Settembre 26, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Uragano Ida: disastri ambientali in arrivo

È troppo presto per Valutazione del danno ambientale: possiamo temere, almenoperdite tossiche nell’acqua e pericolosi rilasci nell’aria, senza che fosse possibile allertare i residenti della zona che non hanno potuto evacuare. Ma anche se le strutture più vulnerabili dovessero essere evitate, è solo questione di tempo prima che le tempeste causate dal riscaldamento globale si intensifichino, insieme al crollo del delta del Mississippi per 200 anni, non provocando un disastro ambientale.

E per anni, gli esperti hanno lottato per capire come evitarlo: a differenza di un percorso sul lungomare che può essere alterato dall’innalzamento del livello del mare, le raffinerie giganti, le strutture portuali e tutte le altre infrastrutture non possono essere spostate. Le barriere alluvionali che li circondano non possono essere costruite più in alto o più in alto.

Ricorda che agli occhi dei geologi locali, la Louisiana è costruita su una spugna:

  • Da un lato, migliaia di anni fa, il fiume Mississippi trasportava sedimenti per centinaia di chilometri, che abbandonava prima di sfociare nel Golfo del Messico, ridisegnando così la disposizione di isole e fiumi.
  • D’altra parte, a intervalli regolari, le tempeste dal mare hanno portato allo spostamento di parte di queste terre e fiumi.
  • Gli esseri umani, tuttavia, costruendo dighe e canali per evitare che le loro città si allagassero, hanno bloccato il passaggio dei sedimenti, provocando tempeste che hanno squarciato parti del territorio non più sostituite dalla natura.

Di conseguenza, le isole stanno gradualmente scomparendo – Cajun è spesso citato come esempio – mentre le autorità locali spendono miliardi per proteggere città come Houma. e Port FourchonChe divenne il cuore dell’economia della Louisiana con la scoperta, un secolo fa, del petrolio nel Golfo del Messico. Le 17 raffinerie di petrolio della regione rappresentano un quinto della produzione statunitense. I due terminali GNL da soli hanno esportato più della metà della produzione del Paese. Ci sono 590 sedi che producono o immagazzinano prodotti pericolosi a seconda di una di esse L’analisi è stata fatta questa settimana Dai media locali che utilizzano i dati dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti.

READ  Nei pipistrelli sono stati rilevati virus vicini a SARS-CoV-2

Quanto tempo prima del disastro? Questa era la domanda che si è posta 16 anni fa quando l’uragano Katrina ha colpito lo stesso posto. Il settore è stato scosso per alcune settimane e poi ha ripreso le sue attività, ma il conto, ogni volta, è stato alto, sia per le aziende che per i governi. Né l’incertezza sul futuro degli uragani – se saranno più numerosi o “solo” più forti – non è rassicurante.

Nessun dato in tempo reale sugli sversamenti, menzionato Il New York Times, fino a quando non abbiamo avuto una valutazione degli impatti ambientali di Ida per settimane. Ma concretamente, si dovrebbe sapere che raffinerie e impianti chimici letteralmente “svuotano” le nubi tossiche quando cessano le loro attività. nel 2017Così, l’industria petrolchimica di Houston, in Texas, ha rilasciato milioni di chilogrammi di sostanze inquinanti nell’aria circostante, dopo il passaggio dell’uragano Harvey. Nel 2004, l’uragano Ivan ha distrutto un impianto di perforazione offshore a 10 chilometri dalla costa, causando la più lunga marea nera nella storia del paese.

È chiaro che i gruppi ambientalisti hanno a lungo sostenuto una discussione sul futuro energetico della regione, data la successione di uragani devastanti negli ultimi due decenni. Ma la Louisiana parte da lontano Prima dell’ultimo dei 50 stati degli Stati Uniti per la percentuale di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Foto: l’uragano Ida visto dalla stazione spaziale il 29 agosto dall’astronauta francese Thomas Pesquet.