Maggio 25, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Misure sanitarie: cosa dice la scienza su COVID-19 e gallerie

Nonostante le onde delta e omicron, con una media giornaliera di oltre 400.000 casi la scorsa settimana, la Francia ha deciso di mantenere aperte le sale espositive. Questa volontà politica è davvero sostenuta dalla scienza?

“Ci sono meno rischi nell’andare a teatro per due ore rispetto ad andare a fare la spesa per mezz’ora. Così dice il dottorS Damien Maskrett In Francia Tg 2.

Le parole del medico e giornalista in merito figaro E così France Télévisions ha espresso in modo molto colorato ed eloquente una posizione che era stata avallata in Francia e riassunta lunedì nella dovere : “Durante gli spettacoli in cui le persone sedute non si mescolano e non sono di fronte all’altra, non c’è contaminazione se tutti sono in cima alla tessera sanitaria e indossano sempre le mascherine”.

barriera morale

È molto difficile valutare la gravità delle feste o delle prestazioni in generale. esperimenti 19. riavviare In Germania nell’autunno del 2020 o a Barcellona nella primavera del 2021 la qualità del campione umano iniziale è praticamente messa alla prova: non ci sono letti perché gli spettatori sono scelti bene. La questione del rischio di contaminazione non può essere verificata Sul posto, perché uno studio del genere non sarebbe etico: non puoi esporre intenzionalmente le persone a un concerto per vedere come e fino a che punto si diffonde il virus.

Andare a teatro per due ore è meno pericoloso che andare a fare la spesa per mezz’ora

Come confermato dall’interessato in un compito, confermare dS Da mascarit deriva trasmissione dell’aerosol indoor di SARS-CoV-2, Lo studio sotto la supervisione del professor Martin Kriegel, dell’Hermann Reichel Institute di Berlino, è stato pubblicato il 25 dicembre 2021 inGiornale internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica. Piccolo appartamento rispetto all’intervento di un giornalista di France Télévisions “Appendice D” dello studio tedesco Ci insegna che il “fattore di rischio” per un “teatro a metà capienza con un pubblico avvincente” è 0,8 a 3 rispetto a un “ristorante a metà capienza”, non il supermercato (che viene utilizzato come faro per rischiare = 1) .

Il team di ricercatori del professor Kriegel ha studiato focolai di malattie durante le prove del coro in Germania e Francia, nei call center in Israele, autobus, macelli, palestre, stadi, aerei, insomma tutti i tipi di luoghi.

dovere Il professor Kriegel di Berlino ha chiesto: “Abbiamo valutato luoghi, scuole, ristoranti, teatri e sale per spettacoli indipendentemente da chi li occupava e dallo stato della vaccinazione. Questa è stata una valutazione multifattoriale. [ventilation, durée…] di rischi. Se, in un luogo con un rischio individuale del 10%, inserissi 10 persone, statisticamente una persona sarebbe infetta. Abbiamo esaminato quanto diversi dovrebbero essere i criteri in modo che solo una persona sarebbe stata infettata se 100 persone fossero state portate in questo luogo. Questo in qualche modo determina il bisogno individuale di aria fresca e consente la creazione di un modello matematico. Questo modulo porta al fattore di rischio, che sarà livellato in base al riempimento dei luoghi e alla natura delle mascherine, e l’efficacia di queste ultime è oggetto di studi specifici come lo studio DottS Bagheri Gholam Hussein Accademia delle Scienze degli Stati Uniti.

L'”arbusto”

In pratica, lo studio di Kriegel conferma ampiamente i risultati della quarta parte di studio epidemiologico comare, È stato condotto in Francia dall’Istituto Pasteur, in particolare in collaborazione con la sanità pubblica. Lo scopo di questo studio, condotto tra maggio e agosto 2021, era quello di determinare i fattori sociodemografici, i luoghi che frequentano e i comportamenti associati ad un aumentato rischio di infezione.

I risultati sono pubblicati in Lancet Regional Health Europe Il 26 novembre 2021 ha identificato quello che gli scienziati chiamano un “aumento del rischio di infezione”. Ad esempio, alcune modalità di trasporto sono state associate a un moderato aumento del rischio: metro (+20%), treno (+30%), taxi (+50%), aereo (+70%). Per gli under 40 si va a +90% nei bar e +340% nelle discoteche. “Non sono stati invece documentati rischi crescenti per luoghi culturali, negozi, ristoranti (in un momento in cui molti lavoravano all’aperto e ventilati), luoghi di culto, attività sportive e riunioni di famiglia (tranne matrimoni…), ” osserva l’Istituto Pasteur.

“In definitiva, le più affidabili sono le indagini epidemiologiche in gran numero”, ha affermato il giudice Fanny Réri Maynard, della Chambre Syndicale de la Fabre Instrumenté in Francia, che ha guidato Progetto PIC-PIV, Protocolli per Strumenti Affrontare il Corona Virus : “Gli studi in Francia sono particolarmente affidabili nel campo delle sale per spettacoli dove controlliamo molti elementi: posizionamento delle persone, loro orientamento in relazione tra loro, scarsa interazione, durata nota, uso costante della maschera, ecc. Crede Fanny Riri Menard che sarà È “sciocco” oggi chiudere i teatri se possiamo rispettare un certo numero di gesti di barriera e garantire un ragionevole ricambio d’aria quando saranno in grado di accogliere il pubblico aggiornato con i loro certificati di vaccinazione.

Tutti gli studi precedono definitivamente l’onda Omicron. Per il professor Kriegel, il cui studio prende in considerazione specificamente i tassi di emissione di particelle in base all’attività (naso, respirazione orale, parlare, cantare, tosse) e alle cariche virali, la maggiore infezione dell’omcron è spiegata dalla minore necessità di una carica virale per stimolare infezione o dal fatto che le persone infette espellono più particelle. “Con delta e tutte le varianti precedenti, solo il 10% delle persone infette è stato infettato. La mia ipotesi è che ora richieda non solo una carica virale inferiore, ma una percentuale maggiore di persone infette che vengono infettate. Ma si parla di un “rischio aumentato” di infezione da luoghi non sono stati modificati in modo sostanziale.

Vediamo nel video

READ  Virus invernali: Covid-19, influenza, raffreddore... Possiamo davvero distinguerli?