Febbraio 6, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Anestesia per riparare danni cerebrali?

Una delle sorprese, nel 2020, è stata infatti che i pazienti dimessi dalla terapia intensiva e posti sotto anestesia hanno impiegato settimane, anche mesi, prima di riprendere la piena coscienza. Successivamente, non hanno mostrato danni cerebrali. Inizialmente si sospettava che la causa fosse il danno cerebrale causato dal virus, ma il team del neurologo Nicholas Schiff, del Weill Medical College alla Cornell University, questa settimana suggerisce di vedere il problema in un altro modo: l’anestesia sarebbe stata un’opportunità per il cervello di riparare il danno, nello stesso modo in cui in alcune specie il cervello si mette, durante l’inverno, in uno stato di semi-ibernazione. Una sorta di modello “protettivo”, in cui gli umani di solito non possono inserirsi, ma forse la tecnologia glielo consentirà.

Schiff e il suo team lo sottolineano i loro postPubblicato il 7 novembre sulla rivista PNAS, che questa è solo un’ipotesi. Ma questo gran numero di pazienti COVID che, dopo essere stati in terapia intensiva, in supporto vitale, impiegano un tempo anormalmente lungo per uscire dall’anestesia, significa che qualcosa sta succedendo nel cervello dopo l’infezione da questo coronavirus.

Lo scorso marzo, a Altre ricerche, a cui ha partecipato anche Nicholas Schiff, ha riportato i casi di 795 pazienti con infezioni gravi a New York e Boston. Più di 10 giorni dopo essere stati trovati in grado di respirare senza l’ausilio di dispositivi, un quarto di loro non era ancora in grado di rispondere a un semplice comando, come premere il dito di un medico. Dopo 23 giorni, il 10% è rimasto incosciente: si tratta di numeri elevati per un’infezione respiratoria “minore”.

READ  Lo studio prevedeva che i tassi di cancro al fegato sarebbero aumentati del 55% entro il 2040

Una fonte di ispirazione per quello che è successo a questi pazienti potrebbero essere le tartarughe d’acqua dolce che sono in grado di superare i mesi invernali, sepolte sotto uno strato di limo e ghiaccio, respirando a malapena. I biologi che studiano queste tartarughe hanno scoperto che un composto chimico chiamato GABA (acido gamma-aminobutirrico) “calma” o inibisce l’attività delle cellule nervose, risparmiando energia. Il prodotto anestetico somministrato ai pazienti ha avuto lo stesso effetto? Se è così, questo potrebbe spiegare perché alcuni pazienti rimangono in questo stato di semicoscienza così a lungo.

Altri ricercatori hanno già risposto raccomandando prudenzaQualsiasi analogia con la tartaruga ha i suoi limiti, e ci sono ancora molte cose che non capiamo sui meccanismi al lavoro. Ma sono certamente questi pazienti che sono attualmente di interesse per molti medici che sono alla ricerca di modi per ridurre il danno cerebrale dopo un infarto o una lesione cerebrale traumatica.