Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Marocco in classifica a parte

Il Marocco in classifica a parte

Tre anni fa, il 22 dicembre 2020, Marocco e Israele firmarono, in grande clamore a Rabat, un accordo Accordi di standardizzazione Dalle loro relazioni.

Tre anni dopo, l'anniversario di questo evento è passato quasi inosservato a causa della guerra di Gaza, a differenza dei due anni precedenti in cui era stato celebrato in pompa magna. Il Marocco ha celebrato questo anniversario in file separate, poiché il magazzino è rimasto lontano dai riflettori e dai residenti che hanno manifestato questo fine settimana a sostegno dei palestinesi e contro la normalizzazione.

I marocchini hanno manifestato nuovamente domenica nelle strade di Rabat per riaffermare il loro sostegno ai palestinesi di Gaza che stanno affrontando un diluvio di fuoco israeliano dal 7 ottobre.

Secondo il media israeliano i24news, più di 10.000 persone hanno manifestato domenica a Rabat per denunciare… Guerra di sterminio » I palestinesi e la normalizzazione dei rapporti tra Marocco e Israele.

Il Marocco è stato il quarto paese, dopo gli Emirati Arabi Uniti, il Bahrein e il Sudan, a firmare gli accordi di Abraham negoziati durante l’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel corso dell’anno.

Il re Mohammed VI aveva accettato di compiere questo passo in cambio della promessa di riconoscimento americano. sovranità » Dal Marocco attraverso il Sahara Occidentale. Si aspettava anche un'intensificazione della cooperazione militare e di sicurezza con lo Stato ebraico.

Tre anni dopo, quando arriva il momento di fare il punto, il magazzino rimane un po’ nascosto. l'operazione ” Alluvione di Al-Aqsa » Ciò che il movimento palestinese Hamas ha sollevato il 7 ottobre ha distorto i calcoli del campo della normalizzazione, in particolare del Marocco, la cui opinione pubblica è principalmente impegnata sulla questione palestinese.

READ  La visite mediche tourne mal : le médecin lui touche les intimes avant de les filmer avec son téléphone portable

In effetti, la normalizzazione rappresenta un miserabile fallimento per il palazzo reale, soprattutto per quanto riguarda il suo obiettivo principale, che è quello di far accettare alla comunità internazionale la politica di fatto che sta perseguendo nel Sahara Occidentale.

La dichiarazione di Donald Trump non ha prodotto l’effetto domino atteso tra le potenze occidentali e le altre potenze globali. Nessun altro paese, tranne Israele, ha riconosciuto la sovranità del Marocco sui territori occupati.

Tre anni dopo, la questione del Sahara Occidentale è ancora nell’agenda di decolonizzazione delle Nazioni Unite, e il mondo considera ancora il territorio “un L'ultima colonia dell'Africa ».

Anche il riconoscimento americano non è del tutto scontato, perché il presidente Joe Biden, entrato in carica poche settimane dopo la firma dell’accordo di normalizzazione, tarda ad adempiere agli impegni del suo predecessore nei confronti del Marocco.

Si rifiuta di aprire un consolato americano a Dakhla, si oppone allo svolgimento di esercitazioni congiunte dei Lions africani al largo delle coste del Sahara occidentale, e i rappresentanti della sua amministrazione trovano sempre più un tono equilibrato quando parlano della questione.

Marocco – Israele: i tristi risultati della normalizzazione

Negli ultimi tre anni, Israele e Marocco hanno intensificato la loro partnership militare e di sicurezza. Nel novembre 2021 hanno firmato un protocollo di cooperazione in materia di difesa, che è stato presentato come segue: Senza precedenti » Perché è stato il primo accordo di questo tipo firmato dallo Stato ebraico con uno dei sei paesi arabi con cui intrattiene relazioni diplomatiche.

Il Maroc potrà accettare l'esercito israeliano e trarre profitto dal salvataggio israeliano, dal dominio degli armamenti e dalle tecnologie del paese e dalla progettazione, se l'attacco dello scorso 7 ottobre sulla questione del superiore appoggio di Israele.

READ  Un soldato francese muore accidentalmente a Reunion dopo una malattia

I suoi servizi di intelligence non hanno assistito all’arrivo di decine di combattenti di Hamas che sono riusciti ad operare in profondità nel territorio israeliano, uccidendo 1.200 persone e prendendo più di 250 ostaggi.

Se i guadagni del Marocco sono ipotetici, le sue perdite dopo la normalizzazione sono molto reali. Le autorità del Regno si sono trovate in completo contrasto con le aspirazioni della popolazione, fortemente attaccata alla causa palestinese.

Le autorità marocchine sono ricorse all’espediente degli account falsi sui social media per far sembrare che l’opzione della normalizzazione sia condivisa tra la popolazione. Ciò è stato doppiamente negato.

Prima attraverso indagini condotte da organizzazioni indipendenti, come la statunitense DFRLab o la piattaforma ICAD (Qatar), che hanno rivelato la presenza di migliaia di account falsi su vari social network che riflettono le posizioni dello Stato marocchino, e poi attraverso la strada stessa.

Dall’inizio dell’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza, le marce a sostegno del popolo palestinese non si sono placate, nonostante la repressione. Le manifestazioni organizzate in tutto il Regno, soprattutto a Rabat e Casablanca, sono tra le più grandi manifestazioni avvenute al mondo a sostegno della causa palestinese. L'ultima marcia si è svolta domenica a Rabat, tre anni dopo la normalizzazione dei rapporti tra Israele e Marocco. Un bel simbolo.