Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tumori della pelle: tecnologia e intelligenza artificiale per lo screening: novità

Tumori della pelle: tecnologia e intelligenza artificiale per lo screening: novità

Come migliorare lo screening del cancro della pelle? Con una carenza di dermatologi, le tecnologie avanzate combinate con l’intelligenza artificiale possono fungere da strumenti diagnostici sempre più preziosi.

Da ottobre, a Evreux, nell’Eure, un’enorme macchina alta tre metri e larga cinque – la Vectra 360, prodotta dall’azienda americana Canfield – è in grado di riprendere quasi tutta la superficie della pelle del paziente in un solo scatto, grazie a 92 -obiettivi ad alta definizione.

Lo scanner produce una mappa delle lesioni visibili e di tutti i nei.

«Il medico può quindi, a distanza, scegliere di ingrandire l’area che sembra sospetta per l’analisi», spiega Isabelle L’Hopital, che dirige France Dermatologie Territoires, all’origine di questo progetto.

Lo scopo di questo settore dell’imaging cutaneo è quello di migliorare la diagnosi del cancro della pelle in un reparto che, come molti altri, deve far fronte a “lunghi ritardi nell’ottenere un appuntamento con un dermatologo” a causa della carenza di questi specialisti.

Ogni anno in Francia vengono rilevati circa 18.000 casi di cancro della pelle, il tipo più grave di cancro della pelle, che provocano 2.000 morti.

-Confronti-

Un melanoma è un tumore della pelle che assomiglia a un neo ma spesso presenta le seguenti caratteristiche: asimmetria, bordi irregolari, colori multipli, ingrossamento o cambiamento nell’aspetto.

Il numero di nuovi casi ogni anno ha registrato un aumento costante negli ultimi due o tre decenni. Ma grazie al miglioramento dello screening e all’introduzione di nuovi trattamenti, il tasso di mortalità tende a stabilizzarsi negli ultimi anni.

Molti produttori stanno cercando di rivoluzionare il trattamento precoce di questo pericoloso cancro.

“Dalla fine degli anni ’90, molte cliniche sono state dotate delle cosiddette macchine per dermatoscopia digitale, che consentono di scattare immagini della pelle di un paziente e poi confrontarle durante le visite successive per vedere se si sono formati dei segni di pelle di cammello”, dice Luke Thomas, uno specialista in cancro della pelle e medico presso l’ospedale universitario di Lione all’AFP.

READ  Incidenza per dipartimenti a partire da mercoledì 18 gennaio 2023 in Francia

In Francia il tedesco FotoFinder si è affermato tra i dermatologi.

Ma le tecnologie si stanno sviluppando: la qualità delle immagini è migliorata in modo significativo. Precedentemente in grado di acquisire immagini della pelle lungo cm2 x cm2, ora possono catturare quasi l’intera superficie del corpo.

La startup francese SquareMind spera di commercializzare quest’anno la sua soluzione “innovativa”: un braccio robotico che si muove attorno a un paziente.

Ali Khashlouf, fondatore di SquareMind, che era presente alla recente mostra Vivatech, ha dichiarato all’AFP: “In pochi minuti fornirà un’immagine dell’intero corpo, zoomabile sulle lesioni, con una risoluzione molto elevata.”

– “Triplo”

A Marsiglia, l’AP-HM sarà equipaggiato con il sistema Vectra nel 2022. La macchina, che costa circa 400mila euro, è stata finanziata grazie all’aiuto di industriali e di PACA Cancéropole.

“Dobbiamo utilizzare la tecnologia per migliorare le nostre pratiche”, afferma Giuliana Meunier, dermatologa e direttrice del Centro per lo screening automatizzato del melanoma a Marsiglia, che utilizza la tecnologia.

Ha spiegato che in un momento in cui la presentazione delle malattie della pelle si sta riducendo, l’automazione di alcune fasi di screening del cancro della pelle, che richiedono molto tempo, consentirà di seguire in modo più accurato i pazienti che ne hanno più bisogno.

In secondo luogo, i professionisti sperano di poter contare sull’aiuto dell’intelligenza artificiale prodotta da queste macchine. Documentando automaticamente la superficie cutanea di un gran numero di persone, sarà possibile creare un registro completo delle lesioni e dei nei di questi pazienti.

L’obiettivo sarà poi quello di sviluppare algoritmi di intelligenza artificiale in grado di identificare facilmente e rapidamente lesioni nuove, progressive o sospette sulla pelle nel suo complesso.

READ  Mayenne: un'app per l'escursionismo con l'aiuto della scienza

“Oggi la macchina non è ancora in grado di diagnosticare la malattia”, spiega Giuliana Meunier. Ciò significa confermare se questa o quella lesione è un cancro della pelle.

Ma entro due anni Ali Khakhlouf prevede la nascita di un’intelligenza artificiale in grado di rilevare il cancro della pelle “con un alto livello di sicurezza”.

“L’intelligenza artificiale può essere utilizzata per effettuare una sorta di triage, anche se la decisione finale spetta sempre al medico”, afferma Luke Thomas.

Pubblicato il 10 giugno alle 20:01, Agence France-Presse