Ottobre 1, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il medium interstellare, un mistero irrisolto

Il medium interstellare, un mistero irrisolto

Il mezzo astrale nasconde ancora molti segreti
Margherita Aero Margherita Aero Italia meteorizzata 4 minuti

Anche nei nostri articoli abbiamo parlato spesso del mezzo interstellare, è chiaro che il motivo è che si tratta della rara sostanza composta da gas e polvere che troviamo all’interno di una galassia tra le diverse stelle che la compongono, e quindi è presente ovunque nell’universo.

Scoperta del mezzo interstellare

Considerate però che è stato scoperto solo alla fine del XIX secolo, infatti prima si pensava che lo spazio interstellare fosse essenzialmente vuoto, poi All’inizio del XX secolo, più precisamente nel 1904, l’astronomo tedesco Johannes Hartmann scoprì che le stelle morenti rilasciavano nello spazio una miriade di atomi e molecole. : gas interstellare, che si trova quindi alla base della formazione di nuove stelle e pianeti.

A questo punto era evidente che quello che fino ad allora era sembrato spazio vuoto era in realtà ricco di materia che non avremmo mai potuto notare.

dopo qualche decennio, Nel 1930 toccò allo svizzero Robert Trompler scoprire la polvere interstellareil che significa che è questa raccolta di gas e materia che fa diventare rosse le stelle lontane.

La prova dell’esistenza di qualche tipo di materia nelle galassie era interamente empirica. In realtà, Gli astronomi hanno notato una certa influenza del mezzo interstellare sulle osservazioni L’estinzione della luce emessa dalla stella la cui intensità è diminuita a causa dei processi di rifrazione e assorbimento da parte del mezzo stesso.

READ  Quand le public se lève pour les femmes scientifiques

Assorbimento della luce da parte del mezzo interstellare

Proprio lo studio delle diverse bande di assorbimento, che non sono attribuite a una stella, ci ha fornito molte informazioni sulla densità e velocità dei gas che compongono il mezzo interstellare. In realtà, La composizione di questo gas può anche essere molto diversa da una galassia all’altra, ad esempio nelle giovani galassie, galassie a spirale come la nostra stessa Via Lattea, sono più abbondantinel lenticolare è poco, e nell’ovale è quasi del tutto assente.

Il tipo di assorbimento così registrato indica la presenza di grandi particelle complesse, ma permangono dubbi sulla loro esatta localizzazione e sulla particolare sostanza che causa le bande nere nello spettro luminoso.

È chiaro che man mano che la tecnologia a nostra disposizione è diventata più avanzata, sono stati compiuti enormi progressi nella comprensione della composizione chimica e della distribuzione di questa misteriosa sostanza. In realtà, Progressi significativi sono stati compiuti in questo settore solo di recente Grazie allo sviluppo tecnologico nel campo dei dispositivi infrarossi, millimetrici e sub-millimetrici, cioè nelle gamme spettrali dove queste regioni dello spazio sono meglio tracciate.

Tuttavia, ci sono ancora molti misteri riguardo al mezzo interstellare che può essere risolto solo da ulteriori studi.