Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“È peggio del Titanic”: in Italia il sistema sanitario pubblico è al collasso

“È peggio del Titanic”: in Italia il sistema sanitario pubblico è al collasso

Se c’è un ambito in cui il sistema sanitario italiano eccelle è quello dell’insegnamento dell’arte della pazienza. A Marcello Fagiano, professore universitario quasi quarantenne residente a Cavour, una cittadina nel nord-ovest del Paese, è stata diagnosticata nel 2023 una malattia infiammatoria della colecisti che doveva essere rimossa chirurgicamente. Tuttavia, gli ci vollero meno di dodici mesi per ottenere un appuntamento per un intervento chirurgico.

Si spera che questi o altri specialisti sfruttino i loro contatti negli ospedali pubblici per intervenire per lui ed effettuare gli esami necessari in tempi accettabili, dato che il settore privato riceve 200 euro ciascuno all’anno. Non solo quello. L’intervento, previsto per lo scorso marzo, è stato rinviato più volte per motivi medici. Marcello sta ancora aspettando una nuova data.

“È un sistema molto immorale, per incontrare persone che ti possono aiutare devi avere i contatti giusti e poter pagare le visite. Per me è tutto terribile”, dice Marcello, che ha pensato di concludere il suo esperimento operando direttamente nel settore privato. Il costo, tra gli 8.000 e i 10.000 euro, era al di sopra delle sue possibilità, era sul punto di chiedere un prestito alla famiglia e alla fine ha potuto solo evitare un nuovo trattamento che ha ridotto il dolore e operato con un’urgenza un po’ meno urgente.

Mancanza cronica di fondi

Storie come quella di Marcello sono diventate più comuni in Italia, dove il sistema sanitario è al limite. Associazioni per la tutela dei diritti dei cittadini Il pubblico deplora i tempi di attesa Una mammografia può durare due anni, un’operazione d’urgenza per rimuovere il cancro alle ovaie tre mesi o una visita cardiologica teoricamente due mesi entro dieci giorni.

Secondo l’Ufficio nazionale di statistica, Nel 2023 4,5 milioni di italiani (il 7,6% della popolazione, rispetto al 7% dell’anno precedente) hanno abbandonato i servizi sanitari ritenuti necessari a causa di liste di attesa, difficoltà di accesso o costi.

READ  A Murano, le donne vogliono diventare lanciatori di vetro

Questa situazione allarmante è in gran parte spiegata da deficit fiscali cronici. Fornendo una copertura universale e spesso gratuita finanziata dalle tasse, il sistema sanitario pubblico (Organizzazione sanitaria nazionale) fin dalla sua creazione nel 1978 ha contribuito ad una crescita vertiginosa della speranza di vita della popolazione italiana, Da 73,8 a 83,6 anni nel 2019. Ma il paese ha adesso La seconda popolazione più anziana del mondocon e 2,5 milioni di anziani Risorse per la sanità rispetto a vent’anni fa sono stati drasticamente ridotti Dalla crisi finanziaria del 2007-2008.

La pandemia di Covid-19 ha portato ad un aumento temporaneo del budget, senza però modificare la tendenza a lungo termine. Nel 2022, la spesa sanitaria pubblica italiana Solo il 6,7% del PilRispetto al 10,3% della Francia e al 10,9% della Germania.

contare Un leggero calo nel 2023 E, secondo le recenti proiezioni del governo, diminuirà ulteriormente nei prossimi anni. Letti disponibili Negli ospedali italiani (pubblici e privati) da quasi 270.000 nel 2000 a meno di 180.000 nel 2021. Il Covid-19 ha contribuito all’accumulo di ritardi poiché un gran numero di servizi vengono rinviati durante la pandemia. .

“Lo vedo ogni giorno con i miei pazienti: c’è molta difficoltà ad accedere a visite ed esami, anche se prescritti con urgenza”Luciano Cangiu, medico di base a Cagliari, in Sardegna, e segretario regionale dell’associazione dei medici Sintacto Medici Italiani.

