Novembre 29, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo la terza dose, “il richiamo immunitario può superare i sei mesi”

Scritto da Olivier Saint-Faustin

Secondo Frédéric Altare, immunologo dell’Inserm, una terza dose del vaccino è giustificata per tutti dopo sei mesi. Un vantaggio è che l’inquinamento è notevolmente ridotto

la settimana scorsa, Haute Autorité de santé ha raccomandato una terza dose del vaccino contro il Covid-19 per le persone con più di 40 anni.. Il consiglio scientifico e il comitato direttivo per la strategia sui vaccini hanno raccomandato lunedì Viene somministrato ad ogni persona vaccinata. Secondo Frédéric Altare, immunologo dell’Inserm, queste raccomandazioni vanno nella giusta direzione.

Cosa ne pensi di consigliare una terza dose a chi ha più di 40 anni?

Questo mi sembra giustificato perché l’immunità conferita dal vaccino inizia a indebolirsi in efficacia dopo 6 mesi. C’è un po’ di buon senso nell’imporre questa terza dose al momento, visti i pochi casi che iniziamo a vedere dopo sei mesi in questa popolazione, comprese le persone che sono state vaccinate. Ma è più una questione di sicurezza preventiva che una necessità assoluta.

È giustificato anche tra i minori di 40 anni?

Il declino dell’immunità dopo sei mesi è per tutte le età, anche se il rischio è maggiore nei gruppi più vulnerabili. Se l’immunità è meno buona, siamo meno protetti. Durante il periodo in cui il vaccino è molto attivo, possiamo contrarre il virus ma liberarcene quasi subito, il che significa che il rischio di contaminazione è praticamente inesistente. Quando l’immunità è diminuita, potrebbe essere necessario più tempo per sbarazzarsi del virus, durante il quale c’è un rischio maggiore di infettare gli altri.

READ  Nei pipistrelli sono stati rilevati virus vicini a SARS-CoV-2

Jean-François Delfraisy ha suscitato una risposta immunitaria “Dieci volte più forte” dopo la terza dose Anche dopo un secondo. Come si spiega?

Questo è spesso il caso dei vaccini. In effetti, le prime due dosi erano la vaccinazione completa. Sappiamo, per tutti i vaccini, che dopo un richiamo l’immunità è davvero migliorata. Oggi ci rendiamo conto che le prime due dosi erano solo la vaccinazione di base e dopo la dose di richiamo abbiamo un’immunità perfetta. Al momento, abbiamo alcuni studi su questo argomento, ma sembra che stiamo andando nella direzione che dopo la terza dose, abbiamo un’immunità potenziata che può andare oltre i sei mesi. Dopo questa terza dose, possiamo stare tranquilli più a lungo e possiamo avere protezione contro il rischio di contaminare gli altri con la vaccinazione. Questo resta da verificare, ma quelli vaccinati con tre dosi uccideranno il virus così bene da non essere affatto contagiosi, il che sarebbe un’ottima notizia. Possiamo ancora prendere il virus ma con un’immunità molto buona lo elimineremo immediatamente, quindi non lo diffonderemo più e non saremo un fattore di rischio per gli altri.

Quindi non è troppo presto per generalizzare questa terza dose a tutti sei mesi dopo la seconda?

Ad ogni ondata, ci rendiamo conto che il virus viaggia molto velocemente e che aspettare significa rischiare più casi e decessi. Quindi prima rispondiamo, più vite possiamo salvare.