Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Dopo Sciences Po Paris, gli studenti di Poitiers hanno occupato il loro campus

Dopo Sciences Po Paris, gli studenti di Poitiers hanno occupato il loro campus

  1. giovani

Questo giovedì, alla stessa ora di Parigi, gli studenti dell'Istituto di Scienze Politiche di Poitiers hanno lanciato un'occupazione dell'Istituto di Educazione Individuale in sostegno della Palestina e in segno di protesta contro l'oppressione subita dai sostenitori della Palestina in Francia.

Mentre i #CampusContests si sono diffusi in decine di grandi università degli Stati Uniti, le mobilitazioni hanno cominciato a diffondersi in Francia, soprattutto nel campus di Sciences Po. In risposta alla violenta repressione attuata mercoledì sera dall'amministrazione Sciences Po di Parigi, centinaia di studenti dell'IEP ha deciso di occupare ancora una volta l'istituzione per denunciare il genocidio di Gaza. A loro si sono uniti giovedì sera anche gli studenti di Sciences Po Poitiers, una filiale dell'Istituto per l'educazione individuale di Parigi.

In una lettera aperta indirizzata alla direzione di Sciences Po Paris, i Poitevin hanno fatto questo annuncio “87 persone, ovvero circa un terzo del corpo studentesco totale, occupano attualmente gli edifici del campus di Sciences Beau Poitiers.”. Continua: “Il motivo di questa occupazione è la repressione da parte dell’amministrazione del Sciences Po di Parigi contro gli studenti che si erano mobilitati a sostegno della Palestina: dopo che i Catholic Relief Services sono intervenuti la notte del 24 aprile 2024 nel campus di Parigi. »

“Violazioni intollerabili” Agli studenti di Poitiers, anch'essi debitori “L’ingerenza dell’amministrazione dell’Istituto di Scienze Politiche nella vita privata degli studenti (come la citazione effettuata dopo aver esaminato gli account privati ​​sul social network Instagram), il permesso concesso alla polizia di entrare nell’edificio scolastico e le misure disciplinari contro gli studenti che sostengono la Palestina”.

READ  Lo studio francese porta speranza per semplificare la chemioterapia

Per gli studenti di scienze di Poitiers con cui siamo stati in contatto, “L’invio della polizia a Sciences Po è un messaggio molto inquietante. Al di là della questione palestinese, ciò che stanno influenzando è la nostra libertà di espressione, la nostra libertà di manifestare ed esprimere il nostro malcontento..

Credono che la risposta alla repressione degli studenti a Parigi sia stata “Un messaggio importante da lanciare”. Ma su scala più ampia, “Si tratta di far sentire le nostre richieste e di sostenere, ripetere, gridare e cantare il nostro sostegno incondizionato al popolo palestinese che è stato oppresso per decenni. »

Lo spiegano gli studenti militanti di Poitiers nel loro comunicato stampa di condanna “Ripetuti bombardamenti e violazioni del diritto internazionale e del diritto umanitario in Palestina da parte dello Stato di Israele, nonostante la Corte internazionale di giustizia abbia descritto la situazione come un ‘rischio di genocidio’”. Gli studenti della Facoltà di Scienze Politiche non possono restare in silenzio di fronte al tabù che esiste all'interno dell'istituzione riguardo alla condanna del genocidio attualmente in corso in Palestina.

Anche se l’assedio della filiale di Poitiers è terminato venerdì alle 17, è chiaro che la mobilitazione non è finita per gli studenti. In questo senso, gli studenti di scienze affermano di osservare e seguire “Guardiamo attentamente cosa sta succedendo a Parigi e cosa potrebbe succedere altrove. Ciò che è certo è che non rimarremo passivi di fronte a tutto questo”..

Pertanto, gli studenti della Facoltà di Scienze di Beau Poitiers che lottano contro le loro rivendicazioni ricordano:

  • Aprire un dialogo permanente con l'amministrazione dell'Istituto di Scienze Politiche e ascoltare attentamente le nostre richieste riguardo alla questione palestinese
  • Rapporto ufficiale e condanna dell'Istituto di Scienze Politiche sul genocidio commesso in Palestina
  • Porre domande e aprire un dialogo con la comunità studentesca riguardo ai partenariati accademici con le università israeliane;
  • Una cessazione completa e semplice della repressione contro gli studenti filo-palestinesi, attraverso l'apertura di procedure disciplinari;
  • Fine dell'intervento della polizia all'interno dei confini dell'Istituto di Scienze Politiche e delle altre istituzioni universitarie.