Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Verso un vaccino messaggero universale ARM?

Questo vaccino in grado di combattere tutti i ceppi, se tutti i test saranno convalidati, potrebbe essere sul mercato nel 2024.

I ricercatori dell’Università della Pennsylvania stanno lavorando allo sviluppo di un vaccino che colpisca contemporaneamente i 20 ceppi noti di virus Da influenza. Come ? Utilizzando la tecnologia dell’RNA messaggero, che si è dimostrata valida contro Covid e che promette applicazioni per Altre malattie come l’AIDSE il o cancro in generale.

Limiti degli attuali vaccini

Mentre l’influenza è responsabile di un certo numero di Si stima che 650.000 persone muoiano ogni anno in tutto il mondo“,”Il Vaccini Contro l’influenza stagionale Fornisce poca protezione contro i ceppi del virus dell’influenza pandemicaSpiegano i ricercatori.

E aggiungono, a difesa delle soluzioni esistenti: “È difficile creare vaccini pre-pandemici efficaci perché non si sa quale sottotipo di virus influenzale causerà la prossima pandemia”..

topi protetti

Qui, il vaccino in fase di sviluppo è in grado di preparare il sistema immunitario contro 20 sottotipi di varianti di influenza A e B e quindi di proteggere il corpo da qualsiasi virus influenzale.

Durante il loro lavoro, gli scienziati hanno iniettato nei topi un prodotto sperimentale contro 20 ceppi, ei roditori hanno sviluppato anticorpi contro tutti i ceppi, con un risultato stabile e soddisfacente per quattro mesi. Stesso risultato con il furetto.

Riduzione del numero di casi gravi

Come per il vaccino Covid, questo non servirà a fornire protezione contro eventuali ceppi che potrebbero emergere in futuro; Ma per dare l’immunità di base a tutti i vecchi e i deboli. Anche in questo caso, l’obiettivo sarà quello di ridurre l’incidenza dei casi gravi, e quindi ridurre i ricoveri.

READ  Remise des prix science ouverte du logiciel libre de la recherche

Il lavoro dovrebbe presto entrare negli studi clinici di fase I sugli esseri umani, valutando i suoi potenziali effetti collaterali in un piccolo gruppo di pazienti.