Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Leggero aumento all’orizzonte per iniziare una settimana intensa

Le borse di studio europee dovrebbero aumentare leggermente

Le borse di studio europee dovrebbero aumentare leggermente

di Laetitia Volga

PARIGI (Reuters) – Lunedì all’aperto si prevede un leggero rialzo delle principali borse europee per iniziare una nuova settimana ricca di risultati aziendali e incontri macroeconomici.

Secondo i futures, l’indice Paris CAC 40 potrebbe salire dello 0,22% in apertura, il Dax di Francoforte aumenterà dello 0,06%, il FTSE di Londra dello 0,21% e l’EuroStoxx 50 dello 0,14%.

I mercati hanno chiuso in rialzo venerdì, sostenuti dai buoni risultati aziendali e dal sollievo degli investitori nel caso Evergrande. Non hanno reagito molto ai commenti fatti alla fine della sessione dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell, il quale ha affermato che la banca centrale statunitense dovrebbe iniziare a ridurre il proprio sostegno all’economia riducendo gli acquisti di titoli sui mercati ma che non dovrebbe aumentare ancora i tassi di interesse. .

La settimana che si aprirà sarà vivace, tra gli altri, il meeting della Banca Centrale Europea, la prima stima di crescita economica negli USA e nell’Eurozona nel terzo trimestre, l’inflazione di ottobre nell’Eurozona e una serie di risultati aziendali tra cui quelli di Facebook lunedì dopo la chiusura di Wall Street.

I valori da seguire:

Wall Street

Alla Borsa di New York, venerdì l’S&P-500 e il Nasdaq hanno chiuso in territorio negativo, in ribasso dopo i risultati e le aspettative deludenti di Snap (-26,6%) e Intel (-11,7%) e i commenti di Jerome Powell sulla riduzione degli acquisti di asset.

Il Dow Jones è aumentato dello 0,21% a 35677,02 punti, l’S&P-500 ha perso lo 0,11% a 4.544,9 punti e l’indice Nasdaq Composite è sceso dello 0,82% a 15.090,20 punti.

READ  SNCF lancerà un nuovo spettacolo "Classic speed Ouigo" nella primavera del 2022

Tuttavia, i tre indici hanno registrato la terza settimana consecutiva di guadagni per la prima volta dall’inizio di luglio. L’S&P è in rialzo dell’1,6% per la settimana, mentre il Dow è in rialzo dell’1,1% e il Nasdaq dell’1,3%.

In Asia

Il Nikkei di Tokyo è sceso dello 0,71% poiché i titoli legati ai semiconduttori hanno sofferto del calo del Nasdaq a Wall Street.

I mercati azionari cinesi hanno assistito a un moderato aumento nonostante una forte flessione nel settore immobiliare in risposta all’annuncio del Consiglio di Stato di sabato di introdurre una tassa sulla proprietà in alcune aree pilota al fine di frenare l’aumento dei prezzi degli immobili.

L’Hang Seng di Hong Kong prende lo 0,19% e Hong Kong lo 0,12%.

Modifiche / Prezzi

Il “Dollar Index”, che misura le variazioni della valuta statunitense nei confronti di un paniere di valute di riferimento, è sceso dello 0,1%, al livello più basso in un mese, dopo le dichiarazioni del presidente della Federal Reserve, che considerava un aumento prematuro dei prezzi. Tasso d’interesse.

L’euro è stabile a 1,1649 dollari.

La lira turca ha registrato un nuovo minimo record nei confronti del dollaro, a 9,85, dopo che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha annunciato, sabato, di aver disposto l’espulsione di dieci ambasciatori, tra cui rappresentanti di Francia e Stati Uniti, che ne hanno chiesto l’immediato rilascio dell’uomo d’affari Osman. Kavala è detenuto da quattro anni.

Sul mercato dei titoli di stato, il rendimento dei Treasury a 10 anni è rimasto stabile all’1,6519%. In Europa, l’indice decennale tedesco è sceso molto leggermente, a -0,101%.

olio

Nel mercato petrolifero, il greggio statunitense ha raggiunto il massimo in sette anni poiché l’offerta globale è rimasta limitata a fronte di una forte domanda.

READ  Salone dell'automobile di Monaco 2021 - Smart Concept #1: Smart Refurbishment

Un barile di greggio Brent è salito dello 0,75% a 86,17 dollari, avvicinandosi al massimo di tre anni registrato nella sessione a 86,43 dollari, e il light crude statunitense dello 0,84% a 84,46 dollari dopo un picco di sette anni a 84,76 dollari.

(a cura di Blandin Hinault)