Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

William Soren interrompe la produzione in Francia e chiude gli stabilimenti. L’industria alimentare è stata devastata dall’energia. Cosa mangeremo nel 2023? Editoriale Carlo Senat

Cari spudorati, cari spudorati,

Ben fatto signore.

Complimenti a Mozart Finance. No davvero, le congratulazioni della giuria sono giuste.

Il successo in Francia, uno dei paesi con il suolo più fertile, il paese dei contadini privilegiati, l’industria agroalimentare di fama mondiale, ha avuto grande successo, in Francia, nel chiudere gli stabilimenti dell’azienda di William Soren così sorprendentemente e ne ero impaziente. In questo enfatico e pubblico omaggio a Mozart all’Eliseo che ci suona la sua Sesta Sinfonia (questo è il suo sesto anno in carica) alla catastrofe.

Qui da mesi viene dichiarato un disastro.

I prezzi dell’energia non sono compatibili con un’economia funzionale.

Questo è tutto.

Puoi dirmi di sì, ma è perché non c’è più energia.

Dirò di no, per niente!

Probabilmente non ce ne sarà abbastanza se fa troppo freddo e nel giro di pochi giorni potremmo avere un problema di quantità, ma generalmente non c’è problema di approvvigionamento, c’è solo un problema di calcolo del prezzo di vendita dell’energia elettrica. Costa 0,50 carati da produrre, ma siamo costretti a comprare a 150, 200 euro a volte 300 euro l’unità e si è arrivati ​​a oltre 1000. È solo un’enorme organizzazione di bande di ladri europee organizzate.

Quando le cose vanno troppo oltre, accade il peggio. È indesiderabile, ma a volte succede e non è perché non ho avvertito di nuovo. A questi livelli di prezzo, non possiamo produrre.

Quindi, se non facciamo nulla, ci stiamo dirigendo verso un brutale crollo che avverrà nel primo trimestre del 2023 e ci vorranno circa 3 mesi.

Azione brutale e veloce per chi è interessato.

Ecco cos’è il giornalismo serio e molto tradizionale Le Figaro.fr è qui

William Soren e Garbett hanno chiuso quasi tutta la loro produzione

Piccolo tuono nel cibo. Il suo proprietario Cofigeo metterà in pausa, dal 2 gennaio, quattro dei suoi otto stabilimenti in Francia.

“punto di rottura”. Invocando il muro dell’energia che molte aziende agroalimentari francesi erano pronte ad affrontare la scorsa settimana, il presidente di Cofigeo (William Saurin, Garbit) Matthew Tomazo ha riconosciuto l’impossibilità per le industrie conserviere francesi di continuare a operare a determinati prezzi dell’energia.

READ  Top 500 des fortunes en France : voici le classiment des Lorrains les plus riches

Ora la decisione è stata presa. Il gruppo noto con i suoi marchi William Soren, Garbett, Renal, Roqueleur e Zapetti ha annunciato martedì l’imminente chiusura di quattro dei suoi otto stabilimenti in Francia. Sono le località di Capdenac (Aveyron), Pouilly-sur-Serre (Aisne), Camaret-sur-Aigues (Vaucluse) e Lagny (Marne).

Si tratta di circa l’80% della produzione del gruppo, che è stata completamente chiusa. E a 800 dei suoi 1.200 dipendenti francesi verrà concesso un contratto di attività parziale a lungo termine (APLD). “L’obiettivo di questa decisione è far fronte all’aumento vertiginoso dei costi energetici (gas ed elettricità necessari per cucinare e sterilizzare pasti e ricette già pronte), che si moltiplicheranno per 10 dall’inizio dell’anno”. In un comunicato stampa.

La bolletta energetica passerà da 4 milioni a oltre 40 milioni di euro! Questa è la moltiplicazione per 10.

A questi livelli di crescita nessuna azienda può resistere.

Nessuna attività produttiva può mantenere la propria redditività.

Bisogna essere il palazzo di Mozart per non saperlo, per non rendersene conto e per non misurare la gravità delle conseguenze.

“La scelta di Cofigeo è un piccolo applauso di tuono nell’industria alimentare. Data l’inflazione dei costi, ha messo in guardia per settimane sui pericoli dell’interruzione della linea di produzione. Anche allora, con l’eccezione di alcuni attori dell’industria pesante come Duralex, no produttore di alimenti ha preso tale La decisione difficile Secondo molte fonti, altri gruppi agroalimentari potrebbero incontrare grandi difficoltà a gennaio, il che indebolirà la continuità della produzione.

Avvisate tutti, il faro del palazzo già spento era fuori uso da molto tempo.

