Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Fantascienza, rock… Culture segrete dell'URSS Chernobyl

Fantascienza, rock… Culture segrete dell'URSS Chernobyl

Il 26 aprile 1986, il nocciolo del reattore numero quattro della centrale nucleare di Chernobyl, nel nord dell’Ucraina, si sciolse prima di esplodere. Il conseguente disastro nucleare avrà conseguenze disastrose – ambientali, ovviamente, ma anche politiche. Molti osservatori ritengono che questa tragedia abbia accelerato il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991.

Come vivevano i circa 50mila abitanti di Pripyat, cittadina costruita nel 1970 per ospitare i dipendenti della centrale elettrica (situata a meno di tre chilometri di distanza) e le loro famiglie? Come erano le loro case, i luoghi pubblici e le attività ricreative? Questa domanda originale, che in definitiva ci immerge nella realtà sociale, economica, politica e culturale dell’URSS, è la questione dell’azione. 24 ore di vita a Chernobyl Scritto da Laurent Comel (INALCO), appena pubblicato da PUF, e di cui presentiamo qui un estratto dal capitolo “Dormire o svegliarsi: luci di notte a Pripyat”.

Dopo il 26 aprile 1986, Pripyat è stata completamente evacuata e ancora oggi rimane una città fantasma, abbandonata dagli esseri umani (l'accesso è vietato), invasa dalle piante, dove il livello di radioattività rimane elevato. È stato catturato dalle forze russe all’inizio della guerra nel febbraio 2022, poi ripreso dall’esercito ucraino alla fine di marzo, e da allora è tornato al letargo che vi ha prevalso per 38 anni.


[…]

Per addormentarsi o, al contrario, per restare svegli, si può anche scegliere un libro o un opuscolo sul “progresso scientifico e tecnico”. Questa è stata l'ultima espressione Al centro del progetto di rinnovamento sovietico Dalla fine degli anni Cinquanta, sulla scia della conquista dello spazio che vide l’Unione Sovietica superare gli Stati Uniti, con il primo satellite artificiale messo in orbita nell’ottobre del 1957, e poi il primo volo con equipaggio della storia nell’aprile del 1961. le tecnologie avrebbero permesso all’umanità di trascendere i propri limiti, abbondavano la letteratura e le riviste rivolte soprattutto ai giovani, ma anche il cinema sovietico, la televisione e perfino la scena urbana.

Così, a pochi chilometri da Pripyat, abbiamo trovato sul muro del centro di controllo della base militare segreta “Chernobyl-2” – il dispositivo ZATO (Zakrytoe amministrativo-territoriale obrazovanie, che letteralmente significa entità amministrativo-territoriale chiusa) completamente chiuso agli estranei, che ospitava alcune centinaia di soldati responsabili del funzionamento dell'antenna ricevente Duga 1, adibita al rilevamento dei missili intercontinentali lanciati dagli Stati Uniti -, Un murale colorato che rappresenta un cantiere nello spaziodove gli astronauti hanno sperimentato veicoli a propulsione autonoma Guerre stellari.

Un murale raffigurante Yuri Gagarin in un ufficio postale a Pripyat. Foto scattata nel 2019.
Età David Sandoval AIDS / Wikimedia, CC BY-NC

Anche i membri dell'intellighenzia scientifica e tecnica leggono molti libri di fantascienza, Di quelli riemersi grazie allo scioglimento dei ghiacciSoprattutto dopo i ventiH Il Congresso del Partito Comunista del febbraio 1956, quando Krusciov condannò quasi pubblicamente alcuni crimini di Stalin, condusse il paese sulla via della “coesistenza pacifica” basata sulla concorrenza in tutti i settori con l'Occidente, in altre parole con gli Stati capitalisti d'Europa. E il Nord America. i romani La Nebulosa di Andromeda di Ivan Efremov (1957), ripubblicato più volte, descrivendo i problemi del futuro comunismo, e molti importanti scrittori di fantascienza stranieri furono poi tradotti e pubblicati in URSS. Tra questi c'erano i romanzi dello scrittore polacco Stanislas Lem, il cui romanzo Solarispubblicato in russo nel 1962, fu d'ispirazione per l'omonimo film di Andrei Tarkovsky, uscito sugli schermi nel 1972 e che quell'anno vinse il Grand Prix al Festival di Cannes.

