Luglio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il procuratore speciale chiede alla Corte Suprema di pronunciarsi sull’immunità di Trump

Il procuratore speciale chiede alla Corte Suprema di pronunciarsi sull’immunità di Trump

Il procuratore federale Jack Smith, lunedì, ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di emettere una sentenza urgente sull’immunità invocata da Donald Trump per evitare che l’ex presidente deragliasse il suo corso. Il suo processo è previsto per le elezioni del 2020.

Gli avvocati del favorito alle primarie repubblicane chiedono sistematicamente che i suoi vari processi si svolgano il prima possibile, e in ogni caso dopo le elezioni presidenziali del novembre 2024.

Giudice Tanya Chutkanche presiederà i procedimenti del processo federale contro Donald Trump e i suoi presunti tentativi illegali Per ribaltare il risultato delle elezioni del 2020, la sua richiesta di immunità è stata respinta il 1° dicembre, considerato che non esiste alcuna disposizione che tuteli un ex presidente da procedimenti penali.

Documento “eccezionale”.

Ma il ricorso presentato dai suoi avvocati il ​​7 dicembre “sospende il procedimento” contro di lui, come sottolinea il procuratore speciale Jack Smith, che sta indagando sul caso, nella sua richiesta di rinvio diretto alla Corte Suprema. Tuttavia, “se il procedimento d’appello procede secondo il ritmo consueto della Corte d’appello, una decisione definitiva non potrà essere emessa prima di diversi mesi”, mentre il processo dovrà iniziare il 4 marzo 2024, ha sottolineato.

“È imperativo nell’interesse pubblico che la richiesta di immunità dell’imputato venga risolta il più rapidamente possibile e, se non ha l’immunità, che venga processato con un processo giusto e accelerato”, afferma il procuratore speciale. Ammette che si tratta di una “richiesta eccezionale”, aggiungendo: “È un dossier eccezionale”.

Di conseguenza, Jack Smith ha chiesto una suprême della questione e un fixer per il pubblico per offrire l’opportunità di porre fine alle discussioni delle parti prima dello statuto dell’ultima sessione, che era giunta alla fine della sessione del 30 giugno. Il tribunale, senza pronunciarsi sul rinvio stesso, ha accettato nel pomeriggio di esaminarlo con urgenza e ha concesso alla difesa tempo fino al 20 dicembre per rispondere.

READ  Il cessate il fuoco approvato da Vladimir Putin per il Natale ortodosso dovrebbe iniziare alle 10 del mattino.

Possibile ritardo del processo

Jack Smith aggiunge: “Sebbene non vi sia alcun precedente a sostegno della rivendicazione dell’imputato all’immunità penale in quanto ex presidente, lo Stato riconosce che questa corte non si è mai pronunciata” su questo tema.

Allo stesso tempo, ha presentato una richiesta di revisione d’urgenza alla corte d’appello federale di Washington, nel caso in cui nove giudici della Corte Suprema, sei nominati dai presidenti repubblicani e tre nominati dai democratici, respingano la sua richiesta.

Da parte sua, la Corte d’appello ha concesso tempo fino a mercoledì agli avvocati di Donald Trump per rispondere a questo appello d’urgenza. Il team della sua campagna ha risposto in una dichiarazione alla richiesta di Jack Smith: “Non c’è assolutamente alcun motivo per affrettare questo processo farsa se non quello di danneggiare il presidente Trump e decine di milioni di suoi sostenitori”.

Gli avvocati di Donald Trump affermano che gode di “assoluta immunità” per le sue azioni mentre era alla Casa Bianca. Citano la giurisprudenza della Corte Suprema degli anni ’80 riguardante le cause civili contro l’ex presidente Richard Nixon.

Anche con un’azione rapida, è improbabile che la Corte Suprema degli Stati Uniti emetta un parere prima di febbraio, rendendo incerta la data di inizio del 4 marzo.