Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Covid-19: irritazione agli occhi, problemi alla pelle, diarrea… La versione “Birola” trovata in Francia provoca nuovi sintomi

Covid-19: irritazione agli occhi, problemi alla pelle, diarrea… La versione “Birola” trovata in Francia provoca nuovi sintomi

Di base
Appartenente alla famiglia Omicron, la nuova variante “Pirola” del Covid-19 preoccupa le autorità sanitarie. Può diffondersi più rapidamente di altri e causare in alcune persone sintomi insoliti per l’infezione da Covid-19.

La nuova variante “Pirola”, o BA.2.86 con il suo nome scientifico, è stata rilevata per la prima volta il 31 agosto in Francia ed è sotto monitoraggio speciale. E con buona ragione, il capo del Comitato per il monitoraggio e la previsione dei rischi sanitari (COFAR) lo ha descritto come dotato di “un maggior numero di mutazioni”. Inoltre “è probabile che si espanda ulteriormente e si diffonda più facilmente”.

Leggi anche:
La variante “Birula” del Covid-19: perché i primi dati sono un po’ “rassicuranti” su questo nuovo ceppo

L’Organizzazione Mondiale della Sanità classifica “Birula” come una categoria di varianti sotto sorveglianza a causa del gran numero di mutazioni, soprattutto nel gene spike. Questa proteina è ciò che consente al virus di entrare nelle cellule.

Sintomi che compaiono sulla pelle

Le persone infette da questa variante possono sviluppare i classici sintomi del Covid-19 come malattia simil-influenzale, febbre, perdita dell’olfatto, diarrea, mal di testa o, come già menzionato, anche un forte raffreddore. Esprimere. La “Pirola” si distingue però per la capacità di provocare irritazioni agli occhi e eruzioni cutanee sul viso, secondo quanto affermato dal dottor Johannes Uys, intervistato dal quotidiano britannico “Daily Mail”. Espressione quotidiana.

Questa variante è caratterizzata anche dall’assenza di sintomi forti. Ciò rende la sua rilevazione più complessa e ne migliora la trasmissione. Non è “abbastanza grave” da richiedere il ricovero in ospedale, ma il dottor Nighat Arif sottolinea che i pazienti a volte “crollano” a causa dell’esaurimento.

READ  Un ecosistema che ha più di 3 miliardi di anni