Ottobre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Spieghiamo perché i prezzi del carburante sono diminuiti (leggermente) per due mesi

Il calo è significativo per i portafogli degli automobilisti. Dopo aver superato i 2 euro al litro, i prezzi di benzina e diesel sono scesi due mesi fa. Le pompe in media fino a 30 centesimi in meno rispetto al 1 luglio. Il trend continua, secondo gli ultimi numeri di Ministero della Trasformazione Ambientale. In media, durante la settimana dell’8 agosto, il diesel è stato venduto a 1,79 euro al litro, quasi 5 centesimi in meno rispetto alla settimana precedente. La 95 senza piombo ha segnato un calo di 6 centesimi a una media di 1,74 euro al litro.

Questo declino è in gran parte correlato al contesto internazionale. Il canale Franceinfo spiega questo calo dei prezzi alla pompa, anche se il carburante resta più caro rispetto agli anni precedenti.

I prezzi del petrolio scendono

Il prezzo che gli automobilisti pagano alla pompa dipende direttamente dal prezzo del greggio che circola nei mercati. Questo rappresenta quasi la metà del prezzo di un litro, Secondo l’Ufip. Di conseguenza, prezzi del carburante più bassi È spiegato principalmente dal petrolio greggio.Secondo Olivier Jantois, portavoce dell’industria petrolifera in Francia, in un’intervista a franceinfo. I prezzi dell’oro nero sono aumentati all’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina a fine febbraio. Ma da oltre due mesi nevica.

Il valore del greggio Brent, lo standard europeo, ha raggiunto i 93 dollari al barile il 17 agosto, rispetto ai 110 dollari di fine luglio e ai 120 di inizio giugno, secondo quanto riportato. Citazioni pubblicate da Boursorama. Pertanto, il prezzo del petrolio ha registrato il livello più basso dall’inizio della guerra in Ucraina.

La minaccia di recessione pesa sui paesi occidentali

“Il petrolio è un termometro dell’attività economica”.osserva Anna Crete, professoressa di economia all’Università Paris Dauphine, in Le Figaro. L’economia globale ha bisogno del petrolio per funzionare. Quando l’attività rallenta, la domanda di barili diminuisce, così come il prezzo. Tuttavia, le economie di molti paesi occidentali rischiano di essere danneggiate. per me stato unito In particolare, l’inflazione è ai massimi storici. In risposta, la banca centrale statunitense ha alzato i tassi di interesse chiave, suscitando timori di una recessione.

READ  Quanto costa il carburante per 10 anni?

In Europa la situazione non è migliore. Le previsioni di crescita dell’Eurozona sono state riviste al ribasso dal Fondo Monetario Internazionale. per lui Rapporto sulle prospettive economiche globali Si prevede una crescita del PIL del 2,6% nel 2022 e del 2% nel 2023, inferiore alla precedente previsione. Anche in Francia il ministero dell’Economia si prepara a un rallentamento dell’economia nel 2023.

L’economia cinese indebolita dal Covid-19

Anche in Cina la situazione è preoccupante, soprattutto perché il Paese è ancora colpito dall’epidemia di Covid-19. Adempendo alla sua strategia “zero Covid”, Pechino continua a limitare rigorosamente diversi milioni di persone quando vengono rilevati casi, indebolendo la sua economia.

Il Fmi Già notato “Un rallentamento più pronunciato del previsto in Cina sulla scia dell’epidemia di Covid-19 e dei lockdown”. Ma la Cina consuma molto petrolio. Quando il paese più popoloso schiaccia il freno, è il consumo mondiale di petrolio a diminuire.

La prospettiva di un accordo nucleare iraniano è rassicurante

L’Iran è uno dei maggiori produttori di petrolio: nono, Secondo la US Energy Information Agency (in inglese). Nel 2018, prima che gli Stati Uniti si ritirassero dall’accordo nucleare con l’Iran, Teheran esportava circa 2,45 milioni di barili al giorno, secondo il Servizio di ricerca del Congresso degli Stati Uniti. Ma a causa delle tensioni, le sanzioni pesano sull’Iran e gli impediscono di vendere i suoi barili sui mercati globali.

In questi giorni le trattative avanzano e si fa sempre più chiara la prospettiva di un nuovo accordo. “Sembra che stiano davvero cercando di trovare un accordo”osserva l’analista di Mizuho Robert Yauger dell’AFP. se ci riesci, “È il potenziale per vedere un milione di barili in più al giorno sul mercato”conferma Robert Yauger, più a medio termine.

READ  L'orizzonte è chiaro per Kristel Heidemann in Orange

Non essendo stato in grado di esportare liberamente per quattro anni, il Paese può anche rilasciare rapidamente circa 100 milioni di barili che sono già stati pompati. Questa notizia rassicura i mercati che si aspettano un aumento dei volumi. Pertanto, quando la risorsa è più abbondante, il prezzo tende a scendere. Per lo specialista lo è anche il calo del prezzo del petrolio osservato nelle ultime settimane Principalmente legato all’Iran.. “Se l’accordo sul nucleare iraniano verrà ripreso, potrebbe spingere i prezzi vicino agli 80 dollari”prevede Edward Moya, analista di mercato di Oanda, in una nota citata da AFP.

In Francia aumenterà lo sconto sulla pompa e ridurrà un po’ di più la bolletta

La misura influirà temporaneamente anche sul prezzo alla pompa in Francia. Lo sconto sul carburante di 18 centesimi del governo salirà a 30 centesimi per settembre e ottobre, prima di scendere a 10 centesimi per novembre e dicembre.

Nonostante questo aiuto e un calo di due mesi, i prezzi sono ancora su un livello elevato, a oltre 1,70 euro al litro. Ad agosto 2019 il prezzo di un litro di diesel era di 1,41 euro. Un anno dopo, è persino sceso a 1,23 euro.

Tuttavia, questo calo dei prezzi non dovrebbe continuare. Da fine dicembre entrerà in vigore l’embargo europeo sul petrolio russo. Un portavoce dell’industria petrolifera in Francia, Olivier Gantois, vuole rassicurare e confermare che questo divieto “Non avrà un impatto sul consumatore”. Invece, sta guardando alla stabilità dei prezzi. “Secondo me, rimarremo a questi prezzi fino alla fine della guerra in Ucraina”, lui pensa.