Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“È diventato insopportabile”, hanno detto gli abitanti di Tolosa.

“È diventato insopportabile”, hanno detto gli abitanti di Tolosa.

Niente funziona. Per proteggersi dalle zanzare – “zanzare tigre, non le grandi zanzare lente e catturabili” – Sebastian e la sua famiglia hanno provato di tutto. «Anche i consigli delle nonne sono come il caffè macinato», spiega la tolosa che vive in una casa con giardino nel quartiere di Bordrog.

Ma «appena fa caldo mordiamo», sospira, nonostante le zanzariere alle porte e alle finestre, nonostante «i bossi ben potati e l’erba ben tagliata». “Da tre anni è diventato insopportabile e non possiamo nemmeno più goderci il giardino”, si dispera il padre, il cui figlio di 3 anni “si prende delle grosse vesciche” ad ogni iniezione.

“Oscillare tra nugoli di zanzare”

Ma Sebastian potrebbe vendicarsi. Martedì, a metà pomeriggio, ha raccolto una delle 500 trappole per nidificazione distribuite gratuitamente dal consiglio comunale ai residenti volontari in due quartieri: Bordrog, dove un’altra residente ha spiegato che doveva “zigzagare tra nuvole di zanzare per trovare riparo”. Stendi il bucato” e Minimes.

Le due aree residenziali sono state selezionate attraverso il processo partecipativo “Le mie idee, il mio quartiere” attraverso il quale i residenti locali hanno presentato proposte per nuovi sviluppi o strutture.

Maggiori esigenze di protezione

Quando alcuni hanno chiesto cordoni ciclabili o una nuova strada a senso unico, «i distretti 8 e 9 sono stati quelli che hanno avanzato il maggior numero di richieste anti-zanzare», spiega. Françoise Amboulange, il funzionario eletto responsabile degli “animali in città”. Ciò non significa che altri quartieri non siano stati salvati. Da La Terrasse a Bagatelle, da Jolimont a Montaudran, sono in molti a chiedere contributi per contribuire a debellare questa “piaga”.

Apparentemente non per paura della febbre dengue (di cui 83 casi rilevati nell’Alta Garonna nel 2023) o della chikungunya (due casi), ma perché la zanzara tigre impedisce loro di godersi la vita all’aria aperta, rendendo la primavera e l’estate meno miti in condizioni climatiche rigide. condizioni climatiche. Il sole di Tolosa.

READ  Dopo Dune 2, Rebecca Ferguson sarà protagonista di un film di fantascienza molto originale (no)

Alcuni residenti raccomandano l’approccio più delicato di piantare lavanda o citronella, ma i più arrabbiati richiedono spray radicali di pesticidi. Françoise Amboulange non esclude di spostare l’operazione di cattura dei nidi in altri quartieri l’anno prossimo, “quando avremo valutato questo esperimento in autunno”, dice.

immediatamente il CNRS

In effetti, il processo non è completamente gratuito per i volontari. Oltre a non lasciare ciotole d’acqua sul prato, si impegnano a contribuire allo studio delle abitudini della zanzara tigre. Ogni mese devono cambiare la carta collante della trappola e contare le femmine di tigre attaccate ad essa. Successivamente bisognerà inserire i dati nell’applicazione di Ampoulange, con sede a Grenoble e specializzata nella lotta contro le zanzare domestiche.

I dati vengono poi inviati a un team di ricercatori del Centro nazionale per la ricerca scientifica. Ci sono più zanzare nei quartieri più mineralizzati? «Contiamo su di loro per comprendere meglio il processo di cattura delle zanzare», conferma l’eletto che a giugno sperimenterà anche la “reti” con postazioni antizanzare di una parte dell’antico cimitero di Teri Kabadi. con bombole di anidride carbonica.

chiese Sebastiano. Non crede di dover le sue disgrazie al vicino Moraine Pond, i cui pesci tendono a divorare le persone sgradite. I suoi sospetti si concentrano più su “pozzanghere che si formano lungo i binari della ferrovia”. Ora armato della sua trappola per nidificare, è “felice” di partecipare allo studio e forse di contribuire ai combattimenti.