Luglio 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Disinformazione e teorie del complotto: gli adolescenti più a rischio

Disinformazione e teorie del complotto: gli adolescenti più a rischio

Lo studio è stato condotto nel marzo 2023 su circa 1.010 adolescenti statunitensi di età compresa tra 13 e 17 anni e un numero simile di adulti. Il 60% degli adolescenti ha dichiarato di essere d’accordo con almeno quattro delle affermazioni cospiratorie che sono state fornite, rispetto al 49% degli adulti. Tra i giovani che dichiarano di trascorrere almeno quattro ore al giorno su uno o più social la percentuale sale al 69%.

Le dichiarazioni in questione includevano “i pericoli dei vaccini sono nascosti all’establishment medico”, “gli ebrei hanno un controllo sproporzionato sui media, sulla politica e sull’economia”, “esiste uno ‘stato profondo’ incorporato nel governo che opera in segreto”. ” e “l’immigrazione di massa nel mondo occidentale è una politica “Un multiculturalismo deliberato e parte di un piano per sostituire i bianchi”.

L’organizzazione no-profit dietro questa indagine si chiama Center for Countering Digital Hate (CCDH). Come suggerisce il nome, si occupa principalmente di combattere i contenuti che incitano all’odio online. Parte del sondaggio mira a verificare se i partecipanti sono consapevoli dei rischi derivanti dalla diffusione di contenuti che incitano all’odio online. A questo proposito, il divario generazionale è diventato ancora più marcato, questa volta a favore dei giovani: l’83% delle persone tra i 13 e i 17 anni concorda con l’affermazione che i commenti offensivi o offensivi online hanno conseguenze nel mondo reale – “offline” – rispetto al 68% degli adulti.

Un genitore su cinque concorda sul fatto che i social media hanno un impatto negativo, da un lato, sulla salute mentale dei giovani e, dall’altro, sulla loro immagine corporea.

Gli studi condotti negli ultimi anni sui gruppi maggiormente a rischio di cadere nelle trappole della disinformazione giungono spesso a conclusioni contrastanti: tutte le fasce d’età e tutte le classi socioeconomiche, uomini e donne, sono colpite in misura diversa. Nonostante il fatto che gli adolescenti Almeno quanto gli adulti La scoperta di notizie false quasi dieci anni fa ce lo ha ricordato Non perché siano “nati” con questi strumenti Sono più attenti.

READ  science et société, y aurait-il un problème ?

Tuttavia, anche quando alcuni gruppi si distinguono più di altri, un fattore sembra fare una grande differenza: dare priorità all’informazione attraverso i social media.

Questa indagine fa seguito a un simposio organizzato dal Consiglio consultivo sui diritti umani nel 2022 a Washington, con rappresentanti degli Stati Uniti, dell’Unione europea e di alcuni altri paesi, in cui ha suggerito possibili soluzioni legislative: in particolare regolamentare le piattaforme per garantire che il loro “ prodotti” sono “sicuri per il pubblico, soprattutto per i minori”.

come introduzione al suo nuovo documentoIl capo del Consiglio consultivo per i diritti umani non nasconde le intenzioni del suo lavoro: “Non esiste uno standard globale per ritenere responsabili queste entità molto potenti” che rappresentano le piattaforme di social media. Ciò nonostante le ampie prove dei suoi “potenti impatti negativi sulla nostra salute mentale, sulle nostre famiglie, sulle nostre comunità, sulla scienza, sulla tolleranza e sull’integrità della nostra stessa democrazia”.