Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Una sostanza chimica rilasciata può essere collegata al morbo di Parkinson

Una sostanza chimica rilasciata può essere collegata al morbo di Parkinson

Sebbene le cause esatte di questa malattia siano ancora sconosciute, i ricercatori hanno recentemente evidenziato un legame tra l’esposizione al tricloroetilene (TCE), una sostanza chimica frequentemente utilizzata per il lavaggio a secco, e l’insorgenza di questa malattia. Questa scoperta, pubblicata sul Journal of Parkinson’s Disease, getta nuova luce sui potenziali rischi associati all’esposizione a sostanze chimiche nella nostra vita quotidiana.

Cos’è il tricloroetilene (TCE)

Il tricloroetilene è un liquido chimico incolore con un odore simile al cloroformio. Non si trova naturalmente nell’ambiente ed è utilizzato principalmente in vari settori industriali e commerciali, come:

  • Lavaggio a secco professionale
  • Sgrassaggio metalli
  • Produzione di salviette detergenti
  • Formula smacchiante per vestiti e tappeti
  • Progettazione lubrificante
  • Produzione di adesivi spray

Il suo utilizzo può portare all’esposizione attraverso la contaminazione dell’aria, dell’acqua e del suolo.

Rischi connessi all’esposizione alle espressioni culturali tradizionali

Un’esposizione significativa al TCE può causare una varietà di sintomi, tra cui vertigini, mal di testa, confusione, nausea e intorpidimento facciale. Inoltre, gli studi hanno dimostrato che l’esposizione prolungata a questa sostanza chimica può aumentare il rischio di sviluppare alcuni tipi di cancro, come il cancro del rene, il cancro del fegato e il linfoma non Hodgkin.

TCE e morbo di Parkinson

Il dottor Ray Dorsey, professore di neuroscienze all’Università di Rochester e autore principale dello studio, spiega che il suo team ha deciso di esplorare il potenziale legame tra TCE e malattia di Parkinson durante la stesura del libro Ending Parkinson’s Disease.

Secondo il dottor Dorsey, il TCE, che è un noto cancerogeno, è anche associato ad altri gravi problemi di salute, come aborto spontaneo, difetti del tubo neurale, malattie cardiache congenite e molte altre condizioni mediche.

READ  Il primo ministro slovacco Robert Fico è stato ucciso

Casi di studio avvincenti

Il team del dottor Dorsey ha condotto una revisione della letteratura e identificato sette casi di persone che hanno sviluppato il morbo di Parkinson dopo l’esposizione al TCE sul posto di lavoro o nel loro ambiente. Tra questi casi c’è quello di Brian Grant, ex giocatore NBA, a cui è stato diagnosticato il morbo di Parkinson all’età di 36 anni. I ricercatori ritengono che sia stato probabilmente esposto al TCE da bambino, quando suo padre era di stanza a Army Camp Lejeune, nella Carolina del Nord, dove l’approvvigionamento idrico era contaminato dal TCE negli anni ’80.

Sono necessarie ulteriori ricerche

Mentre questi studi di casi sono convincenti, il dottor Dorsey sottolinea la necessità di ulteriori ricerche per stabilire un legame definitivo tra TCE e malattia di Parkinson. In effetti, gli studi attualmente disponibili su questo argomento sono limitati a 26, che è un numero relativamente basso data la portata dell’uso del TCE e l’inquinamento che genera.

Come ridurre l’esposizione al TCE?

Secondo i ricercatori, il modo migliore per ridurre l’esposizione al TCE è vietare la sostanza chimica, poiché rappresenta un “rischio irragionevole per la salute umana”. Chiedono inoltre di informare il pubblico, in particolare le persone che vivono vicino a siti contaminati, e impedire che questi gas entrino nelle case, nelle scuole e nei luoghi di lavoro attraverso sistemi di trattamento poco costosi, simili a quelli utilizzati per il radon.

Migliora la qualità dell’aria interna

La maggior parte delle esposizioni al TCE avviene per inalazione. Pertanto, si consiglia di aumentare la ventilazione degli ambienti interni o di utilizzare filtri dell’aria contenenti carbone attivo per migliorare la qualità dell’aria. Possono essere presi in considerazione anche sistemi più complessi, simili a quelli utilizzati per la mitigazione del radon.

READ  Donald Trump si paragona a un “Mandela moderno” e fa arrabbiare Joe Biden

Filtro per acqua potabile

TCE può anche contaminare l’acqua potabile. Per ridurre i livelli di TCE nell’acqua, si consigliano filtri a carboni attivi. I sistemi di filtrazione dell’acqua per tutta la casa possono anche aiutare a prevenire un’ulteriore esposizione durante la doccia, il lavaggio delle stoviglie o altri usi domestici.

Evitare prodotti contenenti TCE

Infine, si consiglia di evitare l’uso di prodotti di consumo che contengono TCE. Gli sverniciatori, gli smacchiatori, gli adesivi, gli sgrassanti e i sigillanti, tra gli altri, dovrebbero essere controllati per il contenuto di TCE.

La scoperta di un possibile legame tra TCE e morbo di Parkinson evidenzia ancora una volta l’importanza di regolamentare l’uso di sostanze chimiche nella nostra società. Fino a quando non verranno condotte ulteriori ricerche su questo argomento, è necessario aumentare la consapevolezza del pubblico sui rischi associati all’esposizione a sostanze chimiche e promuovere comportamenti volti a ridurre tali rischi.