La tentazione del settore privato

La situazione è più complicata anche per chi opera in questo campo, che spesso si ritrova sopraffatto. “Nel mio dipartimento siamo cronicamente a corto di personale, Anna* dice una giovane cardiologa che lavora in un grande ospedale nel nord del Paese. Abbiamo tutti degli straordinari che non vengono pagati o riscattati, ferie che non possiamo permetterci di usufruire. A causa del volume dei pazienti, a volte non riesce a dedicare più di quindici minuti a ciascuna visita.

READ  Echi da Filt | Padiglione Italia, Ospite d'Onore: Presentazione della 14a edizione del Tabuk International Book Festival di Taormina

Gli stipendi sono molto più bassi che altrove in Europa. Reddito medio Un medico specialista italiano guadagna complessivamente 78mila euro l’anno, contro gli 86.500 della Francia e i 148.400 della Germania.

In Italia la spesa sanitaria sostenuta dalle famiglie supera il 20% del totale nazionale, mentre in Francia non supera il 9%.

“Gli operatori sanitari sono stremati, c’è un livello di demotivazione incredibile”Condannata Laura Pesano, infermiera e responsabile delle politiche sanitarie dell’amministrazione comunale di Pinerolo, città di 30mila abitanti del nord-ovest.

Non sorprende che sempre più medici e infermieri siano tentati dal settore privato, dove il ritmo è più lento e la retribuzione è più alta. “La cosa triste è che ora non ci sono solo persone anziane e stanche. Ci sono anche molti giovani che vogliono iniziare direttamente nel settore privato., dice Laura Pesano. Ciò fa parte dei crescenti problemi di reclutamento nel settore pubblico. “Nei prossimi cinque anni un terzo dei medici di famiglia andrà in pensione e non verrà sostituito”Luciano trasforma Kangyu.

Nel frattempo, i pazienti e le loro famiglie stanno già lottando per trovare la loro strada. Nicola Giordano, che vive in un piccolo paese vicino Pinerolo, racconta della madre settantenne, recentemente morta di cancro alle ovaie, di lunghi viaggi da un istituto all’altro, di interminabili ore di attesa in reparto e tra professionisti. La cartella clinica del paziente è stata inviata loro. “Ci sentivamo come se fossimo completamente soli.”Lui dice.

Un monito contro le organizzazioni “all’americana”.

Poiché il sistema pubblico è in crisi, anche i pazienti che possono permetterselo si rivolgono ai sistemi di pagamento privati, che garantiscono tempi di risposta molto più rapidi. In Italia crescono i costi sanitari a carico delle famiglie Oltre il 20% del totale nazionaleNon superano l’11% in Germania e il 9% in Francia.

READ  Un semplice trampolino di lancio prima di riprendere a Marsiglia, nel Nord Italia? – Sport.fr

In una posizione Pubblicato lo scorso aprile, quattordici tra i principali medici e scienziati della nazione mettono in guardia contro il passaggio a un modello di tipo americano in cui solo i ricchi possono permettersi cure tempestive e di qualità, e insistono su massicci aumenti del budget sanitario. “urgente e necessario”.

Da parte sua, il governo di destra del primo ministro Georgia Meloni ritiene che le lunghe liste di attesa siano causate da test non necessari prescritti dai medici e teme possibili azioni legali per errore o negligenza. Per contrastare questa tendenza, l’amministrazione sta implementando un nuovo sistema di monitoraggio dei farmaci e estendendo le tutele legali per i medici create durante la pandemia.

Ma il governo, che comprende la Lega, un partito federalista ben radicato nel prospero nord del paese, prevede di rafforzare l’autonomia di ciascuna regione in materia di sanità pubblica, preoccupando molti operatori del settore.

Il sistema sanitario italiano è già altamente decentralizzato, con le aree più povere del sud del Paese che affrontano maggiori difficoltà, ma la riforma aprirà per la prima volta significative disparità salariali tra gli ospedali di diverse regioni. Un massiccio esodo di personale verso il nord. “L’immagine che mi viene in mente è una nave che affonda; Quelli che potevano scappare sulle barche, ma non abbastanza per tutti, Conclude Luciano Congiu. È peggio del Titanic.

Il Ministero della Salute non ha risposto alla nostra richiesta di intervista per questo articolo.

*Il nome è stato cambiato.