Settembre 23, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Delusions e la controversia sull'”illusione” di Boston Lab

Delusions e la controversia sull'”illusione” di Boston Lab

Pubblicato in:

Un laboratorio della Boston University ha combinato il genoma del virus Covid-19 originale con parte di una variante di Omicron nel tentativo di determinare cosa consente a questo ceppo di sfuggire più facilmente all’immunità conferita dalla vaccinazione. La tecnologia, che può sembrare discutibile, ha portato a un torrente di polemiche e un’indagine da parte delle autorità sanitarie statunitensi, confermata mercoledì.

Gli scienziati della Boston University di certo non se lo aspettavano. Accusato dai media clamorosi di aver creato un ceppo “più letale” di Covid-19, il loro laboratorio è ora sotto inchiesta dalle autorità sanitarie in cui si trova. Confermato al Financial Times, mercoledì 19 ottobre. E a malincuore sono tornati in vita L’entusiasmo dei complottisti Per loro, il virus SARS-CoV-2 sarebbe, infatti, prodotto dall’uomo in un laboratorio di Wuhan.

Tutto è iniziato con Lo studio è stato pubblicato la settimana precedente Il che “si rivela in qualche modo importante per la nostra comprensione di come funziona il virus”, conferma Lawrence Young, virologo della University of Warwick Medical School. Questi ricercatori americani mostrano che le mutazioni della famosa proteina spike di Sars-CoV-2 [la pointe du virus qui lui sert à s’accrocher aux cellules pour les infecter, NDLR] Consentendo alla variante Omicron – attualmente prevalente nel mondo – di contrastare più facilmente l’immunità al vaccino, ma non sono questi cambiamenti “a rendere questo ceppo meno virulento del virus originale”, riassume Lawrence Young. Due conclusioni che non sono state ancora scientificamente provate.

topi transgenici

Ma che senso ha lo zucchero, a patto che tu possa mettere in discussione la bottiglia. Perché il laboratorio ha utilizzato un metodo che potrebbe sorprenderti conducendo il suo esperimento. Gli scienziati hanno combinato il genoma del ceppo originale di Covid-19 con la proteina spinata della variante Omicron. Di conseguenza, hanno sviluppato una mutazione sintetica del virus SARS-CoV-2 in laboratorio.

READ  È davvero necessario fare 10.000 passi al giorno per essere in salute?

Hanno quindi infettato i topi di laboratorio e hanno scoperto che l’80% dei roditori esposti alla malattia è morto. Non ci volle molto più tempo Il tabloid britannico Daily Mail Disegnare un articolo intitolato “Gli scienziati hanno creato un nuovo ceppo di Covid-19 che uccide l’80%”.

Abbastanza per garantire che l’articolo si diffonda sui social network… Basterebbe un tasso di letalità dell’80% per spingere questa alternativa nell’arena del virus più letale, come l’Ebola. Il successo è stato soprattutto istantaneo nella Nebulosa Cospirativa su Griglia. “Certamente l’idea di un virus sviluppato da un essere umano in un laboratorio aveva qualcosa per sedurre i seguaci della teoria del complotto secondo cui il Covid-19 è stato prodotto da scienziati cinesi in un laboratorio di Wuhan”, osserva Lawrence Young.

Il sensazionale articolo del Daily Mail ha suscitato una reazione arrabbiata da parte della Boston University, In un comunicato stampaHa denunciato le accuse “false e inesatte”.

L’esperimento dei ricercatori americani non avrebbe potuto produrre una specie più letale. In effetti, “questa è una razza ‘fantasy'”. [c’est-à-dire qui n’existe pas dans la nature] È stato somministrato a topi che erano diventati particolarmente sensibili agli effetti del Covid-19″, afferma Lawrence Young. Così il 100% di questi stessi mammiferi è diventato più vulnerabile alla malattia soccombendo agli effetti del ceppo originale di Sars-Cov-2 , contro l’80% dei topi a cui è stata data la malattia. Sono stato esposto alla variante ibrida, da qui l’affermazione della Boston University secondo cui l’articolo del Daily Mail era fuorviante e che il ceppo ibrido era in definitiva meno pericoloso del virus originale.

Il pericolo di “guadagnare il lavoro”?

