Marzo 2, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I disturbi del sonno degli anni '30 causano problemi cognitivi

I disturbi del sonno degli anni '30 causano problemi cognitivi

Lo studio ha scoperto che le persone che avevano problemi di sonno tra i 30 e i 40 anni avevano il doppio delle probabilità di avere problemi di memoria e di pensiero. Pubblicato sul Journal of Neuroscience.

Risultati per i quali è addirittura qualificata “Problema di sanità pubblica” Negli Stati Uniti dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), Lo riferisce la CNN in un articolo.

Iscriviti gratuitamente alla newsletter quotidiana di Slate.fr e non perdere mai un articolo!

Sostengo

1 americano su 3 non dorme abbastanza

“La nostra ricerca mostra che non è la qualità del sonno la cosa più importante, ma piuttosto la quantità di sonno per la salute cognitiva intorno ai 30-40 anni”.“, spiega il dottor Yu Ling, professore associato di psichiatria all'Università della California.

Questa osservazione è importante dato che, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, un americano su tre non dorme abbastanza – in altre parole, tra le sette e le dieci ore per notte – e da 50 a 70 milioni di americani soffrono di disturbi del sonno. come apnea notturna. O insonnia o sindrome delle gambe senza riposo.

Secondo il CDC, ciò potrebbe portare ad un aumento del rischio di diabete, arresto cardiaco, demenza o malattie cardiovascolari. “Poiché i segni della malattia di Alzheimer iniziano ad accumularsi nel cervello decenni prima che compaiano i sintomi, comprendere la relazione tra sonno e cognizione nelle prime fasi della vita è fondamentale per comprendere il ruolo dei problemi del sonno come fattore di rischio per la malattia.”Aggiunge il dottor Yu Ling.

READ  Indagine sulla morte di Marat, Robespierre e René Descartes, giovedì 8 settembre in Francia 5 (video)

Studio a lungo termine

Lo studio è stato condotto negli anni 2000 da ricercatori su diverse centinaia di persone. Poi, tra il 2015 e il 2016, 526 di loro hanno partecipato a test di memoria, funzioni esecutive, fluidità e persino velocità di elaborazione.

In media dormivano sei ore a notte e un quinto di loro si sentiva disturbato nel sonno. Le persone che avevano maggiori problemi di sonno avevano anche maggiori difficoltà a sostenere i test dieci anni dopo.

Per gli autori dello studio è necessario continuare la ricerca “Valutare la relazione tra disturbi del sonno e cognizione nelle diverse fasi della vita e determinare se ci sono periodi critici della vita in cui il sonno è più fortemente associato alla cognizione”.. “Gli studi futuri potrebbero aprire nuove opportunità per prevenire la malattia di Alzheimer più avanti nella vita”.