Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Presto disponibili le patch per il coronavirus?

vaccino, ma senza ago. Dall’inizio dell’epidemia, progettando di
vaccinazione Inversione
COVID-19 Le macchie si moltiplicano, indicando un movimento che potrebbe rivoluzionare il modo in cui verranno somministrati i vaccini in futuro. Questa tecnica sarà in grado di evitare alcuni scoppi di lacrime per alcuni bambini, a cui non piacciono le siringhe. Ma soprattutto ha molti altri vantaggi, soprattutto in termini di distribuzione, o maggiore efficienza.

Uno studio sui topi è stato pubblicato venerdì sulla rivista progresso scientifico, ha mostrato risultati promettenti. Patch utilizzata: un quadrato di 1 cm per 1 cm, fatto di plastica, con oltre 5.000 piccoli picchi sulla sua superficie, “così piccoli che non puoi nemmeno vederli”, ha descritto il dott. David Muller, coautore dello studio e virologo presso il Università del Queensland, Australia. Queste punte sono rivestite con il vaccino, che si deposita sulla pelle quando penetra.

migliorare l’efficienza

I topi sono stati vaccinati con il cerotto (posizionato per 2 minuti), altri con gli aghi. Per la prima categoria, “Abbiamo ottenuto una risposta anticorpale molto forte, anche nei polmoni, il che è importante COVID-19» Ricercatore dettagliato. Dice che i risultati ottenuti hanno “ampiamente superato” la vaccinazione con ago.

In secondo luogo, è stata valutata l’efficacia di una singola dose. Utilizzando un adiuvante che stimola la risposta immunitaria, i topi quindi “non sono affatto malati”. I vaccini sono generalmente somministrati per iniezione intramuscolare. Il muscolo non presenta “tante cellule immunitarie necessarie per supportare un vaccino”, spiega il dott. Muller, rispetto alla pelle.

Inoltre, l’inserimento degli arti provoca piccole lesioni che avvertono il corpo di un problema e quindi stimolano una risposta immunitaria. Per lo scienziato i vantaggi di questa tecnologia sono evidenti: in primo luogo, il vaccino può rimanere stabile per un mese a 25°C, e una settimana a 40°C (rispetto a poche ore a temperatura ambiente per i vaccini). Pfizer o il nostro moderatore). Ciò consente una minore dipendenza dalla catena del freddo, che rappresenta una “sfida per i paesi in via di sviluppo”.

READ  La preoccupante deriva autoritaria del presidente Kais Saied

Facilità e quantità

Inoltre, è “molto facile da gestire”: non è più necessario personale infermieristico formato. Burak Ozdoganlar, professore di ingegneria alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh, negli Stati Uniti, lavora su queste correzioni dal 2007.

Vede un altro vantaggio: “Una quantità minore del vaccino, somministrata proprio sulla pelle, può produrre una risposta immunitaria simile a un’iniezione intramuscolare”, afferma. Un fattore importante in quanto i paesi lottano per le dosi. Riesce a produrre da 300 a 400 cerotti al giorno nel suo laboratorio, ma si rammarica di non poterlo testare vaccini a RNA messaggero con Pfizer o Moderna poiché questi gruppi non sono autorizzati a farlo.