READ  Attirano le zanzare? La scienza finalmente spiega perché!

I più apprezzati sono stati i racconti dei fratelli Arkady e Boris Strugatsky, che, in qualità di traduttore militare per il primo, e di astrofisico per il secondo, hanno unito le loro competenze dal 1958 per descrivere, a volte in tono pessimistico, a volte umoristico, futuri o paralleli. mondi. È difficile essere un dio (1964) racconta la storia di come un agente segreto segreto, nel futuro, esplora la civiltà di un altro pianeta congelata in un'era simile al Medioevo. Il lunedì inizia sabato (1965) raffigura la vita di un informatico assunto dall'”Istituto per la Ricerca Scientifica dell'Occultismo e della Magia”, la cui sigla Lo chiamiamo così Solleva la circostanza nicchiavo, “Non importa”. Questi testi erano difficili da ottenere, in parte a causa del loro carattere sovversivo agli occhi della censura. Il romanzo di Strugatsky Picnic lungo la stradapubblicato sulla rivista alba (Afrora) nel 1972, poi in libro nel 1980, con alcune modifiche al testo richieste dalle autorità, appena ripubblicato nel 1984, e sarà nuovamente nel 1985, a testimonianza del suo successo.

Racconta la storia di un'area della Terra, “la Zona”, trasformata dal passaggio di alieni che hanno lasciato rifiuti che ne sconvolgevano l'ordine naturale e logico, dove le guide, gli “stalker”, viaggiavano per raccogliere alcuni oggetti che potrebbero essere rivenduti o utilizzati al di fuori della Zona, senza lasciare traccia. Ciò è rischioso per loro e per i loro cari. È servito come base per un altro film di Tarkovsky, in agguato (1979) con sfumature pessimistiche, incl Distribuzione limitata in URSS Ciò non gli ha impedito di ricevere riconoscimenti internazionali, incluso un altro premio al Festival di Cannes nel 1980. Questo termine in agguato (stalker in russo) è utilizzato dagli anni '90 per designare i ladri che visitano segretamente la zona di esclusione creata attorno a Chernobyl nel maggio 1986. Nel 2007 è apparso sul mercato globale il videogioco con lo stesso nome, sviluppato dalla società ucraina GSC Game World.

READ  Commenta la fin des partenariats de recherche avec la Russie pourrait-elle influencer la science mondiale ?

[…]

Negli anni '70, le audiocassette iniziarono a sostituire i nastri magnetici, molto meno pratici: questo cambiamento di apparecchiature fu accompagnato da un ampliamento senza precedenti delle possibilità di distribuzione delle opere sonore, poiché un semplice riproduttore di doppie cassette consentiva ormai una riproduzione illimitata (a condizione che avere nastri vergini) nessuna registrazione. Questo a volte viene chiamato supporto magnetizzato Basato su SamizdatIl numero di canali a disposizione dei giovani per aprirsi all’estero è aumentato, anche se i prezzi elevati dei dispositivi limitano ancora la loro trasformazione democratica a determinati collegi elettorali privilegiati.

Gli anni ’70 videro quindi una massiccia intrusione della musica occidentale nelle case urbane sovietiche, anche se rimase una minoranza nel panorama sonoro dominato da Artisti di varietà sovietici o “piattaforma”.E “La canzone dell'autore”. La prima era incarnata da star come Alla Pugacheva (Pugacheva), che nel 1986 vendette 200 milioni di dischi in Unione Sovietica, e si esibì all'estero, soprattutto nel blocco dell'Est, ma non solo. Quanto al movimento dei “Poeti”, che incarnava il secondo, divenne un fenomeno di massa negli anni del disgelo, quando nacquero i “club della canzone amatoriale” (Articolazioni samodeyatelnoï pesni), spesso sostenuto da istituti di ricerca o istituti di istruzione superiore, associati allo sviluppo del turismo_ (_turismo). Questa attività del tempo libero corrisponde a passeggiate, escursioni a piedi o in barca nella natura selvaggia, soprattutto in montagna e nei boschi.

