Settembre 24, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Israele ha uno dei più alti tassi giornalieri di infezione da Covid al mondo nonostante la vaccinazione

Medio Oriente

link breve

Primo paese a vaccinare la maggior parte della sua popolazione, Israele non è protetto contro la variante delta che si dice sia arrivata nel paese quando la protezione offerta dal vaccino ha cominciato a diminuire in quelli vaccinati. Di conseguenza, Israele ha uno dei tassi giornalieri di infezione da Covid-19 più alti al mondo.

Serve da esempio in termini di vaccinazione contro il Covid-19 di oltre la metà i suoi abitanti Avendo già impollinato il 25 marzo, Israele sta attualmente affrontando una forte diffusione della variante delta. Di conseguenza, l’aumento dei casi nel paese potrebbe indicare che la protezione dai vaccini si sta deteriorando nel tempo.

Oggi, il paese ha uno dei tassi di infezione giornalieri più alti al mondo con una media di quasi 7.500 casi confermati al giorno, il doppio rispetto a due settimane fa, riporta NPR. notizia. I media hanno riferito che quasi una persona su 150 in Israele è infettata dal virus.

A giugno, tutte le restrizioni sono state revocate nel paese, compreso l’uso di maschere al chiuso. Ma Israele ha pagato il prezzo per la sua leadership nell’immunizzare il mondo maggioranza della sua popolazione. Funzionari sanitari, poi Pfizer, hanno affermato che i loro dati hanno mostrato una protezione ridotta dal vaccino circa sei mesi dopo aver ricevuto la seconda dose. Inoltre, il declino dell’efficacia del vaccino in Israele ha coinciso con l’arrivo della nuova mutazione del virus delta, che è più contagiosa dei suoi predecessori. Il delta è responsabile di quasi tutte le vittime in Israele oggi.

READ  COVID-19: No, la "malattia di Lil" non esiste

La nuova ondata di contagi sta spingendo i leader israeliani a tornare a misure come indossare maschere e imporre restrizioni agli assembramenti man mano che i tassi di casi si avvicinano ai giorni peggiori dello scorso inverno.

Effetto dell’età della popolazione vaccinata

Quasi l’80% degli adulti israeliani è completamente vaccinato contro il Covid-19. Tuttavia, Israele ha una grande popolazione giovane, molti dei quali non hanno l’età richiesta per la vaccinazione (sotto i 12 anni), e si stima che 1,1 milioni di israeliani idonei, la maggior parte dei quali tra i 12 ei 20 anni, si siano rifiutati di partecipare. Pertanto, ciò significa che solo il 58% della popolazione totale di Israele è stato completamente vaccinato, riporta NPR News.

La terza dose del vaccino

Lo stato ha ampliato la campagna di richiamo per includere individui di età superiore ai 40 anni nel tentativo di limitare la diffusione della variante delta del coronavirus ed evitare ulteriori chiusure. Tuttavia, il ministero ha esortato gli insegnanti, gli operatori sanitari, gli assistenti agli anziani e le donne incinte di tutte le età a ricevere la vaccinazione.

Israele è il primo paese ad avanzare La terza iniezione Vaccino Pfizer come parte di una campagna di richiamo nazionale. La ricerca preliminare in Israele indica che le dosi di richiamo aumentano significativamente la protezione contro il coronavirus una settimana dopo che una persona riceve la terza dose.

Anche se oggi non c’è consenso all’interno comunità scientifica Per quanto riguarda la necessità di una terza dose del vaccino, alcuni Paesi, tra cui Francia, Germania, Canada e Stati Uniti, hanno manifestato l’intenzione di attuare una campagna di richiamo.

READ  [Loisirs] Festival della scienza alla Mediateca Jean Dooley Pressy venerdì 1 ottobre 2021