Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Vino Quebec: le note incerte del bouquet climatico

“Abbiamo avuto 2 gradi in inverno per 7 anni. Il massimo è stato di -25°C quest’inverno rispetto ai -34°C dell’inverno 2013”, riassume Anne-Marie Lemaire del vigneto Lyon-Courville, nel periferia orientale. In inverno, i geotessili proteggono le viti dal freddo.

Tuttavia, il cambiamento climatico arriva con la sua parte di incertezza. “L’inverno è meno rigido di prima, ma nevica sempre meno, e quindi perdiamo un buon isolamento. Anche i disgeli primaverili sono più frequenti con il caldo degli yo-yo”, aggiunge Charles-Henri de Courges, co-fondatore e co-proprietario di L’ Orpailleur Vigneto, anche nella periferia orientale.

I veterani dei vigneti commerciali del Quebec, con la loro prima viticoltura in 40 anni, hanno visto i loro giorni senza gelo “da 135 giorni (nel 1982) a 185 giorni. La stagione si sta allungando e possiamo produrre il 30% dei nostri prodotti in rosso “, aggiunge il signor De Coussergues.

Il vino rosso richiede una maggiore maturazione dell’uva rispetto al vino bianco. Per raggiungere la maturazione desiderata, i viticoltori contano i gradi giorno – giorni in cui il termometro supera i 10 gradi Celsius (quello che gli esperti chiamano “zero vegetale”).

Tuttavia, le viti del Canada orientale possono ora contare su una stagione di crescita di circa 40 giorni in più rispetto all’inizio del 1980. “Ciò significa circa 1.300-1.400 gradi giorno nel sud del Quebec rispetto a 1.100-1.200 in Nuova Scozia”, ​​identifica Karen Bidniault, ricercatrice associata presso l’Istituto di ricerca di biologia vegetale presso l’Università di Montreal.

Con più calore, le nuove varietà di uva sono più facilmente coltivate in Quebec. “Le viti si stanno spostando verso nord”, osserva il comproprietario L’Orpailleur. Nonostante le sorprese della primavera, i cambiamenti al momento sono piuttosto positivi per la sua generosità.

READ  I vaccini ricontaminati sviluppano altri anticorpi?

“Puoi coltivare uve che non mi aspettavo di vedere qui quando abbiamo iniziato, come il Cabernet Franc (rosso) o il Gewurztraminer (bianco) perché siamo arrivati ​​allo stesso livello della regione francese dell’Alta Borgogna. Questo lascia spazio alla sperimentazione e nuovi arrivati».

“Qui i viticoltori hanno un rapporto di amore-odio con il clima”, spiega Karine Pedneault, che è anche professoressa al Dipartimento di Scienze dell’Università Sainte-Anne (Nuova Scozia). “Le variazioni rendono la temperatura più calda e più lunga. D’altra parte, quali sono le conseguenze sulla qualità del vino?”

Stagione di crescita lunga e calda

Il ricercatore sta attualmente cercando in questa domanda Nella valle di Annapolis, Nuova Scozia. La realizzazione di serre mobili nei vigneti permette di studiare l’effetto del riscaldamento globale sulla biochimica delle uve ibride canadesi. acadia bianca.

Il clima ha una grande influenza sulla fisiologia della vite e sulla maturazione delle bacche, come scoperto da Karine Pedneault. “Il riscaldamento globale ha un impatto su tutte le fasi dello sviluppo della vite e sulla produzione di composti aromatici nell’uva”.

Già all’inizio dell’analisi dei risultati condotta lo scorso anno, ho notato differenze in circa due dozzine di composti floreali e fruttati, come alcuni fenoli che “modulano il gusto e la qualità del vino”.

I principali cambiamenti si verificano molto presto nella formazione dell’uva, una fase meno preziosa dello sviluppo di massa. “Questa fase, erroneamente considerata meno importante dell’invaiatura, vede la formazione di precursori nei chicchi, che sono molecole centrali per la formazione dei composti aromatici”, ricorda il ricercatore.

Pertanto, l’estate sempre più calda e umida accelera il processo di raccolta e persino la raccolta. Questa accelerazione nello sviluppo delle bacche può influenzare negativamente l’industria del vino e, in definitiva, la qualità del vino.

READ  Impara con YouTube #220: passeggiata mentale, scienza sorprendente, nota bene, teoria delle stringhe...

Quanti dubbi

D’altra parte, il cambiamento climatico non significa solo la durata dell’estate. Le gelate primaverili sono più frequenti e i temporali aumentano, i cambiamenti invernali con la scomparsa del manto nevoso e in primavera si verificano sempre più presto siccità.

Questa serie di incertezze infastidisce i più ottimisti e inquietanti tra un centinaio di viticoltori qui. “Per tre anni ci è mancata l’acqua in primavera, è crepata e abbiamo iniziato ad annaffiare”, afferma Louis Thomas, enologo e proprietario del vigneto Domaine du Fleuve a Varennes.

Tuttavia, dice che non vuole lamentarsi del caldo e della disidratazione. “Siamo abituati a preoccuparci del freddo, ma il caldo e il freddo cambiano e le temperature non sono mai buone”.

in modalità soluzione

I viticoltori del Quebec sono alla ricerca di soluzioni per affrontare i rischi climatici. E anche i ricercatori, a partire dalla ricerca dei vitigni più adatti a questi disturbi. Karine Pedneault ritiene inoltre che gli ibridi progettati per resistere ai raffreddori invernali e agli insetti nocivi resisteranno meglio ai vari cambiamenti associati al riscaldamento (vedi riquadro).

I vitigni ibridi rappresentano ora oltre l’85% dei vigneti in Nuova Scozia e Quebec. “È una polizza assicurativa contro il gelo e le malattie”, concorda Karen Bidenault. L’idea è quella di trovare il “match perfetto” tra vitigno, terroir e cambiamento climatico.

“Queste intersezioni mostrano resilienza in vari test: Ceval Blanc, Marechal Foch, ecc. Questo sembra essere un ulteriore vantaggio in un contesto climatico più ambiguo”. Questi vitigni offrono una grande adattabilità ma pongono ancora problemi dal punto di vista biochimico. “Vogliamo mantenere uve interessanti dal punto di vista dei vini, che gli ibridi offrono di meno. Sono più resistenti al freddo e ai parassiti, e hanno una buccia più spessa che interferisce con la produzione di tannino. Questo provoca una perdita di suscettibilità al vino, spiega il ricercatore, la ricetta deve ancora essere affinata.

READ  Domenica al Lac de la Reynerie Toulouse Domenica 3 ottobre 2021

Leggi anche il secondo testo di questa serie:
Cromo e clima, l’attesa esplosione dei parassiti

Foto: Vineyard Domain Cote Dardwaze, Denham / Wikipedia Commons