I ricercatori americani avevano sperato che la controversia si fermasse qui. Ma il National Institutes of Health (NIH), la principale organizzazione pubblica statunitense che sostiene la ricerca medica, ha quindi avviato un’indagine per determinare se il laboratorio di Boston avesse torto non chiedendo il permesso di condurre il suo esperimento.

READ  L'anime di fantascienza de "Love, Death & Robots"

In dubbio questa volta: il fatto che i chimici abbiano giocato a virologia combinando due ceppi per crearne uno nuovo. Un metodo in cui fluttua lo spettro del “guadagnare un lavoro”. Lawrence Young riassume: “È un processo molto importante e spesso utilizzato in genetica e consiste nell’aggiungere proprietà artificiali a un gene per studiare l’interazione. Il suo uso in virologia, per quanto conveniente secondo me, è sempre stato più controverso”.

Questi critici temono che la manipolazione umana possa trasformare l’agente patogeno in un virus fatale e/o in grado di causare epidemie. Questa paura è moderna: risale al 2012 ed è stato pubblicato un articolo scientifico sul “guadagnare il lavoro” sul virus dell’influenza, Cita il sito della rivista scientifica Nature.

“La maggior parte delle controversie ruota attorno a questo virus e a cosa accadrebbe se qualcuno cercasse di ricreare l’influenza spagnola per studiarla o mescolarla con elementi del vaiolo”, spiega Luke Young.

Riconosce che il rischio di un incidente di laboratorio con conseguente rilascio in natura di un pericoloso virus artificiale non dovrebbe essere preso alla leggera. “Ecco perché devi implementare misure di sicurezza rigorose, e apparentemente l’Università di Boston lo ha fatto”, ha affermato il virologo britannico.

E così i ricercatori del laboratorio statunitense hanno utilizzato un laboratorio di livello 3 di sicurezza, appena al di sotto del sistema di sicurezza militare in atto presso i pochi centri di ricerca autorizzati a elaborare i patogeni più pericolosi (come il laboratorio di Wuhan), per implementarli. il loro lavoro. Né sono gli unici che hanno usato questa tecnica per studiare Sars-CoV-2 dai tempi degli scienziati cinesi Inserito a settembre Risultati del lavoro che hanno coinvolto miscele del ceppo originale con elementi della maggior parte delle varianti conosciute fino ad oggi, Ricorda la Liberazione quotidiana.

READ  Lo screening e l'immunizzazione devono ancora essere migliorati

‘errore burocratico’

Inoltre, la Boston University è scettica sul fatto che il lavoro pubblicato comporti un “guadagno di posti di lavoro” e sostiene che il via libera ottenuto dal comitato interno per la biosicurezza dell’università è stato sufficiente.

Per lei, non c’è guadagno dal lavoro perché l’esperimento “non ha gonfiato il ceppo originale Sars-CoV-2 né lo ha reso più pericoloso”. Una definizione molto restrittiva di questo concetto perché tiene conto solo del risultato dello studio. Questa è la porta aperta a tutte le croci poiché non si può mai essere sicuri in anticipo del risultato della manipolazione.

Ma nulla impedisce nemmeno alla Boston University di accettare questa interpretazione. “Al momento non esiste una definizione di consenso”, spiega Luke Young.

Tuttavia, ritiene che in caso di dubbio, i ricercatori avrebbero dovuto riferire al National Institutes of Health. Tanto più che “le attività di questo laboratorio sono in parte finanziate da questa organizzazione che, di conseguenza, in conformità con le normative statunitensi, potrebbe essere tenuta a dare il proprio consenso” a esperimenti che richiedono misure di sicurezza speciali, ha spiegato Luke Young.

«È soprattutto una storia di errore burocratico», aggiunge questo esperto. Il pericolo, secondo lui, è che nel contesto acceso delle discussioni sul Covid-19, un caso del genere danneggerebbe una tecnologia di ricerca molto utile. Dopotutto, il vaccino Covid-19 di Astrazeneca-Oxford si basa su un approccio simile perché contiene il genoma di un virus comune a cui è stata aggiunta un’oncia di Sars-CoV-2 per stimolare il sistema immunitario a produrre gli anticorpi corretti.