Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Più contagiosa, più resistente: dobbiamo preoccuparci ogni volta che si scopre una nuova variante?

primario
Nel giro di una settimana, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che stava monitorando da vicino due “variabili di interesse”. Tuttavia, questi avvisi non creano un consenso all’interno della comunità scientifica: alcune mutazioni in SARS-CoV-2 in realtà non sono un problema.

Alpha, Beta, Delta… In un anno e mezzo, dall’inizio della pandemia di Covid-19, è emerso in molti modi il coronavirus SARS-CoV-2 responsabile della malattia. Il virus muta, muta, si adatta e cambia: al punto che continua a preoccupare le autorità sanitarie e la comunità scientifica, al punto da far temere una ripresa più seria dell’epidemia.

Leggi anche:
COVID-19: “Raggiungere l’immunità di gruppo non sarebbe possibile con la variante delta”, dicono molti studi

Anche l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha fatto dello studio e del monitoraggio di nuove varianti del Covid-19 la sua spina dorsale. Ultimo esempio martedì 31 agosto: l’organizzazione ha annunciato che sta monitorando da vicino un Un nuovo ceppo di virus corona chiamato “Mu”.. Classificato come “variabile da seguire”, è stato scoperto per la prima volta in Colombia lo scorso gennaio. La caratteristica principale secondo gli elementi più recenti dell’analisi: il rischio di “fuga immunitaria”, ovvero l’aumentata resistenza della variante ai vaccini esistenti.

Varianti più contagiose ma non preoccupanti

Questi avvisi, l’Organizzazione mondiale della sanità ha emesso diversi avvisi negli ultimi mesi: dall’inizio dell’epidemia, sono state rilevate quasi 500 specie di SARS-CoV-2. Per mesi, le varianti più contagiose sono state le più seguite. “Finora, le variabili che ci hanno causato problemi sono state quelle che hanno accelerato il corso di un’epidemia in una comunità che non è stata immune”, spiega l’epidemiologo Martin Blacher.

READ  Notizie sulle missioni spaziali in 5 foto

Leggi anche:
Vaccini contro il Covid-19: Pfizer afferma che “non è ancora necessario” adattare il suo vaccino alle variabili

Oggi, tuttavia, l’emergere di nuove varianti più contagiose non dovrebbe essere una preoccupazione costante secondo l’epidemiologo. “Scoprire una variante più contagiosa, a questo punto dell’epidemia in Francia, non importa”, spiega Martin Blacher No depeche du midi. La paura di una variante più contagiosa non è più rilevante oggi, dato che la maggior parte della popolazione francese è immunizzata o con la vaccinazione o con l’immunità naturale. “In Francia, il 65% della popolazione è ora sottoposto a un programma di vaccinazione completo.

Paura di una variante insensibile al vaccino

Tuttavia, c’è ancora il timore della “super alternativa”. Una mutazione particolarmente resistente all’immunità naturale e al vaccino. “Questo è lo scenario che spaventa”, evoca l’epidemiologo, riprendendo l’esempio della variante “Mu”. Ma il medico avverte: “La priorità è scoprire se questa alternativa è così pericolosa da mandare in ospedale persone già contagiate o che hanno un programma vaccinale completo con i vaccini utilizzati in Europa. Tuttavia, per noi in questo momento non abbiamo questi dati”.

Leggi anche:
Covid-19: secondo uno studio maggiori rischi di ospedalizzazione dopo contaminazione da variante delta

Ma il dottore è rassicurante. “Quando abbiamo ottenuto questo livello di analisi utilizzando le variabili alfa e delta, i primi risultati hanno mostrato che queste variabili non erano sensibili ai vaccini e che abbiamo osservato la resistenza ai vaccini. in laboratorio. Ma oggi possiamo vedere molto chiaramente che i vaccini agiscono su queste variabili. “L’epidemiologo lo conferma: nessuno scienziato ha ancora scoperto una mutazione in SARS-CoV-2 che sfuggirebbe all’immunità sia naturale che vaccinale”. In tal caso, possiamo essere preoccupati”.

READ  COVID-19: Qual è la situazione epidemiologica in Occitania alla vigilia dell'inizio dell'anno scolastico?