Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le Nazioni Unite adottano il primo trattato per proteggere l’alto mare

Le Nazioni Unite adottano il primo trattato per proteggere l’alto mare

Lunedì 19 giugno, gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno adottato il primo trattato internazionale per proteggere l’alto mare, un accordo chiave per affrontare le minacce agli oceani e alla loro salute, vitali per l’umanità. “Accordo approvato”Il presidente della conferenza Rina Lee ha detto con un applauso dopo l’adozione unanime.

“L’oceano è la forza vitale del nostro pianeta. Oggi ho infuso nuova vita e nuova speranza nel dare all’oceano una possibilità di combattere”.Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha commentato: Salve “successo storico”.

Nonostante l’adozione, la Russia ha preso “spazi” Con questo consenso, ha descritto alcuni elementi del testo come essere “totalmente inaccettabile”. A marzo, dopo più di quindici anni di discussioni, tra cui quattro negoziazioni formali, gli Stati membri sono finalmente riusciti a raggiungere un accordo, al termine di due nuove settimane di negoziati di maratona, la terza ” scorso “ corso in un anno.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Cosa offre il trattato d’alto mare, un passo storico nella protezione degli oceani

Il testo, congelato sulla base dei fatti, è stato da allora vagliato dai servizi legali e tradotto per essere disponibile nelle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite.

Mentre gli ecosistemi marini sono minacciati dai cambiamenti climatici, dall’inquinamento e dalla pesca eccessiva, la scienza ha dimostrato l’importanza di proteggere l’intero oceano, brulicante di biodiversità spesso microscopica, che fornisce la metà dell’ossigeno che respiriamo. Limita il riscaldamento assorbendo gran parte dell’anidride carbonica2 emessi dalle attività umane.

Metà del pianeta e più del 60% degli oceani

L’alto mare inizia dove finiscono le zone economiche esclusive (ZEE) degli stati, fino a un massimo di 200 miglia nautiche (370 km) dalla costa, e non sono quindi sotto la giurisdizione di alcuna nazione. Anche se rappresenta quasi la metà del pianeta e più del 60% degli oceani, è stata a lungo ignorata nella battaglia ecologica, a favore delle zone costiere e di poche specie emblematiche.

READ  Nuovi sanguinosi scontri al confine tra Armenia e Azerbaigian

Lo strumento principale del nuovo trattato: la creazione di aree marine protette in queste acque internazionali. Oggi solo l’1% circa dell’alto mare è soggetto a misure di conservazione. Ma a dicembre, a Montreal, tutti i Paesi del pianeta si sono impegnati a proteggere il 30% delle terre emerse e degli oceani del pianeta entro il 2030.

con adozione, “La corsa verso la ratifica è iniziata e l’obiettivo di proteggere almeno il 30% degli oceani entro il 2030 resta a portata di mano”.Chris Thorne di Greenpeace ha commentato: La nuova tesi di “Conservazione e uso sostenibile della biodiversità marina al di fuori delle aree di giurisdizione nazionale” Introduce inoltre l’obbligo di condurre studi di impatto ambientale per le attività pianificate in alto mare.

Il testo non li elenca, ma possono variare dalla pesca ai trasporti, comprese attività potenzialmente controverse come l’estrazione sottomarina o la geoingegneria volte a frenare il riscaldamento globale.

slancio politico atteso

Il trattato ha anche stabilito il principio della condivisione dei benefici delle risorse genetiche marine raccolte in alto mare, che ha cristallizzato le tensioni fino all’ultimo minuto a marzo.

le notizie

“calore umano”

Come affronti la sfida climatica? Ogni settimana, i nostri migliori articoli su questo argomento

Registrati

I paesi in via di sviluppo che non hanno i mezzi per finanziare campagne e ricerche molto costose sono entrati in azione ” giustizia “ risorse genetiche marine, che si tratti dell’accesso a dati scientifici o di una quota dei profitti attesi dalla commercializzazione di queste risorse – che non appartengono a nessuno – e da cui le aziende farmaceutiche o cosmetiche sperano di estrarre molecole miracolose.

Il testo aprirà alla firma il 20 settembre, quando decine di capi di Stato e di governo saranno a New York per partecipare alle riunioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Resta da vedere quanti paesi decideranno di imbarcarsi.

READ  ONU “disturbate” dall’incursione israeliana nell’ospedale di Shifa; Il primo camion di carburante ad entrare a Gaza
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati COP15: A Montreal, Storici impegni per la biodiversità

L’Ong ritiene che il minimo di sessanta ratifiche per entrare in vigore non debba essere troppo inverosimile, la High Ambition Coalition for Nature and People, guidata dall’Unione Europea, che comprende già una cinquantina di Paesi, tra cui Giappone, Cile, India e Messico . Ma sessant’anni sono ben lontani dall’universalità dei sostenitori del perimetro, che sperano che lo slancio politico attorno all’adozione non diminuisca.

“Continuiamo questo slancio”Lunedì, il presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Chapa Kurosi, ha lanciato un appello per dare il benvenuto ad A “accordo storico”. “Continuiamo ad agire per proteggere i nostri oceani, il nostro pianeta e tutte le persone che ci vivono”.

Il mondo con Agence France-Presse