Eurozona. Ciò non significa che l’invalidità ricorrente non abbia conseguenze. “Il dibattito sul deficit in definitiva ha un impatto tanto sui tassi di cambio quanto sui tassi che la banca centrale può controllare. Di conseguenza, il prezzo dell’euro rispetto alle altre valute si è deteriorato regolarmente dal 2008”. Lo conferma Matthew Bailly.

La travagliata storia delle agenzie di rating

La leggenda risale a Eugène François Vidocq, il serial killer francese che divenne agente di polizia e fondò la prima agenzia di rating, nel 1830, per raccogliere informazioni sui mutuatari. Ma negli Stati Uniti, più o meno nello stesso periodo, le agenzie di rating si guadagnarono la reputazione… con difficoltà. Tuttavia, la crisi del 1929 stabilì il ruolo svolto dalle agenzie di rating: una legge del 1931 imponeva alle banche statunitensi di misurare i propri rischi con le agenzie di rating. Sempre nel 1931, il calo del rating della Grecia causò disordini che terminarono con un colpo di stato militare. scandalo. Per evitare un nuovo processo da parte dell’opinione pubblica, le agenzie di rating hanno smesso di valutare i paesi fino agli anni ’70, quando i paesi stessi hanno iniziato ad aumentare il debito su larga scala sui mercati finanziari internazionali. Da allora, le agenzie sono state prese di mira in ogni crisi: la crisi asiatica del 1997, la bolla delle dot-com, la bancarotta fraudolenta di Enron negli Stati Uniti, i mutui subprime del 2007 e la crisi dell’euro del 2010, soprattutto quando le agenzie furono accusate di . Uccidere la Grecia per la seconda volta. Sembra che le differenze si siano attenuate dal 2010 alla luce della loro perdita di influenza e del ruolo crescente delle banche centrali. Tranne quando Standard & Poor's avvertì erroneamente del deterioramento della Francia nel 2011… due mesi prima dell'annuncio ufficiale!

READ  Depositi e prelievi bloccati, chiusure di conti... Cosa sta succedendo a Binance France?