Novembre 30, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La scelta – I miliardari francesi sono diventati più ricchi dopo la crisi sanitaria?

Il ribelle François Ruffin afferma che la crisi ha colpito i più ricchi quando non c’è stato un aumento dei dipendenti di secondo livello. Se il membro ha ragione, bilancia due numeri incomparabili. spiegazioni.

In un anno di crisi sanitaria, i miliardari francesi sono cresciuti del 68%, mentre i miliardari francesi sono cresciuti in seconda linea […] François Ruffin ha detto mercoledì in Francia 2. Al deputato di La France Insumes (LFI) della Somme è stato chiesto delle soluzioni per migliorare il potere d’acquisto alla vigilia dell’annuncio della compensazione dell’inflazione di 100 euro decisa dal governo e destinata al I francesi guadagnano meno di 2.000 euro, in risposta all’aumento dei prezzi dell’energia.

Nelle sue osservazioni, Francois Ruffin in Francia 2 ha citato il rapporto Erhel pubblicato lo scorso maggio, intitolato a Christine Erhel, direttore del Centro per l’occupazione e gli studi sul lavoro del CNAM. Questo rapporto definisce il concetto di professione di seconda linea secondo criteri oggettivi.

“I lavoratori di seconda linea sono quelli che hanno continuato a lavorare durante i periodi di confinamento, e soprattutto durante il primo periodo. E questi lavoratori sono stati esposti ai rischi di contaminazione, o perché erano a contatto con il pubblico, o perché erano a stretto contatto contatto con i loro colleghi”, i dettagli della nostra antenna Christine Erhel sabato.

Cassieri di supermercati, operatori di macchine, collaboratori domestici, operai edili, ecc., agricoltura, commercio, trasporti o anche servizi. Si tratta di 4,6 milioni di dipendenti in totale.

Lavoratori a bassa retribuzione

François Ruffin ha sottolineato che questi lavoratori sono soggettivamente e oggettivamente sottopagati. A conferma di ciò, il deputato LFI si è basato ancora una volta sul famoso rapporto Erhel secondo il quale i lavoratori di seconda linea sono pagati il ​​30% in meno rispetto al resto dei dipendenti del settore privato.

READ  Le cinque leve menzionate dal governo e dai candidati presidenziali per tagliare il conto alla pompa

In reddito netto mensile equivalente a tempo pieno, la seconda linea guadagna 1634 euro, rispetto ai 2337 euro degli altri dipendenti del settore privato.

Oltre all’aspetto finanziario, questi lavoratori sono più a rischio di infortuni sul lavoro ei loro contratti sono spesso brevi, e quindi più pericolosi. Nelle aziende sono già state avviate trattative per azzerare i salari, ma questi aumenti non hanno permesso di compensare l’inflazione. Pertanto, i dipendenti interessati non hanno acquisito potere d’acquisto.

Alcuni lavoratori hanno ricevuto bonus. Nel 2020 i dipendenti del Gruppo Carrefour hanno ricevuto un bonus Macron di 1.000 euro, ma quest’anno non hanno ricevuto nulla. Tuttavia, il governo ha rinnovato questo bonus esentasse a luglio, alzando anche il tetto a 2.000 euro in caso di sottoscrizione di un accordo di partecipazione agli utili.

Nelle raccomandazioni che farà al Dipartimento del Lavoro alla fine di novembre, Kristen Erhill, co-autrice del Rapporto sulle condizioni di lavoro per gli accordi di seconda linea, insisterà sulle trattative salariali per branca per ridurre la disuguaglianza. Trattative che possono riguardare l’orario di lavoro o la durata dei contratti, a seconda del mestiere.

Ricchi, più ricchi di prima della crisi?

François Ruffin afferma soprattutto che i miliardari francesi si sono arricchiti del 68% durante la crisi. Anche in questo caso ha ragione il deputato di LFI. Secondo i dati pubblicati dall’American Journal of ForbesLa ricchezza dei miliardari francesi è stata di 249,5 miliardi di euro nel 2020 rispetto ai 420,4 miliardi di euro nel 2021. Un aumento del 68,5% in un anno di crisi sanitaria.

Ma François Ruffin bilancia due cifre incomparabili con il reddito dei dipendenti di secondo livello da un lato e le fortune di grandi fortune dall’altro. Durante la crisi sono aumentate le disuguaglianze di ricchezza, ma non quelle di reddito, che sono rimaste più o meno stabili.