Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Quasi 20 anni dopo, è ancora la migliore serie di fantascienza mai trasmessa

Quasi 20 anni dopo, è ancora la migliore serie di fantascienza mai trasmessa

Quasi 20 anni fa, il 18 ottobre 2004 per la precisione, venne lanciata la NBC Universal Battlestar Galacticarivisitando la serie degli anni ’80 immaginata da Ronald D. Moore (Uno straniero da casa, è lui). Nel corso di quattro stagioni, diversi film TV e persino film spin-off, questa saga televisiva ha lasciato il segno nei fan della serie, ma anche e soprattutto negli appassionati di fantascienza. E per una buona ragione: mette i brividi sulle produzioni dello stesso tipo sul piccolo schermo. All’improvviso, molto apprezzato Portale Stellare SG-1 Diventa (un po’) banale.

Dopo 20 anni è diventato pilota Battlestar Galactica Ancora efficace

Battlestar Galactica Tuttavia, le sue armi iniziano con una miniserie di due episodi da 90 minuti ciascuno, in cui ci troviamo in un mondo in cui il mondo delle Dodici Colonie è sotto assedio da parte di un nemico ancora irrintracciabile, i Cylon. Questi robot creati allora dagli umani sono tornati alla ribalta e hanno in dotazione nuove armi, poiché ora possono presentarsi come umani. Ma dopo questi due film TV per creare l’atmosfera, È il primo episodio in particolare che non è invecchiato neanche un po’. Battezzato “33 minuti”, riprende quasi immediatamente dopo gli eventi finora raccontati, ponendo le basi per una produzione e un ritmo che lasceranno il segno nei fan. Ogni 33 minuti, la flotta viene infatti attaccata dai Cylon, il che lascia poco spazio ai tempi morti e soprattutto permette agli sceneggiatori di esplorare fin dall’inizio la psicologia dei suoi vari personaggi, alcuni dei quali sappiamo essere dei robot infiltrati.

La tensione arriva al massimo, lo spettatore che siamo rimane in uno stato di suspense, e non ci dà tregua. Funziona perché Alla scrittura si aggiunge una messa in scena forte e densa. Che si tratti delle battaglie nello spazio, come la telecamera di bordo, o dei primi piani degli eroi in uno stato di estrema tensione, siamo, per così dire, catapultati in questa flotta in pericolo, alla ricerca di un po’ di speranza. Quando i Cylon sembrano finalmente restare indietro alla fine dell’episodio, respiriamo forte, sapendo di aver fatto un vero sforzo, come i personaggi che già apprezziamo così tanto.

Battlestar Galactica : Una prima stagione eccezionale, una serie leggendaria

E se il primo episodio di questa prima stagione vi ha già messo sulle spine, allora sicuramente non siete pronti per il resto. Ciò che fa la qualità Battlestar GalacticaÈ anche il suo modo di raccontare i problemi sociali, maestosamente ridotti alla dimensione di una flotta di umanità alla ricerca di se stessa. Politica, legalizzazione, crisi umanitarie, ma anche salvataggi e guerre inaspettate… Nei suoi quattro capitoli, La serie immaginata da Ronald D. Moore e David Heck eccelle in tutto ciò che fa. Il cast, all’epoca generalmente sconosciuto, è oggi molto rispettato dai fan, e giustamente: che si tratti di Edward James Olmos, che ha anche diretto alcuni episodi, di Mary McDonnell nei panni del boss carismatico o di Katee Sackhoff e Jimmy Bamber nei panni della coppia letale. Tra fratelli, senza dimenticare gli eccezionali Tricia Helfer e James Callis, non ci stanchiamo mai di sfogliare i 73 episodi che compongono la serie.

14 anni dopo la fine Battlestar Galactica, ricordo ancora come mi sono avvicinato al doppio giro finale. Anche se non ha soddisfatto tutti, ha fatto piangere molti spettatori per la sua precisione e la sua produzione che non è invecchiata molto. Poche serie possono vantare una qualità così fresca e piacevole da guardare, e la cui realizzazione ha richiesto quasi vent’anni. Battlestar Galactica Lui è uno di quelli. C’è molto da dire sullo show, ma queste poche righe saranno senza dubbio sufficienti per farti venir voglia di (ri)pubblicarlo su Paramount+.