Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questi progetti folli e promettenti che vogliono salvare i banchi di ghiaccio

Questi progetti folli e promettenti che vogliono salvare i banchi di ghiaccio

Una ventina di centimetri. Questo è l’aumento stimato del livello degli oceani in meno di 150 anni sulla Terra, e questo fenomeno ha subito un’accelerazione con il riscaldamento globale. Con l’innalzamento del livello dell’acqua, le spiagge si ritirano e le coste diventano più fragili. Acqua che proviene in particolare dall’Artico dove la calotta glaciale si sta riscaldando molto rapidamente, provocando il collasso di enormi masse negli oceani.

È il luogo che si riscalda più velocemente sulla Terra e recenti ricerche rivelano che il ghiaccio marino si sta riscaldando quasi quattro volte più velocemente della media terrestre e si prevede che il ghiaccio marino artico altamente riflettente scomparirà in meno di due decenni. Se la calotta glaciale della Groenlandia scomparisse completamente, il livello del mare si innalzerebbe di 7 metri!

La geoingegneria vuole cambiare il clima

Per fermare questo fenomeno ed evitare che raggiunga questo punto, gli scienziati hanno diversi modi, tra cui: L’ultimo rapporto ne elenca più di 60 ! In un video, il Wall Street Journal ne svela alcuni. Si parla anche di geoingegneria, quando si tratta di tecniche per modellare alcuni aspetti dell’ambiente al fine di compensare gli effetti dannosi dei cambiamenti climatici. Ad esempio, tra i progetti attuali, c’è un progetto che converte direttamente la luce solare dallo spazio o invia nell’atmosfera palloncini contenenti particelle riflettenti

Uno degli esperimenti presentati prevede il pompaggio di acqua in superficie, dove poi si congelerà per formare uno strato protettivo sulla neve artica. Questo è un progetto della startup olandese Riflessi artici. È legato agli scienziati del clima e aspira a invertire lo scioglimento dei ghiacciai artici progettando uno “strato protettivo”. Il video che ha pubblicato online giornale di Wall Street Mostra il processo di ricostruzione delle calotte glaciali per aumentarne lo spessore e mitigare l’impatto del cambiamento climatico. Fonger Ypma, CEO di Arctic Reflections, spiega che il concetto è ispirato ai maestri del ghiaccio olandesi, o IJsmeesters, che allagano i campi per creare piste di pattinaggio.

READ  Lo studio propone un nuovo metodo per diagnosticare la malattia di Charcot

La soluzione migliore: affrontare la causa e ridurre i gas serra

Riconosce che questa soluzione è temporanea e che l’obiettivo è semplicemente quello di creare uno strato protettivo di ghiaccio per preservare l’Artico fino a quando i progressi tecnologici non potranno ridurre ulteriormente le emissioni globali di carbonio. Altro ostacolo: bisognerebbe percorrere 13 milioni di chilometri quadrati, con montagne alte 5.000 metri! Ciò equivale a circa 30 volte la superficie della Francia…

Un altro progetto è stata l’idea di spargere perle di vetro riflettenti sulla neve per riflettere i raggi del sole. Idee che non convincono gli esperti, come Julianne Struve, docente specializzata in scienze a distanza. Secondo lei l’attenzione dovrebbe sempre essere rivolta alla rapida riduzione delle emissioni di gas serra. Delle 60 idee contenute nel rapporto, afferma che i metodi di cattura del carbonio che “mirano alla causa principale” sono migliori di molti altri. Chi lo fa e basta “Mettere un cerotto sul problema a livello locale, mentre il pianeta si riscalda”.

Simula una colonna di vulcano per bloccare i raggi

Tuttavia, alcune idee basate sui metodi dell’ingegneria solare trovano sostenitori tra gli specialisti. Come la luminosità delle nuvole marine polari o l’aumento delle nevicate. Uno dei metodi più comuni è iniettare aerosol nella stratosfera artica. Questo processo è noto come gestione della radiazione solare (SRM) e la sua efficacia è ben consolidata. Questo metodo imiterebbe essenzialmente un pennacchio vulcanico nella stratosfera ed è stato proposto da molti ricercatori come un modo per limitare il riscaldamento globale.