Luglio 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Prima di incontrare la Guyana…il Venezuela ha “grandi aspettative”

Prima di incontrare la Guyana…il Venezuela ha “grandi aspettative”

Una veduta del villaggio di Arau in Guyana, vicino al confine con il Venezuela, 10 dicembre 2023. Roberto Cisneros/AFP

Giovedì è previsto un incontro a Saint Vincent e Grenadine tra i leader dei due Paesi coinvolti nella disputa territoriale.

Il Venezuela formula”Ottima previsione» In vista dell’incontro di giovedì a Saint Vincent e Grenadine tra il presidente Nicolas Maduro e il suo omologo della Guyana, Irfane Ali, per discutere della disputa territoriale a Essequibo, ha dichiarato lunedì 11 dicembre il ministro degli Esteri venezuelano.

«Andiamo a San Vincenzo con grandi aspettative e un grande desiderio di pace, riconciliazione e (spirito di) azione“, ha annunciato Evan Gil nel corso di un incontro con la stampa internazionale. “Il Venezuela non ha mai posto la disputa territoriale come un ostacolo all’integrazione regionale, ma è sempre stato fermo nel rivendicare ciò che gli appartiene“, Ha aggiunto.

Il Venezuela rivendica Essequibo, un’area di 160.000 chilometri quadrati amministrata dalla Guyana. Sostiene che gli appartiene e che il vero confine è quello che risale all’impero spagnolo nel 1777. La Guyana, indipendente dal 1966, ritiene che il confine sia stato stabilito nel 1899, quando il Regno Unito era la potenza coloniale del territorio. La controversia è stata portata davanti alla Corte internazionale di giustizia, la più alta corte delle Nazioni Unite, che il Venezuela non riconosce.

“un dialogo”

Forse “Formule“L”Cooperazione nel settore del petrolio e del gas“Potrebbe essere sul tavolo”, ha aggiunto Ivan Gil, sottolineando che il Venezuela ha avuto successo.Con tutti i governi della Guyana fino al 2015», l’anno in cui il colosso americano ExxonMobil scoprì enormi giacimenti petroliferi nell’area contesa. I recenti appelli della Guyana a presentare offerte per lo sfruttamento petrolifero nella regione hanno rianimato questo antico conflitto regionale.

L’incontro, che si terrà giovedì alle 14:00 GMT, è organizzato sotto gli auspici della Comunità dei Caraibi (CARICOM) e della Comunità degli Stati Latinoamericani e Caraibici (CELAC), di cui il Primo Ministro di Saint Vincent e Grenadine detiene la presidenza di turno. “Il dialogo deve porre fine a questa escalation“, aspira Ivan Gil, secondo il quale”Accettare la partecipazione al dialogo è già un grande successo».

Ha però chiesto”– Rimuovere le interferenze da elementi estranei alla regione“, riferendosi agli Stati Uniti, alleati di Georgetown, che affermavano”Sostegno incrollabile alla sovranità della GuyanaIl Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito venerdì a porte chiuse per discutere la questione Essequibo, ma non è stato fatto alcun commento.

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

READ  La guerra in Ucraina: attacchi russi al porto del Danubio, la prima nave nel Mar Nero... Aggiornamento della situazione