Febbraio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come l’Azerbaigian ha raggiunto un consenso per organizzare il prossimo vertice sul clima

Come l’Azerbaigian ha raggiunto un consenso per organizzare il prossimo vertice sul clima

Anche Armenia e Bulgaria volevano ospitare la 29esima Conferenza delle Nazioni Unite sul clima. Alla fine i due paesi hanno ritirato la loro candidatura a favore di Baku.

Dopo gli Emirati Arabi Uniti quest’anno, un altro paese la cui economia dipende dagli idrocarburi dovrebbe ospitare la conferenza delle Nazioni Unite sul clima nel 2024. “Sono lieto di annunciare che esiste un consenso generale sulla candidatura dell’Azerbaigian ad ospitare la COP29”.Mukhtar Babayev, Ministro dell’Ambiente dell’Azerbaigian, ha dato il benvenuto durante un discorso alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) a Dubai, sabato 9 dicembre.

“Siamo molto grati per il sostegno di tutti i paesi, in particolare quelli del Gruppo dell’Europa orientale e del paese ospitante, gli Emirati Arabi Uniti. Ci impegniamo a lavorare in modo inclusivo e collaborativo con tutti, affinché la COP29 sia un successo.”– ha aggiunto Mukhtar Babayev. Commenti sostenuti dall’inviato russo per il clima, Ruslan Edilgiriev: “Accogliamo con favore l’accordo raggiunto nella Comunità dell’Europa orientale”.Come annunciato sabato.

Questi annunci, inaspettati solo pochi giorni fa, sembrano segnare la fine di diversi mesi di impedimento attorno all’organizzazione della COP29. Questa conferenza deve essere ospitata da un paese dell’Europa orientale, poiché ogni conferenza viene organizzata in una diversa regione del mondo di anno in anno. Il consenso sembra finora irrealistico, soprattutto alla luce del recente conflitto armato tra Armenia e Azerbaigian e dell’opposizione della Russia alle nomine degli Stati membri dell’UE.

Tensioni legate al Nagorno-Karabakh

Secondo il sito web Cambiamenti climatici News.comAzerbaigian, Armenia e Bulgaria hanno difeso la loro candidatura ad ospitare la 29esima conferenza delle Nazioni Unite sul clima a giugno. Era necessario raggiungere un accordo in seno al Gruppo dell’Europa dell’Est – che comprende 23 membri – per designare il Paese ospitante della prossima Conferenza delle Parti. Ma Baku e Yerevan si sono reciprocamente opposte alla candidatura del loro vicino caucasico, nel contesto del conflitto tra i due paesi, dicono i rapporti. POLITICO.

READ  La guerra in Ucraina: Bondel ha consegnato cibo alle truppe russe? Come il gruppo francese si trova in subbuglio

Per diversi decenni, Armenia e Azerbaigian sono stati ai ferri corti sulla regione del Nagorno-Karabakh, che ha una popolazione a maggioranza armena. Baku ha riconquistato questa regione a settembre dopo un fulmineo attacco contro i separatisti armeni, che ha spinto più di 100.000 residenti della regione a fuggire in Armenia. La regione è già stata testimone di due guerre, una all’inizio degli anni ’90 e l’altra nell’autunno del 2020, che hanno provocato decine di migliaia di morti.

Veto russo su uno stato membro dell’Unione Europea

Di fronte all’impasse tra Armenia e Azerbaigian, la candidatura della Bulgaria si è presentata come una possibile alternativa. Ma la Russia si è opposta a qualsiasi nomina da parte di uno stato membro dell’Europa orientale dell’Unione Europea POLITICO.

All’inizio di aprile, la delegazione russa presso l’UNFCCC ha inviato un’e-mail ai rappresentanti dei paesi dell’Europa orientale, avvertendoli di tale opposizione. “È ragionevole credere che i paesi dell’UE, guidati dalle politiche di Bruxelles, non abbiano la capacità di agire come mediatori onesti ed efficaci nei negoziati globali sul clima”.Ha spiegato in questa lettera che ha consultato Reuters.

Dietro le quinte la disputa russa “È che vengono bloccati dai paesi dell’UE su varie questioni legate alla guerra in Ucraina”Lo afferma Julian Popov, ministro bulgaro dell’Ambiente, a Politico. “In un certo senso reagiscono.”

Riscaldamento con ARM

Giovedì, cinque giorni prima della conclusione della COP 28, la dichiarazione congiunta di Armenia e Azerbaigian ha segnato un punto di svolta dopo mesi di stallo. In Questo comunicato stampa congiuntoIl Primo Ministro dell’Armenia e l’Amministrazione Presidenziale dell’Azerbaigian A “Intenzione di normalizzare i rapporti” Tra i due paesi, “E raggiungere un trattato di pace basato sul rispetto dei principi di sovranità e integrità territoriale”. Si tratta di un annuncio sorprendente, accolto con favore dalla comunità internazionale dopo che i negoziati hanno vacillato nelle ultime settimane.

READ  Venu livrer une pizza, il découvre une maison en feu et sauve cinq enfants des flammes - Edition du soir Ouest-France

La loro dichiarazione ha anche sottolineato la spinosa questione dell’organizzazione della COP29. Per mostrare a “Un gesto di buona fede”, L’Armenia ha confermato che ora sostiene la candidatura dell’Azerbaigian, “Ritiro della sua candidatura”. Il giorno successivo, un comunicato stampa del Ministero dell’Ambiente ha annunciato il ritiro della domanda bulgara. “Nello spirito di buona fede e nell’interesse di una conferenza sul clima di successo organizzata dalla Comunità dell’Europa orientale”.

“Pertanto sosteniamo la candidatura della Repubblica dell’Azerbaigian”.

Julian Popov, ministro bulgaro dell’Ambiente

In un comunicato stampa

La scelta della candidatura azera dovrà ancora essere ratificata nei prossimi giorni alla COP28. Se confermato, il nuovo paese la cui economia dipende dai combustibili fossili ospiterà i negoziati sul clima il prossimo anno. Secondo i dati, in Azerbaigian nel 2021 il petrolio e il gas sono stati responsabili del 90% dei ricavi delle esportazioni Agenzia internazionale per l’energia. Queste energie hanno inoltre finanziato circa il 60% del bilancio pubblico.

SU Cambiamenti climatici News.comL’analista Tom Evans, del think tank sul riscaldamento globale E3G, interviene sulla nomina “Insolito e inaspettato.” L’Azerbaigian è membro dell’alleanza dei paesi produttori di petrolio OPEC+. “Non ha molta esperienza in diplomazia.” da mio fratello. È anche considerato uno stato autoritario governato con il pugno di ferro Ilham Aliyev dal 2003.