Agosto 17, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Washington si impegna a rispondere in caso di aggressione ucraina e a non intervenire militarmente – 12/07/2021 alle 00:55

COMBO è stato creato il 6 dicembre 2021 con Joe Biden e Vladimir Putin (AFPSPUTNIK / MANDEL NGANMikhail Metzel)

COMBO è stato creato il 6 dicembre 2021 con Joe Biden e Vladimir Putin (AFPSPUTNIK / MANDEL NGANMikhail Metzel)

Alla vigilia di un incontro tra Joe Biden e Vladimir Putin, Washington annuncia il colore: se la Russia attacca l’Ucraina, gli Stati Uniti sono pronti a imporre sanzioni finanziarie senza precedenti e a stazionare più soldati in Europa. risposta militare diretta.

Lunedì, in una conferenza stampa, un alto funzionario della Casa Bianca ha descritto le leve su cui gli Stati Uniti erano pronti ad agire.

“Se Putin si muoverà, ci sarà un aumento della domanda da parte dei nostri ‘alleati dell’Europa orientale’ di più truppe, capacità e addestramento, e gli Stati Uniti risponderanno positivamente”, ha affermato.

Tuttavia, ha chiarito che al momento non è stata presa in considerazione una risposta militare diretta degli Stati Uniti.

“Gli Stati Uniti non cercano di trovarsi in una situazione in cui l’uso diretto delle forze americane è al centro del nostro pensiero”, ha spiegato il funzionario.

Washington intende, in caso di invasione dell’Ucraina, una “combinazione” di più elementi: “sostegno all’esercito ucraino”, “forte sanzioni economiche” e “un aumento significativo del supporto e delle capacità con i nostri alleati all’interno della NATO”.

Sebbene le sanzioni non abbiano ancora permesso di influenzare realmente le decisioni del Cremlino, secondo molti osservatori il governo degli Stati Uniti assicura da alcuni giorni che ricorrerà, questa volta, a misure punitive severe senza precedenti.

“Si tratta di misure che abbiamo deliberatamente evitato di utilizzare in passato”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, in particolare a causa del loro impatto sulla Russia. ”

Accanto a questo avvertimento, Washington ha anche lavorato in coordinamento con i suoi principali alleati occidentali, una telefonata che ha riunito i leader di Germania, Stati Uniti, Francia, Italia e Regno Unito.

Concludendo questa conversazione, Parigi, Londra, Roma, Berlino e Washington hanno espresso la loro “determinazione a rispettare la sovranità” dell’Ucraina, secondo una dichiarazione rilasciata lunedì dall’Eliseo.

Durante la stessa offensiva diplomatica, il ministro degli Esteri Anthony Blinken ha parlato al telefono con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in prima linea nella regione di Donetsk, 6 dicembre 2021 (Servizio stampa presidenziale ucraino/Pubblicazione)

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in prima linea nella regione di Donetsk, 6 dicembre 2021 (Servizio stampa presidenziale ucraino/Pubblicazione)

“Abbiamo deciso di continuare i nostri movimenti congiunti e coordinati”, ha confermato quest’ultimo su Twitter, che, indossando un casco e un giubbotto antiproiettile mimetico, lunedì è andato in trincea in prima linea con i separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale.

La Casa Bianca ha detto che il presidente degli Stati Uniti convocherà il suo omologo ucraino “nei giorni successivi” per i suoi colloqui con Vladimir Putin.

– Nessun “hack” –

Ned Price ha parlato di “una finestra di opportunità per risolvere questo problema attraverso la diplomazia”, ​​ma lunedì il Cremlino gli ha detto di non aspettarsi una “svolta” durante l’intervista virtuale.

Kiev e i suoi alleati accusano Mosca di aver ammassato truppe e carri armati ai suoi confini in previsione di un possibile attacco.

“Non sappiamo se il presidente Putin abbia preso una decisione su una possibile escalation militare in Ucraina. Ma sappiamo che sta predisponendo le capacità per lanciare una tale escalation”, ha detto l’alto funzionario degli Stati Uniti.

La Russia, da parte sua, nega ogni intento bellicoso ma fa alcune richieste, in particolare l’impegno che l’Ucraina non aderisca alla NATO, come hanno fatto un gran numero di paesi dell’ex blocco sovietico.

Tuttavia, né Kiev né Washington intendono assumere un simile impegno anche se, di fatto, sembra che la procedura per l’adesione dell’Ucraina all’Alleanza militare occidentale, seppur ufficialmente aperta, sia stata congelata.

Il 46esimo presidente degli Stati Uniti non ha mai mancato di parlare a nome di Vladimir Putin, che ha incontrato faccia a faccia a giugno a Ginevra dopo averlo definito in pubblico “assassino”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden (a sinistra) e il suo omologo russo Vladimir Putin si incontrano a Ginevra il 16 giugno 2021 (POOL / DENIS BALIBOUSE)

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden (a sinistra) e il suo omologo russo Vladimir Putin si incontrano a Ginevra il 16 giugno 2021 (POOL / DENIS BALIBOUSE)

Vuole anche essere il campione della democrazia nel mondo, una posizione che sarà difficile da emulare se gli Stati Uniti chiudono un occhio di fronte a un altro attacco russo all’Ucraina.

Ma il 79enne democratico spera, o almeno spera finora, anche in un rapporto “stabile e prevedibile” con la Russia.

Vladimir Putin vuole affermare la Russia come potenza nel gioco geopolitico globale, oggi dominato dalla rivalità tra Cina e Stati Uniti.

Dal 2014, l’Ucraina è stata testimone di una guerra che ha causato la morte di oltre 13.000 persone tra Kiev e i separatisti filo-russi nell’est del Paese, che l’Occidente accusa la Russia di sostenere. Il conflitto iniziò dopo l’annessione della Crimea da parte della Russia.

aue-fff / seb / dax

READ  La spedizione come unico mezzo di viaggio e logistica