Tutto questo Paese si fermerà nei prossimi tre mesi perché il metodo di calcolo del prezzo di vendita dell’elettricità è del tutto surreale ed è frutto delle fantasie dei nostri tecnocrati Europath a Bruxelles.

READ  L'amministratore delegato di Telecom Italia costretto a dimettersi

Possiamo fare a meno del vetro Pyrex, possiamo fare a meno di un certo numero di cose, ma è difficile fare a meno del cibo.

Difficile fare a meno della catena del freddo e dei surgelati. Se William-Saurin spegne le luci e chiude le sue fabbriche, cosa pensi che accadrà a Picard e ai suoi surgelati? Cosa pensi che succederà ad altre fabbriche? Cosa pensi che accadrà ai supermercati di proprietà di Edouard Leclerc che urla contro gli schermi televisivi mentre modestamente cerca di avvertire dell’imminente terribile inflazione senza dire tutto quello che sa e senza offendere l’autorità del posto, perché Michel Edouard non poteva farlo arrabbiato. I Leclerc stanno già cambiando e riducendo le loro ore. Questo da solo è un’informazione di per sé sulla gravità della situazione.

Ma in ogni cosa la sfortuna è buona, e io vedo in essa un felice presagio.

Siamo in un paese lacerato e diviso. Se ci pensiamo bene, le nostre divisioni e scismi sono soggetti dei “ricchi”. Posso dirti che wokie di fronte a scaffali vuoti relegherà rapidamente nella pattumiera della storia.

Ciò che è simbolico in questa storia è che William Soren è couscous quanto Cassoulet. È una rappresentazione fedele del nostro paese.

E quello che accadrà è che dopo le feste non ci saranno più cassoulet o couscous.

Riscopriremo l’unità nell’ecumenismo culinario, povertà e scarsità di unità.

Potremmo dover affrontare questo passaggio collettivamente.

Il nostro Mozart potrebbe avere il coraggio, con un semplice tratto di penna, di cambiare le regole del prezzo di vendita dell’energia.

Se non l’avesse fatto, avrebbe scoperto qualcosa di antico come il mondo.

niente.

niente.

Nessuna polizia, nessuna milizia, nessun flashball fermerà un paese affamato.

Perché, signor Presidente, sappia che tra qualche mese, a dirtelo chiaro, avrà il ritrovo di couscous e mangiatori pigri e loro spazzeranno il palazzo. Quindi è meglio che tu apra i cancelli delle fate dell’elettricità in fretta, molto in fretta, e mandi all’inferno il cancelliere tedesco. Altrimenti il ​​banchetto sarai tu, e non sarai abbastanza grande per sfamare il paese, quindi cerca di non farlo morire di fame…anche se è il tuo “progetto”. Opporremo questo progetto a un altro progetto.

READ  Stipendi miseri. Oltre il 100% delle tasse sociali!

Dove vuoi spegnere l’elettricità vogliamo mettere la luce.

Quando vuoi morire di fame, vogliamo essere nutriti, allevati e prodotti.

Dove si lascia morire negli ospedali, noi vogliamo trattare i nostri anziani, come i nostri figli e tutti coloro che ne hanno bisogno senza discriminazioni di alcun tipo.

Dove vuoi confinare, intrappolare e guardare, noi vogliamo liberare, aprire e respirare.

Dove vuoi fare la guerra, noi vogliamo la pace.

Dove vuoi la divisione, attraverso la partecipazione, woahkah, ecc., vogliamo unità e coesione.

Dove vuoi distruggere tutto, noi vogliamo costruire e costruire.

Dove si mettono le paure, noi vogliamo speranza, amore e coraggio.

È già troppo tardi, ma non tutto è perduto.

preparati !

Carlo Snat

“Insolentiae” significa “insolenza” in latino
Scrivimi [email protected]
Per scrivere a mia moglie [email protected]

Puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile Strategie che ti porteranno avanti in cui condivido soluzioni concrete da implementare per prepararti al mondo a venire. Queste soluzioni sono incentrate sull’approccio PEL: patrimonio, personale e posizione. L’idea è di mostrarti gli strumenti e le tecniche necessarie per raggiungere la resilienza personale e familiare.

“Per soffocare le rivoluzioni pacifiche, si rendono inevitabili le rivoluzioni violente.” (JFK)

Questo è un articolo ‘giornalistico’, cioè esente da riproduzione totale o parziale a condizione che questo paragrafo venga riprodotto successivamente.Insolentiae.com è il sito dove Charles Sannat si esprime quotidianamente e fornisce un’analisi spudorata e senza compromessi delle notizie economiche.Grazie per aver visitato il mio sito. Puoi iscriverti gratuitamente alla nostra newsletter quotidiana su www.insolentiae.com »