Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Israele diventerà presto un bersaglio per mandati di arresto internazionali?

Israele diventerà presto un bersaglio per mandati di arresto internazionali?

Secondo quanto riferito, la Corte penale internazionale sta per emettere mandati di arresto contro leader israeliani e funzionari di Hamas. A Tel Aviv circolano con insistenza tre nomi: il primo ministro Benjamin Netanyahu, il ministro della Difesa Yoav Galant e il capo di stato maggiore dell'esercito Herzi Halevy. L'informazione, che non è stata ancora confermata ufficialmente, è considerata sufficientemente credibile da suscitare scalpore a livello mondiale.

La sua intelligenza lo aveva avvertito del pericolo imminente? Benjamin Netanyahu, come lo ha descritto “Insolitamente spaventato e nervoso” Lo riferisce il quotidiano israeliano Maariv, Venerdì ha fatto tendenza sui social media. Nessun intervento della Corte penale internazionale “Creerebbe un pericoloso precedente che minaccerebbe i soldati e i leader di tutte le democrazie che combattono il terrorismo brutale e l’aggressione sfrenata”. Annunciare. Ha aggiunto: “Sotto la mia guida, Israele non accetterà mai alcun tentativo da parte della Corte penale internazionale di minare il suo diritto intrinseco all’autodifesa. » Il suo ministro degli Esteri, Israel Katz, venne in suo aiuto in modo conciso: “Questo è ridicolo.”

Il procuratore Karim Khan ha effettivamente deferito la questione alla Camera preliminare, che è l’unica camera autorizzata a emettere mandati di arresto internazionali? Si sta preparando a farlo? “Che siano imminenti o meno, questi mandati di arresto sono inevitabili”. Si ritiene che l'avvocato di Leon, Gil Devers, sia molto attivo nella Corte penale internazionale. L'ultima indagine è stata particolarmente documentata. Inaugurato nel marzo 2021, copre gli atti commessi dal giugno 2014 a Gaza e in Cisgiordania e si arricchisce di tutte le violazioni commesse dal 7 ottobre, compreso l’attacco mortale di Hamas.

La cooperazione richiesta dalla comunità internazionale

Bombardamento deliberato di ospedali o scuole, privazione di cibo e cure e sfollamento forzato… Sulla base delle informazioni dei relatori delle Nazioni Unite e con l'assistenza di centinaia di avvocati di tutte le nazionalità, M.H Dal novembre 2023, Devers lavora per identificare le prove delle violazioni e trasmetterle all'ufficio del procuratore distrettuale. “La Corte Internazionale di Giustizia ha emesso sentenze che aumentano il rischio di genocidio, Lo ricorda una fonte dell'Onu. Di fronte alle gravi violazioni dei diritti umani, il silenzio e l’inazione della Corte penale internazionale sono diventati indifendibili. Era in gioco la sua stessa credibilità. » Soprattutto per quanto riguarda il presidente Vladimir Putin, preso di mira dal 17 marzo 2023 da un mandato d’arresto nel contesto dell’aggressione russa contro l’Ucraina, la sua rapidità è stata ampiamente elogiata da Washington.

READ  Un aereo a reazione sorvola l'Europa senza comunicazione radio e si schianta in mare, scortato da aerei da combattimento

Né Israele né gli Stati Uniti sono membri della Corte penale internazionale. In quanto istituzione giudiziaria, la Corte non dispone di proprie forze di polizia. Conta quindi sulla cooperazione della comunità internazionale finché i perseguitati non saranno arrestati e consegnati ad essa. Oggi, secondo lo Stockholm International Peace Research Institute, il 69% delle armi acquistate da Israele provengono da aziende americane e il 30% dalla Germania. Non c’è da meravigliarsi, quindi, che la pressione esercitata da Benjamin Netanyahu per bloccare questa misura abbia come obiettivo proprio questi due paesi. Con un certo successo.