Una delle figure più famose di questo movimento fu Vladimir Vysotsky, la stella al confine tra loro Sistema stellare Formale e culturale che può essere descritto comeMetropolitana, che comprendeva, tra l'altro, il folklore delle prigioni e dei gulag da cui traeva ispirazione. Vysotskij, “Anticonformista integrato” della sociologa Yulia Zaretskaya-BalsentiPrecedentemente aveva raggiunto la fama come attore di teatro, poi nel cinema e in televisione Ha fatto notizia all'estero Sposando l'attrice francese Marina Vladi.

Se il KGB monitorasse i suoi concerti e Ha cercato di limitare la sua popolarità nel paeseLe sue registrazioni non potevano essere trasmesse in Unione Sovietica, sebbene fossero esportate nell'Europa occidentale. Gli fu permesso di viaggiare liberamente, anche negli Stati Uniti, dove il cantante tenne concerti pubblici nel 1979. Anche lui non poté resistere agli elogi. dal mondo artistico dopo la sua morte improvvisa nel 1980. Alcuni “poeti” furono costretti ad emigrare sotto la pressione delle autorità, come Alexander Galic; Altri, con testi meno critici, potevano esibirsi in Unione Sovietica, come Bulat Okugava o Tatiana e Sergei Nikitin.

READ  I ciechi riacquistano la vista grazie a un trapianto di cellule della pelle di maiale

A quel tempo le “piste da ballo”, che esistevano dagli anni '20, venivano sostituite tra i giovani urbani dalle “discoteche” organizzate dal Komsomol in luoghi designati, anche negli edifici scolastici o universitari, così come dalle sale da ballo in alcuni ristoranti e caffè nelle principali città. Le autorità volevano frenare l’influenza occidentale: sotto Chernenko, nel 1984-1985 fu creato il KGB. Elenchi dei gruppi banditi dalle “discoteche”, come nel repertorio concertistico per “ensemble vocali e strumentali”, termine con cui allora si indicava qualsiasi gruppo musicale. Ma questi divieti non furono realmente rispettati, perché era importante attirare il pubblico per “compiere il piano”. Sotto le palle da discoteca sono state tollerate alcune deviazioni dalle prescrizioni del partito e del Komsomol.

Questi elenchi includevano anche i nomi dei gruppi sovietici, che soffrivano maggiormente della censura vocale, anche se il “Rock Club” aprì i battenti a Leningrado nel 1981, il primo del suo genere nel paese. Vi si sono esibiti, d'intesa con le autorità, gli artisti dei gruppi aderenti all'associazione che la gestisce; Dal 1983 ogni anno vi si tiene un festival che permette ai giovani talenti di esprimersi.

Questo estratto è tratto dal libro “24 Hours in Chernobyl” di Laurent Comel, appena pubblicato da PUF.

Fu lì che fece il suo debutto sul palco il gruppo Kino, fondato da Viktor Tsoi nel 1981, mentre studi semi-legali gli permettevano di registrare album, distribuendoli attraverso la produzione clandestina di cassette. Quattro album furono registrati tra il 1982 e il 1985 dal gruppo, prima di pubblicare il loro primo album ufficiale, distribuito da Melodia, nel gennaio 1986. Nel 1984, a Omsk, una grande città situata a 600 chilometri a ovest di Novosibirsk, in disparte. Nella Siberia occidentale è nato il gruppo Graydanskaya oporona (“Protezione Civile”) che, a causa del carattere sovversivo dei testi dei suoi pezzi, si limitava a concerti in appartamenti, cioè in casa, per un pubblico di addetti ai lavori.