Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Giro: Maglia nera, salumi e soldi… perché alcuni corridori hanno faticato ad arrivare ultimi al Giro d’Italia

Giro: Maglia nera, salumi e soldi… perché alcuni corridori hanno faticato ad arrivare ultimi al Giro d’Italia

essenziale
Da anni i corridori del Giro d’Italia cercano in tutti i modi di arrivare ultimi in questa tappa della corsa. Viene effettivamente istituita la seconda fila, dal basso.

Prende il via sabato 4 maggio la 107esima edizione del Giro d’Italia, un’occasione per fare un po’ di storia e tornare a un tempo in cui la maglia rosa non era l’unico premio per i vincitori del Giro d’Italia. Nel dopoguerra un giornale italiano introdusse una maglia specifica La gazzetta dello sport. Viene assegnato al corridore arrivato ultimo con la maglia nera e al Giro d’Italia.

L’obiettivo era quello di “creare una gara nella gara” come i nostri coetanei Francia occidentale. La maglia rosa era fuori dalla portata di tutti, quindi la battaglia per la maglia nera sembrava un po’ più possibile.

Per saperne di più:
Video. Giro d’Italia 2024: “Devo dare priorità alla mia salute…” Wood van Aert si ritira dal Giro, sostituito dal francese

Il maestro indiscusso

Vincere la maglia nera non portava certo lo stesso prestigio della maglia rosa, ma comportava comunque un certo numero di soddisfazioni. L’ultimo classificato è tornato a casa con utensili da cucina, salumi, olio d’oliva e denaro.

Per saperne di più:
Ciclismo: Thibaut Pinot mette all’asta la sua maglia del Giro e raccoglie fondi per i tifosi del Paris Saint-Germain

Questa famosa maglia nera era molto popolare tra alcuni corridori e uno di loro era particolarmente bravo a ottenerla. Si chiama Luigi Malabrocca e questo italiano ha fatto di tutto per arrivare ultimo al Giro. Per questo non è raro che si fermi a mangiare nei bar o si nasconda nei boschi per ammazzare il tempo.

#Ricordiamolo

Anche il recente arrivo nel ciclismo è stato glorioso

La maglia nera è ormai diventata un simbolo dell’immaginario collettivo del Giro d’Talia.

Un cimelio indossato dal tortonese LUIGI MALABROOCCA (1946 e 1947) è il più famoso. #22Giugno 1920 pic.twitter.com/1x8WLM0nfG

— Tempo di ciclismo (@CyclingTime News) 22 giugno 2018

Luigi Malabrocca era così fiero del suo ultimo posto che continuò: “So cosa vuol dire essere settimo, ultimo su sette”. Il corridore ha fatto tutti i trucchi possibili per ottenere la maglia nera. Ha pescato, nascosto in una grotta, e ha guidato ogni oggetto appuntito per forare la ruota della sua bicicletta.

READ  Classifica del British Open 2021: risultati del round, della tabella e del golf in tempo reale oggi nel round 2

Fine del dominio

Ma nel 1949 un altro pilota cercò di rubare i riflettori; E’ San Carlo. Per non perdere questa incongrua classifica, Malabrocca si ferma a pochi metri dall’arrivo e va a chiacchierare con un cliente del bar. Carolo poi muore. Ma i cronometristi, esasperati dal comportamento di Malabroca, lo acclamarono vincitore pur avendo giocato un brutto scherzo. Carolo ha finalmente vinto la maglia nera.

Dopo questo incidente Luigi Malabrocca decise di correre con la concorrenza e poco dopo vinse il Giro di Jugoslavia.

Questa distinzione fu abolita nel 1951 per evitare a tutti i costi che i corridori fallissero. Riapparirà nel 1967 in occasione della cinquantesima edizione del Giro.