Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Benjamin Netanyahu minaccia che Israele entri a Rafah “anche senza” l'accordo di tregua con il Movimento Islamico

Benjamin Netanyahu minaccia che Israele entri a Rafah “anche senza” l'accordo di tregua con il Movimento Islamico

Martedì 30 aprile il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso che l'esercito israeliano entrerà nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, e che l'accordo di tregua che potrebbe essere raggiunto a breve sarà raggiunto o meno con Hamas.

“L’idea di fermare la guerra prima di raggiungere tutti i nostri obiettivi è inimmaginabile. Entreremo a Rafah ed elimineremo lì le brigate di Hamas, con o senza un accordo”. [de trêve]Per ottenere la vittoria completa »Lo ha annunciato Netanyahu citando un comunicato stampa pubblicato dal suo ufficio.

I Paesi mediatori sperano di fermare la guerra che va avanti da circa sette mesi, in attesa della risposta del Movimento Islamico ad una offerta di tregua di quaranta giorni. Questa proposta è legata alla liberalizzazione “Migliaia di prigionieri palestinesi” Sono detenuti dallo Stato ebraico, in cambio del rilascio degli ostaggi da loro rapiti il ​​giorno dell'attacco compiuto dal movimento islamico in territorio israeliano, il 7 ottobre 2023.

Israele aspetterà “Fino a mercoledì sera” Un funzionario israeliano ha detto martedì all'AFP che la risposta di Hamas a questa offerta di tregua è avvenuta durante le discussioni al Cairo prima che fosse presa la decisione di inviare una delegazione lì. Dopo un incontro lunedì al Cairo con i rappresentanti di Egitto e Qatar, i due paesi mediatori con gli Stati Uniti, una delegazione di Hamas è tornata a Doha e dovrebbe presentare la sua risposta. “Il più rapidamente possibile”Una fonte vicina al movimento ha detto all'Agence France-Presse.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Israele intensifica i preparativi per l'attacco a Rafah

READ  Il generale Burchard vuole preparare l'esercito a conflitti misti

129 persone rimangono prigioniere a Gaza

Il capo della diplomazia americana, Anthony Blinken, ha detto che il suo arrivo in Israele è previsto martedì dopo una sosta in Giordania. “Speranze” Reazione positiva di Hamas alla proposta, che ha descritto come“Generosità straordinaria da parte di Israele”.

Questa proposta arriva dopo mesi di stagnazione nei negoziati indiretti volti a raggiungere una nuova tregua nei territori palestinesi.

Nel novembre 2023, una tregua di una settimana ha consentito il rilascio di 105 ostaggi in cambio di 240 detenuti palestinesi. Secondo funzionari israeliani, più di 250 persone sono state rapite il 7 ottobre 2023 e tenute in ostaggio nei territori palestinesi, e 129 persone rimangono prigioniere a Gaza, 34 delle quali sono morte.

Secondo un rapporto pubblicato martedì dal Ministero della Sanità palestinese, la guerra tra Israele e Hamas ha provocato la morte di 34.535 persone nella Striscia di Gaza, la maggior parte delle quali civili. Da parte israeliana, circa 1.170 persone sono state uccise, la maggior parte delle quali civili, durante l'attacco avvenuto il 7 ottobre 2023, secondo un conteggio dell'Agence France-Presse basato su fonti ufficiali israeliane. Inoltre esso, Secondo l'esercito israeliano608 dei suoi soldati sono stati uccisi nei combattimenti a Gaza.

Leggi anche il resoconto Il materiale è riservato ai nostri abbonati In Israele le famiglie degli ostaggi temono che il loro caso venga dimenticato

Il mondo con l'Agence France-Presse

Riutilizza questo contenuto