Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

40 reattori nucleari in servizio venerdì, EDF si riorganizza

40 reattori nucleari in servizio venerdì, EDF si riorganizza

Che “rimbalzo” per EDF, che aveva ancora 32 reattori spenti su 56 (il 57% della flotta non disponibile) il 25 agosto! Venerdì, l’elettricista ha appena annunciato di aver rimesso in servizio altri tre reattori nucleari stasera, il che significa che ne rimangono solo 16 chiusi per manutenzione o riparazione, secondo i dati diFES.

Nel dettaglio, la ripresa della produzione di energia elettrica riguarda i reattori Bugey 3 (nei pressi di Grenoble), Dampierre 3 (in Loiret) e Cattenom 4 (in Lorena).

Luc Raymond appare come la mobilitazione generale dei dipendenti EDF di fronte a un inverno senza precedenti di produzione di elettricità

Concretamente, con 40 reattori collegati (contro i soli 24 in servizio a fine agosto) che alimentano la rete elettrica francese, ci avviciniamo ai tre quarti della flotta in esercizio (71,5% di disponibilità) che comprende 56 reattori. In termini di risparmio energetico, EDF annuncia che sono ora disponibili 39 GW, il 63% della capacità massima installata della flotta nucleare francese, pari a 61 GW.

“40 reattori sono collegati alla rete questa mattina”, Ha indicato la tendenza di EDF secondo cui i clienti sono considerati circa il 70% delle famiglie francesi e dal 55% al ​​60% delle aziende.

Questa è una buona notizia, poiché nei prossimi giorni si assisterà ad un aumento del calo di temperatura che comincia a diffondersi in tutta la Francia, e mentre crescono i timori di tensioni sulla rete elettrica, con possibilità di black out. chiave in pieno inverno.

La Francia, importatore netto di elettricità, è sconosciuta da 42 anni

Il progresso è significativo, ma segue una logica: la società energetica francese ha volontariamente messo in manutenzione diversi reattori durante l’estate in modo che potessero essere disponibili questo inverno. Il risultato è in linea con l’obiettivo fissato da EDF di avere 40 reattori in servizio entro metà dicembre. Quindi l’elettricista rispetta il suo programma un po’ in anticipo.

READ  Si prospettano difficili trattative tra distributori e produttori

Tuttavia, la Francia quest’anno, per la prima volta in 42 anni, è un importatore netto di elettricità perché il livello di produzione di elettricità nucleare è al minimo, a causa di manutenzioni programmate ma a volte lunghe, o problemi di corrosione che richiedono lunghe riparazioni.

Erosione: EDF estende l’arresto di cinque reattori nucleari nel bel mezzo della crisi energetica

Venerdì 9 dicembre, il ministro dell’Economia Bruno Le Maire si è recato con il nuovo amministratore delegato di EDF, Luc Raymond, alla centrale di Benly in Normandia, i cui reattori sono stati spenti e dovrebbero essere riavviati all’inizio del 2023.

Anche se non sono inevitabili, durante la stagione invernale possono verificarsi interruzioni programmate di energia elettrica della durata massima di due ore se non vengono adeguatamente rispettate le richieste di riduzione dei consumi elettrici.

Elettricità: si tratta dei tagli che potrebbero interessare i francesi questo inverno per evitare blackout

Per lunedì 12 dicembre EcoWatt per ora è green

Per avvisare in anticipo i consumatori dei tagli, il governo ha creato ÉcoWatt, con un sistema di segnalazione a tre livelli: verde se tutto va bene, arancione quando il sistema è stressato e rosso quando il livello di allerta è al massimo. Raddoppiare i nostri sforzi per risparmiare energia, ad esempio non collegare il forno o spegnere il riscaldamento, ecc.

Stamattina si diceva che EcoWatt avrebbe emesso un segnale arancione per lunedì 12 dicembre, ma alle 14:00 di venerdì 9 dicembre il segnale era ancora verde sul sito (foto sotto). Si noti che l’app mobile EcoWatt ha raggiunto 2 milioni di download ieri sera.

Il consumo francese è diminuito del 10%.

Al momento, il gestore della rete RTE ha notato una diminuzione dei consumi elettrici nonostante il freddo: -8,3% in una settimana rispetto alla media del periodo 2014-2019. Da parte sua, la Emirates Electricity Corporation stima il calo del -10% a novembre, rispetto a novembre 2021.

READ  Xavier Niel, Rodolphe Saadé e l'ex CEO di Google lanciano un laboratorio di intelligenza artificiale

Elettricità: consumi clienti EDF ridotti del 10%

Venerdì RTE e il distributore di energia elettrica Enedis organizzano anche un’esercitazione nazionale, con la partecipazione delle prefetture, per testare procedure e modalità di comunicazione in caso di eliminazione del carico, simulando al contempo alcuni scenari informatici. Questo non è in alcun modo un test di cut-off sulla popolazione.

(con AFP)