Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Varcare le soglie planetarie e l’ingiustizia sociale

Varcare le soglie planetarie e l’ingiustizia sociale

Quell’anno, un team guidato da Johan Rockström dell’Institute for Environmental Sciences dell’Università di Potsdam (Germania), pubblicato nel diario natura Classificazione: I sistemi del nostro pianeta il cui cambiamento può essere stimato dall’attività umana, che sono divisi in nove gruppi. Ognuno di loro aveva le proprie soglie, entro le quali la natura “fluttuava” per migliaia di anni. Attraversare queste “soglie” o “confini planetari” causerebbe un’interruzione imprevedibile e irreversibile per la fauna selvatica e per gli esseri umani. Questi nove cluster erano il clima, il tasso di perdita di biodiversità, i cicli dell’azoto e del fosforo, il degrado dello strato di ozono, l’acidificazione degli oceani, l’acqua dolce, la perdita di terreni agricoli, l’inquinamento chimico e l’aumento delle particelle fini nell’aria.

Già nel 2009, questi ricercatori stimavano che tre delle otto soglie fossero state superate. nell’aggiornamento Inserito il 31 maggio In natura Firmato da quaranta ricercatori tra cui Rockstrom e molti suoi colleghi nel 2009, i “limiti” sono ora otto e sette sono stati superati.

Ma ciò che hanno aggiunto al loro aggiornamento è stato il costo per i più vulnerabili degli 8 miliardi di persone. O, più precisamente, i limiti dell'”ingiustizia” nell’uso delle risorse della terra: 200 milioni di esseri umani saranno esposti a innalzamenti di temperatura senza precedenti; 500 milioni saranno esposti a continui innalzamenti del livello dell’acqua.

articolo originale, Nota l’editoriale Nell’ultima versione di natura“, ha avuto un impatto straordinario in un periodo di tempo relativamente breve. Le città di tutto il mondo hanno iniziato a sperimentare modi in cui il “concetto” poteva essere applicato, affrontando ciò che era a portata di mano: proteggere la terra, le acque sotterranee e superficiali, ridurre i fertilizzanti, eccetera. Da allora, altri ricercatori Miglioramenti suggeriti per il modelloE, sulla base di una di queste proposte, apparsa lo scorso marzo, l’aggiornamento aggiunge l’idea di introdurre un resoconto sull’uso “giusto” ed “equo” delle risorse planetarie.

READ  I campioni dell'asteroide Ryugu potrebbero innescare una pandemia?

In questo ragionamento per equità o equità, quaranta ricercatori difendono in particolare l’idea che il riscaldamento globale dovrebbe mirare a un aumento estremo di un grado (rispetto ai livelli prima della rivoluzione industriale nel diciannovesimo secolo), piuttosto che di un grado e mezzo – come stipulato in l’Accordo di Parigi – O due gradi – di cui parlavamo prima dell’Accordo di Parigi. Nei loro calcoli, un grado e mezzo consentirebbe alle persone più ricche del pianeta di proteggersi dai danni più gravi, ma non ai più vulnerabili: tali sono i 200 milioni di persone che sono state esposte a temperature senza precedenti.

Lo stesso ragionamento vale per l’accesso futuro all’acqua potabile, al cibo o all’energia per la popolazione mondiale.

L’editoriale rileva che, poco dopo la pubblicazione dell’articolo del 2009, ai negoziati internazionali “che hanno portato a Obiettivi di sviluppo sostenibile Dalle Nazioni Unite, annunciato nel 2015”. Anche gli economisti hanno ripreso l’idea e il loro lavoro aggiornare il feed. Questo è inoltre un esempio di ciò che chiedono i sostenitori dell’interdisciplinarietà – quando diverse discipline accademiche, con background diversi, mettono insieme le loro competenze – e forse da queste diverse prospettive, conclude l’editoriale, emergeranno possibili soluzioni alla crisi climatica.