Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il governo afferma di voler “cambiare la scala” per accelerare i progetti

Il governo afferma di voler “cambiare la scala” per accelerare i progetti

Per divulgare questa fonte energetica, i due ministri responsabili dell'Energia, Bruno Le Maire e Roland Lescure, hanno fatto diversi annunci questo pomeriggio, nel corso di un importante incontro del settore a Saint-Nazaire, presso i Cantieri Atlantici.

pubblicato


Tempo di lettura: 3 minuti

Il ministro dell'Economia Bruno Le Maire (al centro a destra) e il ministro delegato all'Industria Roland Lescure (al centro a sinistra) accolgono i dipendenti dopo l'inaugurazione del parco eolico offshore di Noirmoutier e Ile d'Ile, a Chantiers de l'Ile.  Atlantico a Saint-Nazaire, 2 maggio 2024. (LOIC VENANCE / AFP)

“Dobbiamo fare un passo da gigante”dice Bruno Le Maire. Il ministro dell'Economia ribadisce quindi gli obiettivi della Francia. Fornisce una tempistica per le procedure per i futuri parchi eolici offshore e promette progressi più rapidi per ciascun progetto. “Oggi ci vogliono dodici anni per costruire un parco eolico, il che significa che nel momento in cui si prende una decisione e poi la si attua, le tecnologie diventano obsolete e spesso perdono la loro redditività può estenderlo da dodici anni a sei anni”“, spiega il Ministro.

L’obiettivo è ambizioso: l’eolico offshore dovrebbe fornire più del 20% dell’elettricità consumata in Francia nel 2050, mentre oggi siamo vicini allo zero con un solo parco funzionante a pieno regime e due centrali che iniziano a produrre elettricità.

“Ogni passaggio sarà notevolmente semplificato e abbreviato”.

“Prima di tutto dobbiamo pulire la nostra casa.”afferma Roland Lescure, ministro dell'Energia e dell'Industria, che stabilisce come ridurre questi ritardi. “Lo Stato non è stato all'altezza del compito in termini di efficienza e rapidità delle varie fasi del capitolato. In ogni fase ci vogliono due, tre o quattro mesi e quando aggiungi due, tre o quattro mesi a ciascuna procedura, ti ritrovi con anni di istruzioni prima ancora di iniziare a progettare e costruire. In questo modo ogni passaggio sarà notevolmente semplificato e abbreviato”.

Questa semplificazione di fondo è confermata da attori del settore, come Catherine MacGregor, amministratore delegato di ENGIE, una delle società coinvolte nel parco in costruzione al largo delle isole di Yeo e Noirmoutier. “Ci stiamo lavorando da più di dieci anni“, spiega il Direttore Generale di ENGIE. Oggi, ad esempio, installeremo turbine da otto megawatt, che è la tecnologia precedente. Pertanto, vediamo che la tecnologia si sviluppa e si rinnova continuamente”. Turbina adesso “più potente” Catherine McGregor dice: “Quindi quanto più si abbrevia la scadenza per questi progetti, migliore sarà la tecnologia che si otterrà, e questo è un vantaggio per tutti.”. È positivo anche che i progetti vengano accettati a livello locale, hanno sottolineato il direttore generale e i ministri di ENGIE.

READ  I prezzi del carburante sono di nuovo vicini ai massimi storici

“Dobbiamo tenere conto di questa realtà climatica quando emettiamo gare d’appalto”.

Il governo annuncia anche le misure per rilanciare l'industria francese delle turbine eoliche offshore di cui parla Bruno Le Maire “Tutela europea”. Il Ministro annuncia l'aggiunta di nuovi standard negli appalti, norme sulle emissioni di anidride carbonica2 Ad esempio, dovrebbe consentire ai produttori francesi ed europei di essere in una posizione migliore per ottenere contratti. “Penso che sia molto sempliceContinua Bruno Le Maire, Che una pala di turbina eolica fabbricata a Saint-Nazaire, con energia a zero emissioni di carbonio in condizioni ambientali molto soddisfacenti e che non ha percorso migliaia di chilometri prima di arrivare qui, ha un’impronta di carbonio migliore di una “pala portata dentro”. 6000-8000 chilometri ed è prodotto in condizioni meno soddisfacenti. “Credo che negli appalti dobbiamo tenere conto di questa realtà climatica”.

Si tratta di una misura accolta con favore da Jules Nissen, presidente dell'Associazione per le energie rinnovabili: “Abbiamo tutte queste competenze in Europa, e in Francia, in particolare, abbiamo quattro delle dodici fabbriche europee. I Chantiers de l'Atlantique che realizzano le sottostazioni sono le aziende che realizzano le pale, i pali, i tralicci tutta una serie di comunque “La cosa buona oggi è che vediamo chiaramente la volontà del governo. Si tratta di produrre molta energia con turbine eoliche offshore e creare specifiche che consentano ai produttori di rispondere ai contenuti locali, e questa è la notizia davvero buona.” Oggi questo settore industriale delle turbine eoliche offshore rappresenta circa 8.000 posti di lavoro in Francia. Il governo punta ad arrivare a 20.000 entro dieci anni.

READ  Elon Musk nominato Persona dell'anno dalla rivista Time