Luglio 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’ex primo ministro Thaksin Shinawatra dovrà scontare otto anni di carcere

L’ex primo ministro Thaksin Shinawatra dovrà scontare otto anni di carcere

Il miliardario 74enne, che ha detenuto il potere dal 2001 al 2006 prima di essere rovesciato da un colpo di stato, è tornato in Thailandia martedì dopo 15 anni all’estero in fuga dalla giustizia.

L’ex leader Thaksin Shinawatra, una figura tanto controversa quanto popolare, è tornato in Thailandia martedì 22 agosto, dopo quindici anni all’estero in fuga dalla giustizia, poche ore prima di un nuovo voto per scegliere un primo ministro. Ritornato nel Paese dopo quindici anni di esilio autoimposto, dovrà scontare otto anni di carcere per tre condanne pronunciate in contumacia, ha annunciato martedì la Corte Suprema.

Il 74enne miliardario, che ha detenuto il potere tra il 2001 e il 2006 prima di essere rovesciato da un colpo di stato, deve essere detenuto a Bangkok, secondo una dichiarazione della più alta corte del paese.

Il suo aereo è atterrato intorno alle 9:00 (02:00 GMT) all’aeroporto Don Mueang di Bangkok, secondo il filmato trasmesso dalla televisione pubblica. Si è inchinato davanti a un’immagine del re Maha Vajiralongkorn, poi ha salutato centinaia di sostenitori vestiti di rosso che stavano aspettando con bandiere e canti, prima che i funzionari lo scortassero via nel procedimento legale contro di lui.

Il ritorno dà il via a una giornata cruciale per la Thailandia, poiché legislatori e senatori voteranno nel pomeriggio per nominare un nuovo primo ministro, tre mesi dopo le elezioni legislative del 14 maggio che hanno segnato una dolorosa battuta d’arresto per i generali che sono stati al potere per quasi un decennio. . E l’unico candidato all’incarico, sotto la bandiera di un partito di opposizione legato alla famiglia Shinawatra, Sritha Thavisin, si presenta a capo di una controversa coalizione di formazioni filo-democratiche e filo-militari che dovrebbero riunire il regno distrutto. . Per cui Thaksin Shinawatra incarna profonde divisioni.

READ  Flybe sta cessando le operazioni e cancellando tutti i voli

Pronti ad affrontare la giustizia

E l’ex proprietario del Manchester City Football Club ha attirato la vita politica più di vent’anni fa tra i “Reds” (suoi sostenitori) e gli “Zero” (conservatori fedeli alla monarchia). “Il giorno che stavi aspettando è finalmente arrivato.”Sua sorella, Yingluck Shinawatra, un altro ex primo ministro, ha pubblicato martedì sulla sua pagina Facebook una foto di Thaksin che indossa un abito scuro e una cravatta rossa su un jet privato. “Sono una vera maglia rossa, quando chiederanno il mio sostegno sarò sempre lì per loro (…) Non amo solo Thaksin, lo amo.”Lo ha detto Karuna Wantang, una funzionaria pubblica in pensione di 70 anni di Nong Khai (nord-est del Paese).

Il carismatico uomo d’affari, visto l’ultima volta in Thailandia nel 2008, ha detto di essere pronto ad affrontare la giustizia per poter vedere i suoi nipoti, anche se si è espresso a lungo contro le azioni politiche che cercano di allontanarsi dal potere a favore delle élite militari reali. . All’estero, è rimasto un influente attore dietro le quinte, con il suo Pheu Thai Party, controllato dalla famiglia, che continua a beneficiare della popolarità di Thaksin nelle zone rurali del nord e del nord-est. Il suo ritorno coincide con la possibile elezione del candidato Fu Tai a primo ministro, Sritha Thavisin, e parlamentari e senatori si riuniranno per votare a partire dalle 15:00 (8:00 GMT).

A luglio hanno respinto Peta Limjaroenrat, vincitrice delle elezioni per il partito Movimento Avanti, a causa del suo programma di riforme, considerato troppo estremo in opposizione alla monarchia. Il partito Pheu Thai, secondo nei sondaggi e all’opposizione negli ultimi anni, ha cercato di evitare di paralizzare il sistema in mano all’establishment conservatore, formando una coalizione di undici partiti che comprende formazioni filomilitari provenienti dal governo uscente. . Ma il sindacato ha infranto la sua promessa di non unirsi mai ai militari, e ha fatto arrabbiare alcuni dei suoi sostenitori che, come la maggioranza dei thailandesi, hanno votato per la loro rimozione dal potere.

READ  Moscou qualifie les projets de sanzioni britanniques "d'attaque ouverte" contre les entreprises russes

Argomento Muharram

I militari hanno effettuato due colpi di stato contro i primi ministri della famiglia Shinawatra, Thaksin nel 2006, e sua sorella Yingluck nel 2014, ed è l’ultimo leader civile eletto finora. I due schieramenti si sono uniti dopo lo sfondamento del movimento “Moving Forward”, che, con il sostegno delle generazioni più giovani, ha superato la divisione tra “zero” e “rosso” alle urne. Il Movimento di Avanti ha annunciato che rimarrà all’opposizione.

Srita Thavisin, una novizia politica, ha detto che non toccherà la legge sulla lesa maestà, un argomento tabù in Thailandia dove il re ha uno status quasi divino. Il magnate immobiliare sessantenne preferisce le questioni relative alla povertà e alla disuguaglianza, il che mette in risalto il suo background nel mondo degli affari. La Tailandia, che non ha riforme strutturali, ha un tasso di crescita inferiore rispetto ai suoi vicini Indonesia e Vietnam, e soffre di incertezze sul suo futuro politico.

Sritha ha bisogno della maggioranza dei voti di entrambe le Camere, in questo caso 500 rappresentanti eletti e 250 senatori nominati dai militari. E se ottiene il sostegno della maggioranza dei deputati, la sua nomina richiede la mobilitazione di una sessantina di membri del Senato.