Maggio 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Russia ottiene mezzo miliardo di dollari da JP Morgan

La Russia ottiene mezzo miliardo di dollari da JP Morgan

Si tratta di quasi mezzo miliardo di dollari, 440 milioni di dollari per l’esattezza, che la Russia è pronta a impadronirsi sotto l’occhio vigile di JPMorgan. Tale sanzione è stata inflitta alla banca americana a metà aprile dal tribunale arbitrale di San Pietroburgo in una controversia con la Seconda Banca Russa VTB. Non è stato pubblicato fino a questo mercoledì.

Secondo Bloomberg e il Financial Times, l’establishment russo ha giustificato questa acquisizione totale con il fatto che JPMorgan sta organizzando l’uscita dei suoi asset dal paese. Quest'ultima prevede anche l'espropriazione di una partecipazione in una filiale di una banca russa e di altri diritti di proprietà sui marchi.

“Occhio per occhio, dente per dente” La decisione della corte arriva una settimana dopo che la VTB Bank ha presentato una denuncia in seguito alle sanzioni statunitensi sui suoi interessi privati. JP Morgan deteneva 440 milioni di dollari dalla banca russa negli Stati Uniti che dovevano essere trasferiti su un altro conto di deposito a garanzia a cui non era possibile accedere. Di conseguenza, la settimana scorsa JPMorgan ha presentato una denuncia ai tribunali statunitensi contro VTB Bank, sostenendo che non era responsabile del sequestro dei beni dei suoi clienti.

prigioniero

Questo è un nuovo episodio della Guerra Fredda che l’Occidente e la Russia conducono attraverso gli affari fin dall’inizio della guerra in Ucraina. Dopo le sanzioni imposte dagli alleati dell’Ucraina, Vladimir Putin ha annunciato nel 2022 che le banche avrebbero dovuto ottenere un decreto del Cremlino per lasciare il Paese. Meno di dieci istituti hanno ottenuto il diritto di recesso dalla Russia su 45 istituti esistenti, come Mercedes-Benz Bank o Intesa.

READ  Come trova le idee del suo marchio il creatore di "napaqaro" di Buffalo Grill

Le aziende occidentali sono intrappolate sul posto. Chi continua a svolgere la propria attività, come Leroy Merlin, deve fare i conti con le sanzioni statunitensi ed europee che complicano notevolmente le forniture, lavorando in particolare con fornitori locali.

Coloro che tentano di lasciare il Paese lasciano dietro di sé una scia di piume, e i loro beni vengono spesso acquistati a basso prezzo da aziende locali o nazionalizzate e offerti a chi è vicino al regime esistente. Quest’ultimo scenario si è verificato con Danone, ad esempio, o Heineken. Dall'anno scorso è stata aggiunta una “tassa di uscita” non inferiore al 5% del valore di mercato dei beni in questione.

Ritorsioni americane

Tra le autorità circolano elenchi di aziende amiche o ostili, secondo quanto riportato dal quotidiano “Les Echos”. All'inizio dell'anno il capo dell'azienda italiana Unicredit aveva spiegato: “La nostra strategia in Russia non è cambiata e continueremo a ridurre le nostre attività. Se troviamo l'acquirente giusto lo venderemo, ma non è così al momento.”

Altri attori come Credit Agricole sono in grado di ridurre gradualmente le loro dimensioni, poiché hanno suddiviso la loro esposizione di oltre tre fino a 1,3 miliardi di euro.

Dallo scorso dicembre, la pressione americana è aumentata notevolmente, perché Washington ha promesso di vendicarsi sul suo mercato contro le banche non americane che finanziano persone o aziende soggette a sanzioni.