Luglio 12, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come l’Italia vuole entrare nel progetto franco-tedesco MGCS (Tank of the Future).

Come l’Italia vuole entrare nel progetto franco-tedesco MGCS (Tank of the Future).

A Guido Crocetto piace molto. Il ministro della Difesa italiano continua a parlarne con il ministro delle Forze armate francese, Sébastien Lecornu, che sta lavorando duramente per entrare nel programma franco-tedesco MGCS (Main Ground Combat System), un sistema di futuri sistemi terrestri. Guerra. Ma deve convincere Berlino ad accoglierlo ” Presto “ In questo progetto, iniziare tra Francia e Germania è incredibilmente complicato, quindi per rompere la barriera tedesca che è ben chiusa in questo momento, spieghiamo a La Tribune. Non solo ovunque. Secondo fonti coerenti, gli italiani chiederebbero di partecipare ad un terzo del MGCS, senza status di osservatore, una volta sviluppato il programma.

Uno scenario simile a quello che la Spagna è riuscita a ottenere nel programma SCAF (Future Air Combat System), inizialmente lanciato anche in Franco-Germania. L’Italia è pronta ad acquistare i carri armati Leopard AX, che in linea di principio dovrebbero rinnovare la flotta attualmente composta dall’Ariete e dal Leopard 1, e integrare la capacità di combattimento delle forze corazzate italiane. L’acquisizione includerà i carri armati Leopard AX “Rispettare il concetto e i principi sviluppati nel quadro del progetto franco-tedesco MGCS e creare condizioni favorevoli per l’espansione della partnership per il programma di sviluppo del futuro MBT europeo (carro armato) e delle piattaforme correlate (…).Lo spiega il Ministero della Difesa italiano nel Documento di Piano Pluriennale (DPP) 2023-2025.

“La cooperazione strategica e industriale con i paesi alleati e partner sarà rafforzata, posizionando la nazione come contributore e beneficiario dei futuri sviluppi nel segmento dei veicoli pesanti/corazzati”, ha affermato il ministero nel DPP.

Integrazione delle operazioni nelle armi terrestri

In precedenza, secondo le stesse fonti, il governo italiano avrebbe voluto che Roma fondesse due produttori transalpini, Iveco Defence Vehicles (IDV), una filiale del gruppo Iveco (100%) dedicata ai veicoli militari (veicoli blindati, veicoli anfibi, ecc.) . e le attività di Leonardo (già Otto Melara) sulle armi terrestri. “L’Italia vuole creare una società come risultato delle attività di Leonardo e del veicolo da difesa Iveco sul modello di KNDS”, spieghiamo a La Tribune. Questa azione dovrebbe essere facilitata da una stretta cooperazione tra i due gruppi.

READ  A Poitiers quattro soci salpano per l'Italia

Lavorano insieme già dal 1985 all’interno del consorzio Iveco-Oto Melara (CIO), di proprietà paritetica del Gruppo Iveco e di Leonardo, per lo sviluppo, la produzione e il supporto di veicoli blindati come il Centaro (I e II). Automobili. All’interno di questa associazione, Iveco Defence Vehicles si occupa dei motori, dell’area di movimento, di tutti i componenti del veicolo, dell’integrazione finale dei veicoli corazzati su ruote, mentre Leonardo è responsabile dell’integrazione finale dei sistemi d’arma, dei sistemi di puntamento e controllo del fuoco e dei veicoli corazzati cingolati. .