Luglio 19, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Geert Wilders, l’indistruttibile figura dell’estrema destra – Liberazione

Geert Wilders, l’indistruttibile figura dell’estrema destra – Liberazione

L’infaticabile leader del Partito della Libertà olandese ha appena vinto le elezioni legislative e continua a portare avanti la sua ossessione anti-Islam e anti-immigrazione.

Per quasi vent’anni, la sua acconciatura bionda arruffata e arruffata ha perseguitato il panorama politico olandese e ha regolarmente inviato ondate di paura in tutta l’Europa occidentale. Geert Wilders, il 60enne chiaro vincitore delle elezioni legislative olandesi, è un punto fermo dell’estrema destra europea. È diventato noto per la sua aspra critica all’Islam, prima di diventare Mr. Next a metà degli anni 2000, per poi essere paragonato a Donald Trump per il suo senso di stravaganza e l’uso dei social media.

Negli ultimi anni è stato un po’ dimenticato, oscurato dal fugace successo del Forum per la Democrazia guidato da Thierry Baudet, un giovane leader di estrema destra ancora più formidabile del suo padre maggiore. Con la clamorosa vittoria di mercoledì, Wilders ha appena annunciato il suo ritorno in prima linea. Il suo Partito per la Libertà, PVV, ha ottenuto 37 seggi in parlamento, ma il biondo alto rimane l’unico membro ufficiale del suo partito. Queste coccole risalgono al 2004, quando Wilders, allora giovane parlamentare della destra liberale, lasciò il suo partito per protestare contro l’apertura dei negoziati di adesione all’UE con la Turchia e cominciò a sedersi da solo.

Vietare le moschee

Due anni dopo, creò il Partito della Libertà Contro la Libertà (PVV) per combatterlo “Islamizzazione della società”. La religione islamica è la sua grande ossessione. sta facendo una campagna per vietareIl Corano fascista» al quale viene paragonato Il mio KempfDescrive l’Islam come “Ideologia culturale arretrata“Spiega che vuole pagare gli immigrati musulmani per lasciare i Paesi Bassi e privarli della cittadinanza”.Criminali musulmani“Prima che fossero espulsi. Nel 2008, ha pubblicato online un cortometraggio di diciassette minuti intitolato Cospirazione (“Disaccordo” in arabo), con l’intenzione di mostrare la lettera “fascista“Dal Corano. Ciò lo ha portato a essere minacciato di morte e ad una maggiore protezione della polizia sotto la quale continua a vivere.

READ  Sono stati segnalati scontri tra soldati russi e gruppi filo-ucraini nelle regioni russe di Belgorod e Kursk.

Quindici anni dopo, il suo programma non è cambiato molto. Il manifesto del Partito della Libertà pubblicato per le elezioni prevede ancora di vietare le moschee e il Corano e di privare della cittadinanza i criminali di origine straniera. Ma Wilders ha saputo portare sul tavolo anche altre questioni, il che spiega in parte la sua vittoria. Ex liberale che ha chiesto il disimpegno dello Stato a tutti i livelli, sostiene una strana combinazione di tasse basse e assistenza sociale. Fondato da Wilders, il suo partito “Ha creato un collegamento tra la sua piattaforma anti-immigrazione e i tagli fiscali: l’immigrazione aumenta il bisogno di previdenza sociale, e ha calcolato che tagliandola, potremmo tagliare le tasse”.ha osservato nel 2017 Alexander Afonso, professore di politiche pubbliche all’Università di Leiden, in un articolo per Giacobini.

Contro le “orde” di lavoratori dell’Est

In effetti, l’immigrazione è un’altra delle preoccupazioni di Wilders. Vuole impedire l’arrivo di nuovi richiedenti asilo e ridurre il numero di lavoratori europei nei Paesi Bassi. I suoi ripetuti attacchi contro gli olandesi di origine marocchina nel 2014 hanno portato i suoi sostenitori a urlare “Meno marocchini» Nel corso di un incontro – che ha portato ad un’azione legale con l’accusa di incitamento all’odio. È stato condannato nel 2020, ma gli incidenti sono stati riclassificati come insulti. Riguardo ai lavoratori dell’Est europeo ha parlato di “Orde» Nel 2012, ha incoraggiato i suoi sostenitori a includere “Fastidi» Su un sito web dedicato.

Questa pesante responsabilità ha finora impedito al presidente del Partito della Libertà di arrivare al potere. Nel 2010, il suo partito ha sostenuto un governo di destra senza parteciparvi, e ha pagato un caro prezzo alle elezioni successive perdendo un terzo dei suoi seggi. Wilders è riuscito a riprendersi promuovendo l’uscita dell’Olanda dall’Unione Europea, in un momento in cui il Regno Unito non aveva ancora deciso di indire il proprio referendum. Questa richiesta è ancora presente nel suo programma, come nel caso di molte misure in conflitto con l’adesione all’UE, ma non ne fa più il suo cavallo di battaglia.

READ  Volodymyr Zelensky ha riferito di "azioni di controffensiva" ucraine sul fronte

Scettici del clima

Nonostante queste preoccupazioni, vicine a quelle di molti altri leader di estrema destra, Wilders ha rifiutato a lungo i paragoni con Marine Le Pen e il suo partito. “Il nuovo Mussolini” Italiani. È un vero sostenitore di Israele, dove ha trascorso alcuni mesi in gioventù. A questo proposito, le origini antisemite del Raggruppamento Nazionale hanno impedito a lungo il riavvicinamento al Partito della Libertà. Quando il partito ha finalmente deciso di candidarsi alle elezioni europee del 2014 e ha anche stabilito legami con i Democratici svedesi e il Partito della Libertà austriaco, molti importanti rappresentanti hanno chiuso la porta alla non partecipazione. “Collaborare con i neonazisti in questo modo”. Anche Wilders difende i diritti dei gay a modo suo, almeno quando questo gli permette di sputarci sopra. “Giovani marocchini che picchiano i gay nelle strade di Amsterdam.”

Per completare il quadro, Wilders è uno scettico sul clima. Non vuole sentir parlare di turbine eoliche o pannelli solari e la sua piattaforma promette semplicemente di abbandonare gli sforzi per ridurre l’anidride carbonica. Forse la cosa più preoccupante nel contesto attuale è che è un sostenitore di lunga data della Russia. Nel 2018, durante un viaggio ufficiale a Mosca, Wilders si trovava davanti al Parlamento. Ha scritto in un commento alla foto postata sui social: “Basta con la russofobia, è ora di passare alla realpolitik”. Non c’è nulla di sorprendente quando apprendiamo, grazie a una fuga di dati rivelata da hacker ucraini, che il Cremlino ha stabilito legami con il Partito della Libertà dal 2013.