Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo aver pubblicato il video, Al-Jaber afferma che il suo lavoro “è incentrato sulla scienza”.

Dopo aver pubblicato il video, Al-Jaber afferma che il suo lavoro “è incentrato sulla scienza”.

“Sono davvero stupito dai continui e ripetuti tentativi di cercare di minare il lavoro della presidenza. Tutte le sue opere sono incentrate e focalizzate sulla scienza. » Sultan Al Jaber, presidente del 28H La Conferenza mondiale sul clima (COP28) è venuta a spiegare ai media, lunedì 4 dicembre, nel pomeriggio, la controversia che aveva sollevato. Pubblicando un video Dal quotidiano britannico Guardiano.

Il filmato, che è stato rivelato domenica, mostra uno scambio di tensione tra il sultano Al Jaber e l’ex presidente irlandese Mary Robinson, membro dei Global Elders, avvenuto il 21 novembre. “Non parteciperò in nessun caso a discussioni preoccupanti. Durante questa discussione, Sultan Al Jaber dice: Non esistono studi scientifici e nessuno scenario che affermi che l’uscita dai combustibili fossili ci permetterà di raggiungere 1,5°C. (…) Mostrami la road map per abbandonare i combustibili fossili in linea con lo sviluppo sociale ed economico, senza riportare il mondo all’era delle caverne. »

Il sultano Al Jaber ha dichiarato lunedì di avere una formazione in ingegneria. “La scienza ha guidato la mia vita, Egli ha detto. La scienza dice che dobbiamo raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050 e ridurre le emissioni del 43% entro il 2030. Limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius, che è l’obiettivo più ambizioso dell’Accordo di Parigi. Dall’apertura della COP 28, giovedì 30 novembre, la Presidenza ha continuato a ribadire che l’obiettivo di 1,5°C è il suo obiettivo. “Stella del Nord”. Ho più volte affermato che ridurre ed eliminare i combustibili fossili è inevitabile. Il sultano Al Jaber ha insistito ancora.

Leggi anche: La COP28 approva l’istituzione di un Fondo per i danni climatici

La questione del futuro dei fossili

Ore prima, Majid Al Suwaidi, direttore generale della COP 28, aveva confermato che il sultano Ahmed Al Jaber aveva parlato in un’intervista con Mary Robinson dell’obiettivo di raggiungere “emissioni nette zero” nel 2050, sottolineando che “Tutti i rapporti scientifici indicano chiaramente che i combustibili fossili faranno parte del mix [énergétique] ».

Nello scenario di transizione aggiornato a settembre, l’AIE stima che la produzione di combustibili fossili nel settore energetico dovrebbe diminuire dell’83% tra il 2022 e il 2050, lasciando una produzione rimanente di 88 exajoule – rispetto ai 511 exajoule del 2022.

READ  10 faits sur les coulisses que vous ne saviez pas sur le classique de la fantascienza

Da parte sua, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) aveva previsto, nel suo rapporto pubblicato a marzo, che ciò sarebbe accaduto. L’uso di carbone, petrolio e gas deve diminuire Rispettivamente di circa il 95%, 60% e 45% entro il 2050 (rispetto al 2019) nella speranza di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. Jim Skia, capo del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, presente insieme al sultano Al Jaber durante la conferenza stampa di lunedì, ha confermato che il leader degli Emirati si è fatto vedere durante i colloqui. “Interesse per la scienza” E questo è tutto “Completamente compreso”.

Hai il 50% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.