Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La metà dei ghiacciai è destinata a scomparire entro il 2100

La metà dei ghiacciai è destinata a scomparire entro il 2100

Percentuale di raffreddamento: il 49% dei ghiacciai scomparirà entro la fine del secolo. Soprattutto quando ci rendiamo conto che corrisponde allo scenario più ottimistico, ovvero un aumento della temperatura media della Terra non superiore a 1,5 gradi Celsius rispetto a quello dell’era preindustriale. Lo studio è stato pubblicato in Scienze Egli sottolinea che con un aumento della temperatura di 4°C, almeno dall’83% al 90% dei 215.000 ghiacciai del mondo si scioglieranno entro il 2100.

Per l’autore principale dello studio, il glaciologo David Rounce, “La perdita di massa di ghiaccio è strettamente legata all’aumento della temperatura globale”.. COSÌ, “Ogni sforzo volto a limitare questo aumento sarà in grado di rallentare lo scioglimento”. La ricerca di questo assistente professore alla Carnegie Mellon University (Pittsburgh, USA) si basa sull’evoluzione delle masse stimate dei ghiacciai dal 2015. Questo calcolo è stato reso possibile grazie alla combinazione di database globali e nuovi modelli, in particolare il modello aperto. Modello Globale del Ghiaccio (OGGM). “La stima più probabile della temperatura è un aumento di 2,7°C, sulla base degli impegni climatici assunti alla conferenza sul clima COP26”., osserva lo studio. Per l’autore questo aumento di 2,7°C porterebbe a “Decomposizione massiccia negli Stati Uniti, in Canada o in Europa”.

Pertanto, su scala globale, i ghiacciai perderanno tra il 26% e il 41% della loro massa entro il 2100, rispetto al 2015, a seconda che le temperature aumentino di 1,5°C o di 4°C. Il lettore attento noterà una differenza con la cifra menzionata per prima, pari al 49%. Questa è in realtà una differenza importante: la massa totale diminuirà meno rapidamente del numero dei ghiacciai. Il motivo è semplice, come spiega David Rounce: “La maggior parte dei ghiacciai sono piccoli, meno di un chilometro quadrato. Il loro impatto sulla perdita di massa è quindi basso, ma la loro scomparsa influenzerà gli ecosistemi locali dove spesso forniscono acqua dolce alle popolazioni, come nel caso dell’Europa centrale. Comprendere l’evoluzione e la diversità dei ghiacciai del mondo richiede previsioni meteorologiche complesse, complesse e difficili da prevedere. “Alcuni dati climatici sono ancora incerti, come le precipitazioni, Scopri il mondo del ghiaccio. Non conosciamo il tempo in futuro!

Spazio da risparmiare

È difficile misurare l’evoluzione dei ghiacciai Sul posto. Queste zone sono per definizione molto inospitali, situate in quota, e necessitano di notevoli risorse per esplorarne ogni angolo. Senza dimenticare che il ghiacciaio è ancora in piedi “Il fiume si muove molto lentamente “, paragona David Ronce, il cui sviluppo deve essere misurato regolarmente per aggiornare i dati. Fortunatamente, lo spazio è venuto in soccorso dei glaciologi. Grazie alla flotta di satelliti in orbita attorno alla Terra, il ghiaccio è stato studiato per quasi cinquant’anni. È sufficiente osservarne lo sviluppo dal cielo, come è stato realizzato dal glaciologo Etienne Berthier, presso il Laboratorio di Studi di Geofisica e Oceanografia Spaziale (Legos), del Centre National de la Recherche Scientifique. “In media, ogni pixel di 100 x 100 metri di ghiacciaio è stato spostato più di 40 volte tra il 2000 e il 2020. Questo è quanto sottolinea il ricercatore. Ciò ci consente di misurare l’evoluzione delle loro altezze, e quindi i cambiamenti nelle dimensioni e la perdita di massa. ” È stato possibile produrre cinquecentomila mappe, soprattutto grazie alle misurazioni stereoscopiche, consentite dal satellite americano-giapponese Terra, equipaggiato con la fotocamera Aster ad alta risoluzione. Il dispositivo combina due fotocamere, una rivolta verticalmente verso il basso e l’altra rivolta all’indietro rispetto alla sua orbita. “Proprio come i nostri occhi separati ci permettono di vedere il terreno, due immagini della superficie terrestre nello stesso momento saranno distorte l’una rispetto all’altra, Etienne Berthier spiega. Tuttavia, le deformazioni dipendono dall’altezza un punto. Misurandoli possiamo ricostruire le altezze.

« Dopo il 2025, la nostra capacità di monitorare l’evoluzione dei ghiacciai diminuirà.

