Gennaio 22, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Air France-KLM aumenta i prezzi dei biglietti per finanziare carburante sostenibile

Ultimo aggiornamento dell’articolo 11 gennaio alle 6:40

Abbiamo dovuto iniziare da qualche parte. Nonostante un’impronta di carbonio inferiore, con emissioni di CO2 ridotte fino all’80% durante l’intero ciclo di vita rispetto al cherosene fossile, l’uso del carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) deve ancora decollare. Sebbene il 50% possa essere incorporato in aeromobili commerciali, senza alcuna modifica, ora rappresenta meno dell’1% del carburante utilizzato nell’aviazione in tutto il mondo. Lo stallo è in gran parte dovuto a un’equazione economica irrisolta, con il persistere di prezzi esorbitanti. Air France-KLM ha finito per prendere il comando annunciando che avrebbe trasferito una parte del costo aggiuntivo generato dall’uso dei biocarburanti sui prezzi dei biglietti.

In una lettera inviata da lunedì ai propri clienti, Air France indica che dal 10 gennaio sarà incluso nel prezzo del biglietto il contributo del “carburante aereo sostenibile”: da 1 a 4 euro in cabina economy, da 1,50 a 12 euro in cabina Uomini d’affari, a distanza”. Procedure simili si applicano anche all’altro gruppo di compagnie aeree, KLM e Transavia.

Ciò consentirebbe di compensare parzialmente il costo del SAF, stimato 4-8 volte superiore al costo del cherosene. Un surplus enorme quando sappiamo che la bolletta del carburante è una delle principali voci di costo del trasporto aereo con il 20-30% del totale. Così, Air France-KLM, che fino ad allora aveva sperato di creare sistemi di stimolo pubblico, a livello francese o europeo, al fine di cancellare la differenza e promuovere l’uso dei biocarburanti, decise di mettersi in testa abbandonando il sovrapprezzo sul prezzo di biglietti.

Zero emissioni di CO2 entro il 2050: come le compagnie aeree pianificano di farlo (IATA)

READ  BNP Paribas ha venduto la sua banca statunitense, Bank of the West, per oltre 16 miliardi di dollari

Spera di ridurre i costi

Air France-KLM, come l’intero settore, spera che l’aumento della produzione riporti la situazione alla normalità. Anche il gruppo francese vuole essere positivo e dichiara: “L’emergere di grandi settori produttivi, in Francia e in Europa, consentirà di ridurre questi costi”. Le SAF sono anche considerate dalla International Air Transport Association (IATA), il principale rappresentante globale delle compagnie aeree, come uno strumento chiave per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050.

La decisione di apportare un contributo potrebbe incidere sulle vendite del gruppo, in un periodo ancora troppo complesso per il trasporto aereo. Alcuni clienti potrebbero essere soddisfatti di questo approccio. Air France offrirà inoltre ai suoi passeggeri l’opportunità di “contribuire volontariamente all’acquisto di carburante aggiuntivo sostenibile per l’aviazione” sul proprio sito web garantendo che “ogni euro di contributo volontario sia investito nell’acquisto di questi carburanti”. Tuttavia, le richieste di donazioni hanno finora suscitato un entusiasmo alquanto contrastante tra i passeggeri, come il programma di compensazione “Trip and Tree” in vigore dal 2019. Nel 2020 il progetto ha registrato poco più di 34.000 donatori su 34 milioni di trasporti passeggeri da parte delle società del gruppo .

Safran e TotalEnergies uniscono le forze per sviluppare combustibili verdi

Entrano in vigore le prime condizioni

Oltre a voler rendere più ecologica la propria immagine implementando questo costo aggiuntivo, Air France-KLM sta rispondendo soprattutto alla creazione del suo primo mandato di incorporazione: dal 1° gennaio, la Francia si è impegnata a incorporare almeno l’1% di carburante sostenibile nel cherosene. Dal 2025 dovrebbero subentrare le normative europee, come previsto dal pacchetto climatico “Fit for 55” presentato a luglio dalla Commissione Europea. Ciò prevede mandati di incorporazione progressiva, dal 2% nel 2025, quindi al 5% nel 2030 per raggiungere il 63% nel 2050.

READ  Molotov multate e canali del gruppo M6 vietati

Questa strategia di mandato dovrebbe stimolare il lancio di produzione su larga scala e l’uso di veicoli blindati standard. Al contrario, gli Stati Uniti hanno fatto affidamento su stimoli politici, con almeno 4,3 miliardi di dollari sul tavolo per aumentare la produzione statunitense di SAF da 1 milione a 800 milioni di litri entro il 2030.