Dicembre 6, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

A Loiret, i materassi ‘infiniti’ sono riciclabili

Inserito il 24 ottobre 2021 alle 14:28

Schiuma riutilizzabile all’infinito: nel suo stabilimento di Semoy (Loiret), Orrion Chemicals Orgaform (OCO) ricicla la schiuma di poliuretano dai materassi usati per creare nuovi materassi. Una tecnologia presentata in anteprima mondiale su scala industriale sospesa per applicazioni nel settore automobilistico e delle costruzioni.

450 chili di palline di schiuma arancione sono impilate nell’angolo. Stanno aspettando di passare attraverso un trituratore delle dimensioni di una piccola casa. Piccoli pezzi di schiuma verranno quindi immersi in un bagno di poliolo in direzione del reattore.

“C’è una reazione di depolimerizzazione a più di 200°C che si traduce in un liquido, Renuva polyol, che raffreddiamo e filtreremo per eliminare le impurità, come tessuto o lattice, e un prodotto può essere utilizzato direttamente nella produzione di nuova schiuma”, spiega il presidente di OCO, Christian Syst.

Insiste: “Il riciclaggio chimico consente un riciclaggio infinito. Il riciclaggio meccanico ti consente solo di aumentare la durata della vita, perché alla fine devi liberartene”.

Il risultato del processo: un liquido viscoso marrone che prende la direzione della cracy (UP). Questo poliolo verrà poi trasformato nuovamente in schiuma da Icoa-France, una filiale del gruppo britannico Vita.

Questa schiuma funzionerà proprio come quella vecchia, assicura il chimico Dow, che ha aperto la strada al processo industriale.

Il colosso chimico, che commercializza anche il prodotto finale, Renuva, intende posizionarsi in un mercato in crescita. A partire dal 1 gennaio 2022, la legge Agec (Anti-waste Control for Circular Economy) richiederà già a produttori, vettori e distributori di riprendere i materassi usati.

READ  Elon Musk chiede su Twitter se dovrebbe vendere il 10% delle sue azioni Tesla

“Il settore è in espansione”, ricorda Jean-Michel Dubloy, presidente di Dow France. “Con 30 milioni di materassi che giungono alla fine della loro vita ogni anno in Europa, la fonte è enorme”.

Ci sono altri settori “intriganti”, come quello automobilistico e delle costruzioni, spiega Mary Bay, responsabile dello sviluppo sostenibile per la divisione poliuretano di Dow.

“È nuovo di zecca, è unico, ma abbiamo l’ambizione di sviluppare una linea di prodotti. Altri polioli Renuva possono essere utilizzati in applicazioni rigide, come pannelli isolanti o in altre schiume flessibili. Nelle automobili o nelle calzature”, spiega il direttore.

Questo sviluppo sarà senza dubbio necessario per conquistare i mercati, perché oggi il poliolo riciclato è ancora più costoso del “convenzionale”.

– “Potenziale molto grande” –

“La produzione di Renuva è più complicata”, spiega. “C’è il montaggio e lo smontaggio del materasso. Sarà necessario ottenere la misura della bilancia in seguito”. “Renuva è più costoso perché la linea di produzione è più piccola. Ma consente di immettere sul mercato un materasso in poliolo riciclato”.

“Non c’è motivo per cui il prezzo finale dovrebbe essere significativamente diverso dal prezzo di un materasso tradizionale”, afferma, però. La schiuma costituisce solo il 20-30% del materasso.

Nel frattempo, l’intero settore del riciclaggio di mobili e imbottiti si sta strutturando sotto la guida di Eco-Mobiler.

L’organizzazione ambientale, incaricata dallo Stato di gestire la raccolta, la cernita, il riciclaggio e il recupero energetico, conta oggi 5.000 punti di raccolta (centro raccolta rifiuti, magazzini, ecc.).

“Oggi, il riciclaggio della biancheria da letto in Francia è di 30.000 tonnellate di materassi in schiuma”, ha affermato Dominique Menon, direttore di Eco-Meubles, che ricorda che ogni anno vengono scartati quattro milioni di materassi.

READ  L'indice CAC 40 supera i 7000 punti e batte nuovi record

Le innovazioni di OCO e Dow forniscono, secondo loro, “una riciclabilità molto importante (…)” di tutte le schiume per mobili.

A riprova dello sviluppo del settore, Bpifrance ha appena acquisito una partecipazione nella principale azienda di demolizione di biancheria da letto Recyc-Matelas Europe. Tale finanziamento consentirà all’operatore, che detiene il 50% del mercato francese, di “rafforzare la propria rete sul territorio nazionale”.

In Semoy, OCO, il principale produttore mondiale di colla per spilli e chiodi, prevede di raggiungere la sua piena capacità entro il 2022 riciclando 200.000 materassi all’anno, o 1.200 tonnellate di schiuma.

Un altro passo, secondo Dominique Mignon, per avvicinarsi all’obiettivo del settore: “zero sprechi per la biancheria da letto in Francia”.