“La legge non è lì per apparire carina »

Fonti americane hanno sottolineato lunedì che l'azione della Corte penale internazionale contro Israele pregiudicherebbe le possibilità di raggiungere un accordo con Hamas per un cessate il fuoco e lo scambio di ostaggi con prigionieri. Per l’amministrazione Biden, la situazione è ancora più imbarazzante perché, da qui all’8 maggio, il segretario di Stato americano Antony Blinken dovrà dire al Congresso se ritiene credibili le garanzie israeliane secondo cui l’uso di armi fornite dagli Stati Uniti non viola le leggi statunitensi o americane. risoluzioni. Legge internazionale. Grazie al sostegno di Washington, Israele gode da tempo di totale impunità. Ma la situazione potrebbe cambiare. Secondo Doreen Lustig, professoressa dell'Università di Tel Aviv: “L’uccisione di convogli di aiuti umanitari, la distruzione di edifici ospedalieri universitari e soprattutto l’assassinio di operatori umanitari nella Cucina Centrale Mondiale, sono atti contro Israele”..

“La legge non è lì per apparire carina, Karim Khan ha annunciato il 2 dicembre 2023, a seguito di una visita nei territori palestinesi. Se Israele non lo rispetta adesso, non verrà a lamentarsi più tardi. » Un segno di eccitazione: mentre i prigionieri palestinesi rilasciati affermano di essere stati torturati e aggrediti sessualmente durante la detenzione, agli osservatori stranieri è stato finalmente permesso di visitare i detenuti palestinesi.

READ  L'intelligence britannica afferma che la Russia ha creato il "18° esercito unificato" per avanzare in Ucraina

Venerdì il governo libanese ha deciso di riconoscere la giurisdizione della Corte penale internazionale per indagare sui crimini commessi sul suo territorio dall'inizio della guerra a Gaza. Pertanto, il Dipartimento di Stato è responsabile di “presentare una dichiarazione alla CPI riconoscendo la sua giurisdizione per indagare e perseguire tutti i crimini israeliani commessi contro giornalisti, assistenti medici e volontari della protezione civile” sul territorio libanese. Presentare tale dichiarazione darebbe al pubblico ministero la giurisdizione per indagare sui crimini commessi in Libano, indipendentemente dalla nazionalità dei sospettati. Il 13 ottobre, l’esercito israeliano ha preso di mira i giornalisti nel sud del Libano, uccidendo il videografo della Reuters Issam Abdullah e ferendo gravemente la giornalista dell’Agence France-Presse Christina Assi.

Venerdì il governo libanese ha deciso di riconoscere la giurisdizione della Corte penale internazionale per indagare sui crimini commessi sul suo territorio dall'inizio della guerra a Gaza. Pertanto, il Dipartimento di Stato è responsabile di “presentare una dichiarazione alla CPI riconoscendo la sua giurisdizione per indagare e perseguire tutti i crimini israeliani commessi contro giornalisti, assistenti medici e volontari della protezione civile” sul territorio libanese. Presentare tale dichiarazione darebbe al pubblico ministero la giurisdizione per indagare sui crimini commessi in Libano, indipendentemente dalla nazionalità dei sospettati. Il 13 ottobre, l’esercito israeliano ha preso di mira i giornalisti nel sud del Libano, uccidendo il videografo della Reuters Issam Abdullah e ferendo gravemente la giornalista dell’Agence France-Presse Christina Assi.

Venerdì il governo libanese ha deciso di riconoscere la giurisdizione della Corte penale internazionale per indagare sui crimini commessi sul suo territorio dall'inizio della guerra a Gaza. Pertanto, il Dipartimento di Stato è responsabile di “presentare una dichiarazione alla CPI riconoscendo la sua giurisdizione per indagare e perseguire tutti i crimini israeliani commessi contro giornalisti, assistenti medici e volontari della protezione civile” sul territorio libanese. Presentare tale dichiarazione darebbe al pubblico ministero la giurisdizione per indagare sui crimini commessi in Libano, indipendentemente dalla nazionalità dei sospettati. Il 13 ottobre, l’esercito israeliano ha preso di mira i giornalisti nel sud del Libano, uccidendo il videografo della Reuters Issam Abdullah e ferendo gravemente la giornalista dell’Agence France-Presse Christina Assi.

READ  Arriva a Gaza il primo convoglio di aiuti umanitari dalla Giordania

Non siamo riusciti a confermare la tua registrazione.

La tua registrazione è stata confermata.