Ottobre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I marinai della Via Lattea: cosa sono e perché la scienza può finalmente risolvere questo mistero?

diritti d’autore della foto, Getty Images

Una notte del gennaio 1864, da qualche parte nel sud-est del Corno d’Africa, accadde qualcosa di inspiegabile.

“Sembra che l’intero volto della natura sia cambiato”, ha scritto il capitano Raphael Sims della nave Alabama. “Intorno all’orizzonte c’era un debole bagliore, o arrossire, come se ci fosse una luce lontana, mentre c’era un cielo scuro e sinistro”. L’Alabama è uscita “all’improvviso dalle profonde acque blu in cui stavamo navigando in uno specchio d’acqua bianchissimo che mi ha stupito” e ha viaggiato “illuminata dallo strano bagliore di un fantasma marino” per diverse ore, finché tutto è finito all’improvviso come iniziò. Simes e il suo equipaggio furono tra i pochi testimoni oculari di uno strano fenomeno: un misterioso bagliore in mare, a volte visibile di notte, noto come la Via Lattea.

lampo d’acqua

Ciò che brilla naturalmente ci stupisce sempre, e quando si tratta del mare, l’effetto può essere ancora più sorprendente. Le creature bioluminescenti che le abitano regalano paesaggi magici come i mari dell’Ardora, dove le scintille del mare si illuminano al ritmo delle onde o dei nostri passi sulla sabbia. Ma il fenomeno dei mari lattiginosi è rimasto sfuggente. Sebbene sia menzionato sporadicamente nella letteratura e nella narrativa nautica, pochi lo hanno visto. E chi lo ha descritto non ha parlato di bioluminescenza breve, limitata, reattiva o di lampi blu-verdi, che è più

diritti d’autore della foto, Getty Images

Parlano di “un mare bianco latte, come se greggi di orsi bianchi pettinati dagli affioramenti vicini nuotassero intorno”, scrisse Hermann Melville nel suo libro Moby-Dick del 1851.