Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli specialisti avvertono prima del quarto compleanno dell’epidemia

Gli specialisti avvertono prima del quarto compleanno dell’epidemia

L’epidemia di Covid-19 non è ancora finita in Francia. Prima delle vacanze di fine anno, sia gli specialisti che le autorità invitano a non allentare le misure di barriera e la vaccinazione.

Il Covid-19 rovinerà le feste? A dieci giorni da Natale l’epidemia registra un ulteriore progresso, anche se è ancora difficile da misurare a causa di un numero limitato di indicatori rispetto al picco dell’epidemia.

“Non abbiamo tanti indicatori come in altri periodi, ma i gruppi di indicatori stanno convergendo: la circolazione del virus è molto intensa”, spiega Etienne-Simon Laurier, capo del Centro di riferimento nazionale per i virus delle infezioni respiratorie presso l’istituto . Istituto Pasteur.

Nella medicina di comunità così come negli ospedali, l’attività legata al Covid ha registrato ancora una volta un “leggero aumento”, soprattutto per gli anziani, secondo l’ultimo bollettino della sanità pubblica francese, una settimana fa. Solo al pronto soccorso si sono successivamente registrate più di 4.350 visite settimanali per sospetto Covid, seguite da più di 1.820 ricoveri ospedalieri.

“Con il Covid ci troviamo in una fase intermedia, non ancora endemica come l’influenza stagionale”, afferma Xavier Lescure, specialista in malattie infettive e membro del COVAR.

L’alternativa…immunità bassa…inverno…

Sono diversi i fattori che potrebbero spiegare la ripresa – moderata al momento – dei casi di Covid-19. “Dall’inizio dell’epidemia, le ondate si sono verificate ogni quattro mesi circa, principalmente a causa del calo dell’immunità della popolazione”, sottolinea Xavier Lescure.

A questo fenomeno si aggiunge “il previsto ritorno dell’inverno, con temperature esterne più basse e più tempo trascorso in ambienti chiusi, dove la trasmissione del virus è facilitata”.

Anche le variabili commerciali possono giustificare questa ripresa. XBB.1.5, XXB.1.16, EG.5, BA.2.86… Molti lignaggi sono sotto controllo speciale. Ma uno di loro, chiamato JN.1, è al centro di tutta l’attenzione. È responsabile del 30% delle infezioni osservate nei laboratori all’inizio di dicembre.

READ  Quali fattori dello stile di vita sono i principali responsabili dello sviluppo del cancro?

“JN.1 è emerso all’improvviso ed è più trasmissibile dei suoi predecessori, con una capacità di fuga immunitaria non meno importante di quella dei suoi cugini XBB (…) ma dovuta a un insieme di mutazioni genetiche completamente diverse”, ha spiegato Etienne Simon. -Laurier.

Paura di una nuova tripla epidemia

Tuttavia, questa variante non presenta, in questa fase, rischi maggiori rispetto ad altri ceppi del virus. Nel corso di diverse ondate, la vaccinazione e l’immunità correlata alle infezioni hanno consentito di ridurre lentamente i ricoveri ospedalieri e i decessi associati a COVID-19.

I sistemi sanitari temono ancora il ripetersi della tripla epidemia nell’inverno del 2022. La diffusione simultanea del coronavirus e delle epidemie di influenza e bronchiolite hanno messo sotto pressione gli ospedali.

Per evitare questo scenario, anche se stanno già emergendo nuove tensioni, il governo collega la sua campagna di vaccinazione a richiami di gesti di buffering:

Le autorità insistono sul fatto che “in questo contesto, e viste le riunioni familiari in occasione delle vacanze di fine anno”, la vaccinazione resta cruciale. Meno di un quarto dei francesi di 65 anni o più ha ricevuto un sollecito dall’inizio della nuova campagna, all’inizio di ottobre.

In generale, i francesi devono anche reimparare ad abbracciare i gesti di barriera, come evidenziato dall’Organizzazione francese della sanità pubblica. In Il suo barometro A partire dal novembre 2023, l’agenzia ha ritenuto “insufficiente” l’adozione di tali segnali “anche in caso di situazioni pericolose”. È sempre obbligatorio indossare una maschera, lavarsi le mani e ventilare regolarmente.

I più letti