In uno studio pubblicato nel 2021, Romain Huguenet (allora impegnato in una tesi di laurea), Etienne Berthier e i loro collaboratori hanno potuto dimostrare che le perdite sono aumentate da 227 gigatonnellate di ghiaccio all’anno nel 2000 a quasi 300 gigatonnellate nel 2019. No We raccontatevi “sorpreso” Il risultato di un nuovo studio del collega David Ronce testimonia l’inevitabile perdita di quasi la metà dei ghiacciai. “Sono destinati a fallire, qualunque sia la strada che prendiamo. Questa è una nota pessimistica, ma dobbiamo tenerne conto ora.”Etienne Berthier dichiara di non essere privo di amarezza. Recentemente ha potuto constatare l’impatto di ondate di caldo sempre più frequenti, come quella avvenuta nel 2022. “In appena un anno abbiamo ricevuto un segnale satellitare molto chiaro di perdite molto pesanti nelle Alpi, Il mondo del ghiaccio è disperato. Prima questo era limitato alle parti più basse, ora lo vediamo anche ad alta quota. Ciò fa presagire un futuro oscuro, poiché i ghiacciai nel Caucaso, nelle Alpi, nelle Ande e in Africa scompariranno.

>> Leggi anche: Un gigantesco iceberg si è rotto in Antartide

Ghiacciai: perdita di massa in gradi

Ci sono ancora altri meccanismi che devono essere studiati per comprendere meglio questi futuri scioglimenti. Questo è particolarmente vero per il bianco. È noto che la neve riflette un po’ di luce, “Ma quando si sciolgono, alcuni ghiacciai si ricoprono di polvere o detriti, facendoli annerire. Osserva Etienne Berthier. Se ciò sarà confermato, dovrà essere incorporato nei modelli. Tuttavia, la perdita di massa non sarà un processo lineare, poiché l’aggiunta di acqua nei sistemi climatici locali può portare ad un aumento delle precipitazioni per un periodo di tempo. “In Islanda, l’incertezza della temperatura varia da un minimo di 0,5°C a un massimo di 2°C, David Ronse dice. Nel bacino indiano, il flusso d’acqua attraverso l’acqua di disgelo può causare inondazioni. Un’osservazione condivisa dal suo collega francese. “Ci saranno senza dubbio fasi in cui la perdita di massa si stabilizzerà, prima di aumentare durante i periodi di siccità”. Per migliorare i suoi modelli, David Rounce spera di tornare presto nel suo posto preferito quando era studente: l’Alaska. In questi ghiacciai ha descritto come “Fantastico ma accessibile” Spera di condurre nuovi studi sul sito per comprendere meglio il fenomeno della perdita di massa. “Speriamo anche di analizzare l’impatto di eventi violenti, come siccità e incendi”.

Etienne Berthier promuove nuove telecamere spaziali. “Dopo il 2025, la nostra capacità di monitorare l’evoluzione dei ghiacciai diminuirà”., secondo Ice World. In questione è la fine della missione Terra, l’unico satellite ad accesso libero dotato dei famosi occhi stereoscopici a queste latitudini. Mentre i ghiacciai si sciolgono, cosa c’è di peggio che chiudere un occhio?

Anche i ghiacciai hanno le loro “stelle” e l’UNESCO le custodisce. L’organismo mondiale ha infatti individuato molteplici siti di rilevanza culturale. Troviamo così le Lacrime di Haine Hukatiri, un ghiacciaio nel sud-ovest della Nuova Zelanda il cui nome deriva da una leggenda Maori. In Perù, il Festival della Stella di Neve, o Qoyllur Rit’i, riunisce ogni anno decine di migliaia di pellegrini che vengono a celebrare i ghiacciai delle Ande. (immagine). L’elenco comprende cinquanta ghiacciai in tutto il mondo, dall’emisfero settentrionale (Canada, Stati Uniti, Danimarca e Svizzera) all’emisfero meridionale (Kenya, Tanzania e Congo). Purtroppo, secondo l’ultimo rapporto, almeno un terzo di questi famosi ghiacciai scomparirà entro il 2050. E con lo scenario più ottimistico di 1,5°C…

© Alfred Pasica / Biblioteca scientifica delle immagini

Quando pensiamo ad un ghiacciaio immaginiamo un ambiente freddo. Tuttavia, in tutto il mondo, i ghiacciai si trovano in regioni molto diverse. Dove aspettarli: Alaska, Groenlandia, Canada… ma anche in zone che uniscono deserti e foreste tropicali! Così, in Ecuador, paese noto per i suoi paesaggi tropicali, tra le cime innevate si nascondono maestosi ghiacciai. È il caso del Monte Cotopaxi o Cayambe, che si trova ad un’altitudine di 5.897 metri e 5.790 metri sul livello del mare, o del Monte Chimborazo, che si trova ad un’altitudine di 6.268 metri. I ghiacciai si trovano anche in Africa, attorno al Kilimangiaro, in Tanzania (appena a sud dell’equatore); In Argentina con il Perito Moreno (nella foto sotto), nella Patagonia. Queste aree ospitano ecosistemi unici e ne nutrono altri grazie alla loro influenza sul clima locale (precipitazioni, approvvigionamento di acqua potabile, ecc.). Per non parlare delle risorse legate al turismo, perché i ghiacciai attirano folle, come accade in Islanda con il famoso Vatnajokull. Sfortunatamente, questi ghiacciai nelle regioni temperate sono i più fragili. In Francia, il famoso ghiacciaio Mer de Glace, che si estende per circa 7 km, perde circa 10 cm al giorno. Poi si sviluppa una nuova forma di turismo, più scoraggiante, mentre i visitatori cercano di contemplarla un’ultima volta.

READ  In Nouvelle-Aquitaine, il tasso di terapia intensiva non vaccinata è 18,5 volte superiore a quello della vaccinazione